• player icon Polizia: controlli a tappeto in tutta Italia
    News
    Polizia: controlli a tappeto in tutta Italia
  • player icon Al volante dell'Audi R8 GT3 a Vairano
    Première
    Al volante dell'Audi R8 GT3 a Vairano
  • player icon Porsche Panamera: un'anteprima della nuova generazione
    News
    Porsche Panamera: un'anteprima della nuova generazione
  • player icon Citroën: primo video-teaser della C3
    News
    Citroën: primo video-teaser della C3

Bugatti ChironChe numeri per l'erede della Veyron! - VIDEO

 

Come non detto: in anticipo rispetto a quanto ci aspettassimo e a poche ore dalla Volkswagen Group Night, la Bugatti ha rilasciato tutte le informazioni sulla Chiron, incluse le prime foto ufficiali. La somiglianza con la Concept Vision Gran Turismo è evidente e rappresenta una salto generazionale importante rispetto alla Veyron, con l'introduzione di un nuovo linguaggio stilistico.

Caratteristiche. La nuova hypercar firmata Bugatti sarà disponibile a partire dall'autunno in 500 esemplari e ai suoi facoltosi clienti offrirà numeri da record. Con 1.500 CV e 1.600 Nm di coppia massima il W16 torna a essere il più potente sul mercato, mentre la velocità massima è autolimitata a 420 km/h: una nota nel comunicato ufficiale specifica che questo dato è relativo alla guida su strada, segno che nell'aria c'è già un nuovo tentativo di record in circuito per superare i 432 km/h della Veyron Grand Sport Vitesse. Secondo la Casa, per toccare i 100 km/h da fermo bastano meno di 2,5 secondi, mentre per raggiungere i 300 all'ora ce ne vogliono poco meno di 13,6 secondi.

Nuovo cambio. Per raggiungere questi livelli di potenza, il W16 di 8.0 litri quadriturbo è stato completamente rivisto adottando nuove turbine maggiorate, un sistema di aspirazione in fibra di carbonio e il doppio sistema di iniezione con 32 iniettori. Le turbine sono gestite da un sistema a doppio stadio: due delle quattro turbine lavorano fino a 3.800 giri azzerando il turbo-lag, mentre le altre due intervengono solo ai regimi maggiori, offrendo così una curva di erogazione assolutamente piatta da 2.000 a 6.000 giri. I 1.600 Nm di coppia sono gestiti attraverso un nuovo doppia frizione a sette marce, abbinato alla trazione integrale e dotato di frizioni dalle dimensioni record per una vettura di serie.

Scarico e telaio. L'impianto di scarico in titanio adotta quattro pre-catalizzatori e due catalizzatori di grandi dimensioni (circa sei volte quelli di una auto normale): l'intero sistema ha permesso di offrire una minor contropressione e una riduzione importante della massa totale, mentre il silenziatore finale a sei uscite è stato realizzato in modo da pesare soltanto 20 kg. Per quanto riguarda il telaio la Bugatti utilizza una nuova monoscocca in fibra di carbonio capace di generare una rigidità torsionale comparabile a quella di una vettura da competizione della categoria LMP1 (50.000 Nm per grado), pur riducendo il peso di 8 kg rispetto alla Veyron. La costruzione della monoscocca richiede quattro settimane di lavorazione, seguendo una nuova tecnica "a sandwich". La fibra di carbonio è utilizzata per la prima volta anche per i contenuti degli airbag: quello frontale lato passeggero e quelli laterali integrati nei sedili. Il peso complessivo della Chiron è di 1.995 kg a vuoto.

Assetto e modalità di guida. La rigidità della struttura ha permesso di sviluppare un nuovo assetto adattivo dalla risposta particolarmente diretta e agile, con le sospensioni elettroniche che vengono gestite dalle centralina di bordo insieme ai parametri dell'aerodinamica, del servosterzo, della trasmissione e del controllo di stabilità. Il guidatore può selezionare cinque diverse modalità di guida: Lift, Auto, Autobahn, Handling e Top Speed. La modalità Lift è attiva fino a 50 km/h e prevede assetto rialzato e ammortizzatori morbidi per superare ostacoli fissi, mentre quella definita Auto, bilancia confort e prestazioni in maniera del tutto automatica. Superati i 180 km/h la vettura passa in modalità Autobahn per un miglior controllo alle alte velocità. In Handling offre le migliori performance assolute ed è pensata anche per la guida in pista con una velocità massima di 380 km/h, mentre in Top Speed permette di raggiungere i 420 km/h e richiede l'intervento della Speed Key, la seconda chiave separata per serve per "armare" i sistemi.

