Sei in: Home > Tecnologia > Nuove tecnologie > I test drive virtuali elaborano quasi 5 milioni di km al giorno

Google CarI test drive virtuali elaborano quasi 5 milioni di km al giorno

 

Non ci sono soltanto i km percorsi sulle strade reali, finora 2,3 milioni in modalità autonoma e 1,6 in quella manuale: per la Google Car, al lavoro ci sono anche i simulatori e le workstation di Alphabet, in grado di elaborare circa 4,8 milioni di km al giorno: dati virtuali, ma che servono per tarare le vetture e a renderle più intelligenti in mezzo al vero traffico.

Potere al computer. Il dettaglio sul doppio binario scelto da Mountain View per la guida autonoma è spiegato nel rapporto di dicembre, l'ultimo disponibile: stando alla relazione, i computer di Alphabet sono in grado di "imparare" dai dati raccolti durante i test reali, consentendo di rifinire il software di bordo e studiare i necessari aggiornamenti. Ogni modifica, spiega Big G, viene prima processata dall'ambiente virtuale del simulatore e poi importata su strada. Un esempio? Quando i responsabili del progetto (guidato da Chris Urmson) hanno deciso di migliorare l'angolo di curva nelle svolte a sinistra, il simulatore ha permesso di testare la modifica su tutti i 5 milioni di km finora percorsi dalle vetture.

In arrivo altre quattro città. Attualmente, sulle strade di Mountain View circolano 15 Lexus RX450h modificate e 26 "koala car", mentre ad Austin (dove i tecnici stanno ottimizzando il riconoscimento dei semafori, disposti diversamente rispetto alla California) le Google Car sono 14, suddivise equamente tra Suv e prototipi. Presto le due città americane potrebbero essere affiancate da altri quattro centri: il 26 gennaio Urmson si è infatti rivolto alla Federal Communications Commission per estendere l'operatività dei propri trasmettitori radio nella fascia dei 76 Ghz, utilizzata dai radar di bordo. Una delle città scelte da Google potrebbe essere Ann Arbor, già nota per MCity (la mini-città per i test autonomi costruita dall'Università del Michigan) e per le sperimentazioni con le auto connesse. D.C.