Sei in: Home > Auto > Novità > L'ammiraglia in veste ibrida plug-in - VIDEO

Mercedes-Benz S 560 eL'ammiraglia in veste ibrida plug-in - VIDEO

 

La strategia di elettrificazione di Mercedes-Benz è già in atto: al Salone di Francoforte si aggiunge infatti alla gamma della rinnovata Classe S berlina la inedita S 560 e Plug-in Hybrid con tecnologia EQ Power. Nonostante la sigla "560" identica a quella della nuova V8 biturbo benzina da 469 CV, la "e" adotta il V6 3.0 biturbo da 367 CV abbinato a un motore elettrico da 90 kW e 440 Nm integrato nel cambio automatico 9G-Tronic.

Fino a 50 km di autonomia. Grazie alle batterie al litio da 13,5 kWh la S 560 e può percorrere fino a 50 km a emissioni zero sfruttando solo il motore elettrico, mentre il consumo medio combinato è pari a 2,1 l/100 km e 49 g/km di CO2. Le prestazioni di questa ibrida rimangono sportive: 5 secondi netti per toccare i 100 km/h da fermo e 250 km/h di punta massima autolimitata. L'evoluzione degli accumulatori, passati dalla tecnologia LiFePo a quella Li-NMC, ha permesso di ridurre le dimensioni e aumentare lo spazio nel vano bagagli, che cresce così da 395 a 410 litri. La ricarica è garantita dal sistema rapido da 7,2 kW installato a bordo.

17C188_18

L'inedito Eco Assist. La Mercedes-Benz ha inoltre previsto alcune soluzioni per l'ulteriore contenimento dei consumi. Oltre alla pre-climatizzazione dell'abitacolo durante le fasi di ricarica, funzione estesa ora anche alla ventilazione o riscaldamento dei sedili e gestita in remoto dalla app Mercedes Me, viene infatti reso disponibile l'Eco Assist, un sistema che analizza le condizioni del traffico, i dati Gps e il flusso di informazioni dei sensori di bordo per consigliare al guidatore quando rilasciare l'acceleratore e attivare la funzione coasting. Nel display dell'auto vengono indicati i suggerimenti e le motivazioni legate al calcolo, per esempio per l'approssimarsi di un incrocio o di una discesa. Inoltre, attraverso continue simulazioni, il sistema riesce a calcolare l'autonomia residua e il reale risparmio in termini energetici che le varie azioni possono fornire. Infine, l'acceleratore ha un feedback aptico variabile in base alla modalità di guida per permettere di capire quale sia il punto in cui il motore endotermico viene chiamato in causa, consentendo così di risparmiare carburante.