Guida autonomaLa Nhtsa indaga sul primo incidente causato dalla Google Car

 

La Nhtsa sta raccogliendo informazioni sul primo incidente causato dai sistemi della Google Car, verificatosi a Mountain View il 14 febbraio scorso e nel quale una Lexus RX450h si è scontrata con un autobus: si è trattato di un piccolo speronamento senza feriti, ma la dinamica e l'inedita corresponsabilità uomo-macchina hanno convinto i federali ad approfondire l'episodio.

A caccia di informazioni. Secondo quanto riporta la Reuters, l'ente per la sicurezza stradale è alla ricerca di dettagli: lo stesso numero uno, Mark Rosekind, ha già parlato con i responsabili di Alphabet, ottenendo la massima collaborazione. Chiaramente non si tratta di un "processo", ma di un'indagine accurata sulle dinamiche uomo-macchina introdotte dalla guida autonoma: la Casa Bianca, infatti, vuole che la Nhtsa stili un quadro di leggi entro il prossimo luglio ed eventi di questo tipo sono importanti per una corretta interpretazione della tecnologia. Il tema non è di poco conto: lo stesso ente è intenzionato a equiparare l'intelligenza artificiale ai guidatori umani, usando  il termine "conducente" per i sistemi di bordo e non gli occupanti del veicolo.

Un caso unico. Per l'autobus, Alphabet ritiene che parte della responsabilità sia da attribuire ai sistemi autonomi, un evento più unico che raro: gli altri 17 incidenti che hanno coinvolto la Google Car (pochissimi, se si pensa ai 2,3 milioni di km percorsi dai robot) sono stati sempre causati da errori umani. In ogni caso, il software è stato già aggiornato per evitare episodi simili. Se ne riparlerà molto presto: martedì prossimo Chris Urmson, direttore del progetto, si presenterà al Congresso Usa per descrivere i progressi e i benefici della tecnologia, a partire dalla sicurezza. D.C.