Dacia Sandero StepwayLe prime impressioni di guida

Dacia Sandero Stepway Le prime impressioni di guida Dacia Sandero Stepway Le prime impressioni di guida Dacia Sandero Stepway Le prime impressioni di guida Dacia Sandero Stepway Le prime impressioni di guida
 

Ha lo stesso motore tre cilindri benzina della nuovissima Renault Clio, e già questo basta a far capire il balzo in avanti della nuova Sandero. La low-cost rumena resta low cost (con un listino che parte da 7.900 euro per la versione normale e da 10.150 per la Stepway), ma beneficia di un bel restyling, riuscito soprattutto nella parte del frontale, e soprattutto migliora sotto tanti punti di vista. Motori, come dicevamo, qualità degli interni e dotazioni di bordo.

Guarda la galleria fotografica della nuova Dacia Sandero Stepway

Benzina e diesel. Partiamo dal tre cilindri turbo a benzina. Forse non raggiungerà la "perfezione" del tre cilindri Ecoboost della Ford, che ha pure l'iniezione diretta ed è più silenzioso, ma si rivela anche questo prontissimo e gradevole fin dai bassi regimi. Insomma, un altro pianeta rispetto al vecchio 1.6 aspirato con cui finora era equipaggiata la Sandero. L'alternativa è il 1.5 dCi da 90 CV, che pur essendo un pochino più rumoroso, garantisce ancora più coppia dal basso e quindi una spinta più poderosa. Entrambi i motori si fanno sentire nella guida ad alta velocità, ma va detto che in autostrada quello che disturba maggiormente è il fruscio aerodinamico.

 

Servosterzo di serie. La Sandero si guida in modo sorprendentemente piacevole. Lo sterzo, con servocomando elettrico, rimane un pochino "artificiale" e poco in grado di assecondare una guida sportiveggiante, ma ovviamente questo aspetto è abbastanza secondario su una vettura "tutta sostanza" come questa. L'importante, tra l'altro, è già il poter annotare che il servosterzo e l'Esp ci sono e sono addirittura di serie fin dalla versione base (prima non lo erano).

 

Passiamo agli interni. Bella plancia, totalmente rinnovata e molto simile a quella della Lodgy. La novità qui è il sistema multimediale "Dacia Media Nav", con display touchscreen da 7", molto intuitivo e facile da usare (da 450 euro sulle versioni base e a soli 100 euro in più sulla versione più equipaggiata). Rimangono, nell'abitacolo, diverse "economie" tipicamente low-cost, più o meno fastidiose. Le alette parasole non hanno la copertura degli specchi di cortesia; gli alzavetri posteriori si trovano sul tunnel, in modo da essere raggiungibili da chi viaggia davanti e dai passeggeri dietro (senza duplicare i tasti sulle porte) e infine i rivestimenti del retro dei sedili, di qualità modesta.

 

Andrea Sansovini

avatar
Dario S
23 novembre 2012 11.23
L' Esp sarà di serie o ancora a pagamento?
risposta >
avatar
Carlo Di Giusto
23 novembre 2012 11.56
Sì, l'Esp è di serie su tutta la gamma.
avatar
Orazio Bacci
23 novembre 2012 12.32
Sono queste macchine(oggigiorno)che faranno carriera,tutta la gamma è ottimale.
Novità su Quattroruote