Sei in: Home > Tecnologia > Nuove tecnologie > Tutte le novità high tech per il Ces

HyundaiTutte le novità high tech per il Ces

 

Al Ces di Las Vegas le novità esposte allo stand Hyundai sono molteplici. La Casa coreana è infatti presente con un’ampia gamma di tecnologie d’avanguardia, concentrate sulla guida autonoma intelligente e su soluzioni avanzate relative all’iperconnettività, che collegheranno ancor più le vetture alla normale vita quotidiana degli automobilisti. L’attenzione, in primis, si focalizza inevitabilmente sulle Ioniq dotate di tecnologia autonoma: alcuni prototipi effettuano dei test sulle strade adiacenti all’area espositiva, mentre all’interno i visitatori possono rendersi conto di cosa significhi la guida senza pilota attraverso simulatori di realtà virtuale.

Hyundai Mobility Vision

La casa intelligente. L’elenco delle proposte in esposizione è poi arricchito dal progetto denominato Mobility Vision, in grado di rendere il proprio stile di vita ancor più confortevole permettendo l’interazione fra le tecnologie Smart House e Connected Car, riducendo ulteriormente i confini attualmente esistenti tra mobilità, casa e ufficio.

La casa intelligente. L’elenco delle proposte in esposizione è poi arricchito dal progetto denominato Mobility Vision, in grado di rendere il proprio stile di vita ancor più confortevole permettendo l’interazione fra le tecnologie Smart House e Connected Car, riducendo ulteriormente i confini attualmente esistenti tra mobilità, casa ed ufficio. In un video dimostrativo divulgato per spiegare tale filosofia, ancor meglio di quanto non possano fare le immagini, si vede una sedia “intelligente” sulla quale accomodarsi, in un tipico ambiente domestico, che su richiesta può trasportare l’utente direttamente all’interno dell’abitacolo della propria vettura. La mobilità del domani sarà inoltre il palcoscenico ideale per sviluppare la Healthcare Cockpit, un concept di abitacolo adatto alle vetture a guida autonoma pensato per il relax o il lavoro durante i lunghi viaggi. Detto ciò, a Las Vegas si possono osservare anche una serie di esoscheletri, sviluppati per i lavori gravosi e per assistere le persone con una mobilità ridotta. 
La casa intelligente. L’elenco delle proposte in esposizione è poi arricchito dal progetto denominato Mobility Vision, in grado di rendere il proprio stile di vita ancor più confortevole permettendo l’interazione fra le tecnologie Smart House e Connected Car, riducendo ulteriormente i confini attualmente esistenti tra mobilità, casa ed ufficio. In un video dimostrativo divulgato per spiegare tale filosofia, ancor meglio di quanto non possano fare le immagini, si vede una sedia “intelligente” sulla quale accomodarsi, in un tipico ambiente domestico, che su richiesta può trasportare l’utente direttamente all’interno dell’abitacolo della propria vettura. La mobilità del domani sarà inoltre il palcoscenico ideale per sviluppare la Healthcare Cockpit, un concept di abitacolo adatto alle vetture a guida autonoma pensato per il relax o il lavoro durante i lunghi viaggi. Detto ciò, a Las Vegas si possono osservare anche una serie di esoscheletri, sviluppati per i lavori gravosi e per assistere le persone con una mobilità ridotta. 

Healthcare Cockpit. La mobilità del domani sarà inoltre il palcoscenico ideale per sviluppare la Healthcare Cockpit, un concept di abitacolo adatto alle vetture a guida autonoma pensato per il relax o il lavoro durante i lunghi viaggi. Detto ciò, a Las Vegas si può osservare anche una serie di esoscheletri, sviluppati per i lavori gravosi e per assistere le persone con una mobilità ridotta. 

Un esoscheletro per i lavori gravosi e per le persone con mobilità ridotta

Monopattino elettrico. Un’altra soluzione di mobilità a impatto zero è rappresentata dallo Ioniq Scooter, un monopattino elettrico ripiegabile ideato per percorrere il tragitto (medio-breve) che separa l’utilizzatore della vettura dalla destinazione da raggiungere. Il monopattino è dotato di luci per incrementare la visibilità nelle ore serali, un display digitale sul quale vengono riportate le informazioni relative al suo impiego e un sensore che impedisce al mezzo di accelerare finché non si è saliti a bordo correttamente. Una volta terminato il suo utilizzo, può essere ripiegato e alloggiato in un vano dedicato a bordo della Ioniq, che dispone anche della funzione di ricarica. 

Andrea Zaliani