Sei in: Home > Tecnologia > Nuove tecnologie > Bosch, tre partnership cinesi per le mappe digitali

Guida autonomaBosch, tre partnership cinesi per le mappe digitali

 

La Bosch guarda alla Cina per lo sviluppo della tecnologia autonoma, in particolare sul fronte delle mappe in alta definizione: la conferma arriva dal Salone di Shanghai, dove la multinazionale ha annunciato nuovi accordi con le aziende specializzate AutoNavi, NavInfo e Baidu, a sua volta impegnata nel progetto Apollo.

Mappe intelligenti. Le cartine digitali sono uno dei perni della guida autonoma: molte aziende, tra cui la stessa Bosch, le ritengono  indispensabili per il corretto funzionamento dei prototipi. Nei piani dell'azienda tedesca, le partnership dovranno elaborare soluzioni per generare e aggiornare le mappe attraverso i radar e i sensori installati nei veicoli: il primo concept a otto mani dovrebbe essere elaborato entro l’anno.

La Jeep semiautonoma. Nel frattempo, la Bosch e Baidu avvieranno i test di una Jeep Cherokee semiautonoma, equipaggiata con cinque radar e una telecamera multifunzione. Dopo gli Stati Uniti, la Germania e il Giappone, la Cina è il quarto Paese scelto per le sperimentazioni: a Shanghai, l'azienda tedesca ha anche portato un concept di auto intesa come assistente personale, già esplorato al CES di Las Vegas. 

Redazione online