SicurezzaBimbi dimenticati in auto, il salvavita è high-tech

 

I bambini dimenticati in auto e morti di ipertermia sono una delle tragedie più difficili da accettare e spiegare, anche tirando in ballo l'"amnesia dissociativa" che colpirebbe alcuni genitori. La teoria, però, non previene gli incidenti ed è per questo che da tempo si cercano soluzioni concrete: in genere, i sistemi salvavita sfruttano i sensori e gli avvisi sonori, ma pian piano stanno emergendo soluzioni più evolute in grado di comunicare anche con lo smartphone. Una di queste è Sense-A-Life, un'idea anti abbandono sviluppata da due papà americani.

Sensori e app. Il nuovo sistema si basa su due dispositivi (uno per il sedile del conducente e uno per il seggiolino) e diversi sensori ottici: quando l'adulto apre la portiera per scendere dall'auto, Sense-A-Life rileva il movimento ed emette un avviso sonoro; se quest'ultimo viene ignorato, l'allarme viene trasferito direttamente sullo smartphone del genitore, collegato via Bluetooth e gestito da un'app sviluppata ad hoc.

Gli altri sistemi. Sense-A-Life non è ancora in vendita, ma gli ideatori hanno intenzione di lanciare una campagna di crowfunding su Kickstarter: la raccolta fondi - una strada scelta per contenere il prezzo finale - dovrebbe iniziare il mese prossimo. In attesa del finanziamento, tra i sistemi salvavita già disponibili ricordiamo l'italiano Remmy, un rilevatore di peso collegato all'accendisigari in grado di emettere un segnale acustico allo spegnimento del veicolo. Sul mercato c'è anche Kars4Kids, un'app collegata all'auto via Bluetooth che permette di impostare un reminder automatico sullo smartphone.

La normativa che non c'è. Secondo le statistiche americane, i bambini uccisi in auto dall'ipertermia sono quasi quaranta all'anno. Anche l'Italia ha registrato vari casi: diverse petizioni, interpellanze e proposte di legge parlamentari hanno chiesto l'introduzione di una normativa nazionale per imporre i sistemi di rilevamento, ma finora le richieste sono rimaste sulla carta.

Redazione online