Sei in: Home > Tecnologia > Nuove tecnologie > Le Chrysler Pacifica autonome sono pronte: ecco foto e dettagli

Gruppo FCA e WaymoLe Chrysler Pacifica autonome sono pronte: ecco foto e dettagli

 

Il Gruppo FCA ha completato la produzione delle cento Chrysler Pacifica destinate ai test di Waymo, l'azienda di Alphabet che ha raccolto l'eredità della Google Car: i prototipi, in livrea bianca, montano un'evoluzione dell'hardware e dei software autonomi già utilizzati sulle Lexus RX 450h, ricchi di sensori come le classiche "torrette" Lidar collocate sul tetto.

Modifiche ad hoc. La base delle nuove Google Car è la versione ibrida plug-in della Pacifica (attesa al CES con una variante 100% elettrica), modificata a livello di powertrain e di telaio: le migliorie e gli accorgimenti, confermati dallo stesso costruttore, sono stati studiati appositamente per la sperimentazione. Al momento, i tecnici di FCA e Alphabet stanno installando l'hardware autonomo: oltre a basarsi sulla nuova struttura creata da Alphabet ad Ann Arbor, lo sviluppo dei veicoli ha coinvolto i centri test FCA di Chelsea (in Michigan), di Yucca (Arizona) e altri siti californiani messi a disposizione da Big G.  

Marchionne: "Un'opportunità". Le Pacifica autonome inizieranno a circolare all'inizio del 2017. Secondo John Krafcik, ceo di Waymo, i minivan affiancheranno la flotta esistente, composta dalle Lexus e dalle cosiddette "koala car": "I team del Gruppo FCA sono stati dei partner molto agili - ha spiegato il manager - Grazie a loro, sono bastati sei mesi per passare dall'avvio del programma all'assemblaggio dei veicoli". Soddisfatto anche Sergio Marchionne: "Collaborazioni strategiche come questa sono vitali per promuovere la cultura dell'innovazione, della sicurezza e la tecnologia - ha detto l'ad - La partnership con Waymo permette a FCA di cogliere direttamente le opportunità e le sfide che l'industria automotive si trova ad affrontare, mentre ci avviciniamo velocemente a un futuro dove i veicoli autonomi saranno una parte integrante della nostra vita".

Più di un accordo. L'intesa tra Alphabet e FCA non è esclusiva, ma le parole di Marchionne fanno ipotizzare un'alleanza di lungo termine: d'altronde, lo stesso Krafcik ha confermato che Waymo - operante sotto l'ombrello della holding Alphabet – resterà un'azienda "di tecnologia autonoma", dedicata allo sviluppo di software e di hardware ma non alla produzione di auto. In sostanza, si delinea un orizzonte in cui Alphabet avvierà delle partnership ad hoc con i costruttori tradizionali, fornendo soluzioni da implementare nei veicoli di serie. La tecnologia di Big G è particolarmente evoluta: finora la flotta ha percorso 4,8 milioni di km sulle strade pubbliche di Mountain View, Kirkland, Phoenix e Austin, anche con prototipi privi di volante e di comandi.

Davide Comunello