Guida autonomaLa Google Car fa "shopping" di esperti automotive

 

Nuove tecnologie sì, ma realizzate da esperti delle quattro ruote. Oltre ad aver avviato un'importante campagna acquisti, la divisione di Alphabet che si occupa della Google Car sembra sempre più interessata ad assumere i "veterani" dell'industria automotive.

Tutti a Mountain View. Secondo una ricerca effettuata dalla Reuters sui profili LinkedIn collegati al progetto Google Car, il team "autonomo" è composto da almeno 170 dipendenti. Diversi sono ingegneri che provengono dalla Ford, dalla Jaguar, dalla GM e dalla Tesla, ma non mancano i pezzi grossi come John Krafcik: l'ex numero uno di Hyundai Usa è infatti diventato Ceo della Google Car lo scorso settembre e da allora il progetto ha messo il turbo anche dal punto di vista del personale. Di recente, sono stati assunti Paul Luskin (ex Jaguar, Ford e Denso), Andy Warburton (Jaguar, Tesla) e Sameer Kshisagar, esperto di produzione in GM.

Tre anni per il mercato. Poche settimane fa, sul proprio sito, Big G ha postato una quarantina di annunci per la ricerca di ingegneri, programmatori, esperti di robotica e meccatronica, oltre a figure di marketing. L'accelerazione non deve stupire: per la Google Car, l'obiettivo è un'uscita sul mercato entro il 2019, sia come tecnologia autonoma (da fornire all'industria automotive) sia come flotta vera e propria. Un maxi progetto che potrebbe far concorrenza persino a Uber. D.C.