Peugeot 2008I segreti del piccolo crossover

Peugeot 2008 I segreti del piccolo crossover Peugeot 2008 I segreti del piccolo crossover
 

Arriverà lei, e spariranno sia la station che la scoperta. La Peugeot 2008 sarà l'unico modello derivato dalla nuova 208, che al contrario della 207 non darà vita alle varianti familiare e coupé-cabriolet. Il motivo è semplice: i piccoli crossover "tirano" sempre di più, mentre al contrario, il moderato successo riscontrato dalle altre due proposte, non ha giustificato una conferma agli investimenti per produrle.

 

Piccola e alla moda. La 2008 si configurerà in tutto e per tutto come una rivale della Nissan Juke e di tutte le altre proposte che hanno seguito la scia della giapponese, a partire dalla Opel Mokka. Tutte le specifiche di progetto del modello di Sochaux risponderanno ai requisiti del segmento di mercato in cui si andrà a inserire. Primo fra tutti, le dimensioni compatte: la lunghezza della 2008 sarà di circa 415 cm. Naturalmente poi, non potrà mancare quel tocco "trendy" necessario per sfondare in questa nicchia.

 

Mancano quasi due anni. C'è ancora tempo per il debutto della piccola Suv d'Oltralpe: il suo arrivo sui mercati europei non è atteso prima del 2014. Il suo design sarà caratterizzato da forme che con la loro robustezza strizzeranno l'occhio al mondo dell'offroad, senza che però a questa coloritura estetica corrisponda una reale efficacia sui terreni più difficili: non è questo che richiede il mercato, sempre più orientato al contrario sulle versioni a trazione anteriore per quanto riguarda questa categoria di modelli.

 

Lo stile. I dettagli stilistici più caratterizzanti saranno fra gli altri la griglia anteriore a due listelli orizzontali, le barre portatutto integrate con la carrozzeria e il caratteristico andamento dei gruppi ottici anteriori, che nella loro elaborata sezione inferiore riprenderanno lo stile complesso già visto sui fari della 208.

 

Anche col tre cilindri turbo, probabilmente. La 2008, naturalmente, avrà molto a che spartire con la compatta d'origine a livello meccanico: è verosimile la presenza del nuovo 1.2 tre cilindri da 82 CV insieme a quella del 1.4 da 95 e del 1.6 da 120. Sono inoltre del tutto probabili sviluppi per quanto riguarda le unità a benzina, con l'introduzione del tre cilindri turbo a iniezione diretta (non ancora disponibile sui modelli del Gruppo Psa) e del 1.6 THP per una possibile variante sportiva. I diesel dovrebbero essere i due 1.6 e-HDi, da 92 e 114 CV.

 

Due ruote motrici possono bastare. Non è da escludere infine che la 2008 possa essere offerta con la sola trazione anteriore: dal momento che non esiste uno schema di quattro ruote motrici "tradizionale" in Casa, e che la partnership con la General Motors è stata siglata quando i progetti di 2008 e Mokka erano già praticamente definiti (difficile dunque immaginare un prestito tecnico dalla Opel), l'unica soluzione plausibile pare l'adozione del sofisticato sistema Hybrid4.

 

Problemi di costi. Rimane del tutto da valutare in ogni caso la fattibilità economica di quest'operazione: difficile ammortizzare i costi di un dispositivo così evoluto su un modello di segmento B, in grado di garantire margini del tutto risicati. A maggior ragione di questi tempi, con i Costruttori generalisti europei alle prese con gravi problemi di redditività, che rendono una versione del genere tutt'altro che prioritaria.


Fabio Sciarra

avatar
Joe Ferrante
24 agosto 2012 9.16
e la nuova citycar che sostituisce l'attuale 108 quando la faranno?????

ke OO stì suv, crossover e pseudo-suv... nn li sopporto... meglio le citycar che stò tipo di auto "pesante" chje consuma carburante... tutta colpa della fottuta moda...
risposta >
avatar
fabio lanfranchi
24 agosto 2012 9.43


...Quale 108????????
risposta >
avatar
vin leo
24 agosto 2012 11.10
La 107 + 1.............(-_-)
avatar
sortie72@libero
24 agosto 2012 10.40
PSA sta uccidendo le break: prima con Xsara-C4 e ora con questa. ma pazienza. invece davvero un gran peccato pe la CC. e comunque come le 205 e 206 nessuna più.
risposta >
avatar
vin leo
24 agosto 2012 11.08
il problema è sempre il mercato, fare una CC costa molto per via dello stravolgimento totale del modello da cui deriva, e di cui può conservare solo parte della componentistica e niente più, se poi le vendite sono lo zerovergola, allora va da se che non si rientra dell'investimento iniziale. Di questi tempi PSA non si può più permettere di fare modelli d'immagine ma in perdita.
Novità su Quattroruote