Sei in: Home > Auto > Novità > La nuova ammiraglia che può guidare da sola - VIDEO

Audi A8La nuova ammiraglia che può guidare da sola - VIDEO

 

Già presentata e guidata con tanto di test dei dispositivi di guida autonoma nel traffico cittadino, la quarta generazione dell’Audi A8 è pronta a debuttare sul mercato con novità di grande impatto in termini di design e tecnologia. L'ammiraglia di Ingolstadt sarà in vendita entro la fine del 2017 con prezzi, in Germania, a partire da 90.600 euro (mentre la A8 L a passo lungo sarà proposta a partire da 94.100 euro).

Poco più grande. Lunga 5,17 metri, tre centimetri in più rispetto al modello uscente, e con un passo di 299, la A8 è una vera ammiraglia dalla linea filante. I gruppi ottici anteriori a matrice di Led con tecnologia laser ne seguono i contorni, mentre al posteriore è previsto un inedito elemento Oled che percorre l'intero portellone. I passaruota bombati sono una scelta precisa di Licthe e richiamano i modelli quattro del passato. La piattaforma Audi Space Frame utilizza alluminio, magnesio e carbonio, migliorando del 24% la rigidità.

Doppio display. Nell'abitacolo si trovano elementi inediti, dal volante a quattro razze multifunzione alla console centrale con doppio display touch: quello più basso da 8,6 pollici sostituisce i comandi fisici tradizionali, mentre quello superiore da 10,1 pollici controlla l'infotainment. Sparisce del tutto l'interfaccia MMI Touch vicino alla leva del cambio, dal momento che il display inferiore viene utilizzato anche per scrivere con le dita. Entrambi i display restituiscono un feedback tattile e sonoro e dispongono della funzione di swiping, ma sono comunque previsti anche i comandi vocali della piattaforma Drangon Drive, basata sull’intelligenza artificiale e capace di comprendere il linguaggio naturale, integrando funzioni text-to-speech per assistere il guidatore nelle principali funzioni.

2017-Audi-A8-9

L'AI Active Suspension. Sull’A8 debuttano anche nuove sospensioni pneumatiche a controllo elettronico. Il sistema AI Active Suspension controlla ogni singola ruota sia per quanto riguarda l'assorbimento sia per l'altezza da terra. Grazie al dispositivo Pre-sense 360° è così possibile alzare uno dei lati del veicolo in caso di imminente urto laterale per concentrare l'impatto sui longheroni, mentre la telecamera frontale consente di leggere lo stato dell'asfalto e anticipare la reazione della vettura per massimizzare il confort. L'impianto frenante dell'A8 adotta dischi di alluminio con pinze fisse. In opzione le versioni V8 e W12 potranno però adottare un nuovo impianto carboceramico con dischi anteriori da 420 mm e pinze anteriori a dieci pistoncini. La gamma dei cerchi di lega spazierà invece da 17 a 21 pollici, con misura massima di 275 mm per i pneumatici.

Quattro e quattro. La nuova A8 adotta le quattro ruote sterzanti, soluzione che ha permesso di rendere agile l'ammiraglia nonostante le dimensioni (con un raggio di sterzata di 11,4 metri), permettendo allo stesso tempo di utilizzare un rapporto più diretto per l'asse anteriore, migliorando così il feeling di guida. A questo elemento va aggiunta l'efficienza della trazione quattro con torque vectoring e della ripartizione di base al 60% sull'asse posteriore. Per tutte le versioni sarà inoltre previsto in opzione il differenziale posteriore sportivo, che lavora sfruttando i dati provenienti dalle sospensioni e dal telaio per offrire la massima dinamicità di guida.

Elettrificazione in programma. L'Audi ha scelto di elettrificare l'intera gamma, una anticipazione di quello che gradualmente avverrà anche per gli altri modelli. Al lancio la A8 sarà quindi offerta nelle varianti V6 3.0 TDI, da 286 CV, e TFSI, da 340 CV.  In un secondo tempo, si aggiungeranno alla gamma il V8 4.0 TDI da 435 CV e il V8 TFSI da 460 CV, oltre alla top di gamma W12 6.0 da 590 CV e 800 Nm.