Pneumatici e freni. Per la Chiron sono stati sviluppati nuovi pneumatici in collaborazione con Michelin, tenendo conto dello sforzo titanico a cui sono chiamati. Sono state adottate misure maggiorate per entrambi gli assi rispetto alla Veyron: da 285/30 su cerchi da 20" all'anteriore e da 355/25 su cerchi da 21" al posteriore. Le coperture devono garantire il necessario comfort e lavorare anche a oltre 400 km/h con carichi che possono raggiungere i 5.000 Nm per ruota e una forza centrifuga di 3.800 Nm per ogni grammo. L'impianto frenante, fondamentale quando ci sono 1.500 CV da gestire, offre ulteriori elementi innovativi. L'impianto carboceramico adotta dischi in Carbon Silicon Carbide (CSiC) con diametro maggiorato di 20 mm e spessore di 2 mm maggiore rispetto alla Veyron, abbinati a nuove pinze forgiate di alluminio: il loro design, ispirato a quello delle vetture di Formula 1, consente di ridurre la massa e ottimizzare la dissipazione del calore. Le pinze anteriori adottano otto pistoncini di titanio, mentre quelle posteriori ne utilizzano sei, ognuno con un diametro diverso in base alla posizione per migliorare la distribuzione della pressione sul materiale d'attrito. All'evacuazione del calore dell'impianto contribuiscono anche inedite paratie anticalore brevettate di nuova concezione.

L'aerodinamica. Per poter gestire al meglio la vettura alle altissime velocità di cui è capace l'aerodinamica è stata ulteriormente sviluppata utilizzato prese d'aria e appendici attive. L'alettone posteriore, in particolare, può assumere quattro diverse posizioni: totalmente chiuso, parzialmente aperto (modalità Top Speed) e completamente esteso con due inclinazioni regolate dall'elettronica di bordo, oltre alla posizione Airbrake. Allo stesso tempo i flussi d'aria hanno richiesto un lavoro certosino di ottimizzazione per il raffreddamento della meccanica, con un totale di dieci radiatori a bordo. La nuova posizione dei radiatori ha permesso anche di ampliare il vano bagagli, ora capace di ospitare un trolley da 44 litri.

Tecnologie aggiornabili. L'intero apparato elettronico di bordo è stato studiato per garantire la massima affidabilità in relazione alle prestazioni della vettura e per essere ulteriormente aggiornato ed evoluto in futuro. Tutto quello che è stato utilizzato rappresenta il meglio della tecnologia oggi disponibile: è il caso dell'impianto di illuminazione anteriore Full Led completamente personalizzabile, dell'elemento Led unico lungo 1,6 metri delle luci posteriori, dell' infotainment e del sistema di climatizzazione. I gruppi ottici, con otto elementi Led alti appena 90 mm, sono costruiti ricorrendo all'alluminio e alla fibra di carbonio. 

Fondoscala a 500 km/h! La strumentazione è composta da un tachimetro analogico con fondo scala a 500 km/h, da due schermi TFT e da uno schermo IPS, tutti integrati in una struttura in alluminio: i dati visualizzati cambiano in base alla velocità per garantire la massima chiarezza nella consultazione e possono essere completamente personalizzati. Il comandi del climatizzatore sono integrati nella sottile console centrale e sono visibili anche dal passeggero, ma diventano comandi multifunzione in base alla modalità scelta: Icon, Performance, Cruise e Classic. 

Hi-Fi su misura. L'impianto di infotainment di bordo integra un impianto audio studiato in collaborazione con il marchio high-end Accuton e dotato di regolazioni che vengono modificate addirittura in base ai rivestimenti selezionati dal cliente per rivestire l'abitacolo. A bordo è inoltre disponibile un sistema telemetrico che permette di consultare tutti i sensori e i dati disponibili ed è integrata una connessione Umts con hot-spot wifi. 

Un terzo sono già prenotate.La Bugatti Chiron sarà prodotta in 500 esemplari, un terzo dei quali già prenotati da un selezionato numero di clienti. Il prezzo di listino è da record come l'intero progetto: 2,4 milioni di euro, tasse e personalizzazioni escluse. In fase di ordine sarà possibile scegliere tra varie combinazioni bicolore per la carrozzerie, tra 31 colori per la pelle interna, otto varianti per l'Alcantara e tre tipologie di sedili, ma le opzioni sono praticamente infinite considerando l'esclusività del modello e la disponibilità dei tecnici Bugatti ad assecondare le richieste dei propri clienti.

Lorenzo Corsani