Sei in: Home > Prove > Primo contatto > Al volante della 2.0 dCi 4WD - VIDEO

Nissan X-TrailAl volante della 2.0 dCi 4WD - VIDEO

 

Sulla Nissan X-Trail da qualche giorno è arrivato anche il 2.0 litri turbodiesel, che va ad affiancarsi al già validissimo 1.6, sempre a gasolio, che un paio di anni fa (in occasione del lancio del nuovo modello, vedere la prova su strada uscita su Quattroruote del settembre 2014) ci aveva impressionato per la notevole souplesse e per l’erogazione fluida, nonostante la limitata disponibilità di cavalli, appena 130, in rapporto alla massa della crossover giapponese (oltre 1.800 kg in condizioni di prova).

Caratteristiche. Ora, con il motore più grande, la potenza balza a 177 CV e anche la coppia cresce in modo significativo (+60 Nm, per un totale di 380). Ovvio, quindi, attendersi una risposta molto più vigorosa. E, in effetti, alla versione con il 6 marce manuale non manca di certo il carattere, come abbiamo avuto modo di constatare nel primo contatto avuto sulle belle strade della Foresta Nera, tra Svizzera e Germania.

Come va. Erogazione pronta, progressione decisa e soprattutto regolare, per giunta assecondate da una buona manovrabilità del cambio, rendono la risposta del nuovo duemila decisamente brillante, senza per questo risultare troppo aggressiva. Il buon bilanciamento e la fluidità del millesei si ritrovano, infatti, anche sulla cilindrata maggiore. E pure le vibrazioni provenienti dal cofano risultano ben contrastate. D’altro canto, ci ha meno entusiasmato l’accoppiamento col cambio automatico X-Tronic, un Cvt di ultima generazione che ha quasi del tutto eliminato il tipico effetto “elastico” di questa tipologia di trasmissioni (a variazione continua dei rapporti), ma non riesce ancora a offrire la piacevolezza di guida dei migliori doppia frizione e nemmeno delle più raffinate versioni col classico convertitore di coppia. Motore a parte, tutti gli esemplari provati hanno messo in evidenza il comune punto di forza di assorbire con grande efficacia anche i fondi più sconnessi, persino le sollecitazioni dei percorsi off-road più accidentati. Se a ciò aggiungiamo una discreta cura nell’insonorizzazione, anche a velocità elevata (sulle autostrade tedesche, prive di limiti, si possono toccare anche i 200 orari), si può ritenere più che soddisfacente il livello di confort, in coerenza con la dichiarata vocazione turistica e l’attenzione alle esigenze della famiglia, persino di quelle più numerose.

Bagagliaio generoso. A richiesta, tra l’altro, è disponibile anche la versione sette posti. L’X-Trail può contare inoltre sul portellone elettrico azionabile con telecomando Nissan Intelligent Key o con un tasto vicino al posto di guida. Oltre che direttamente con i comandi sul portellone stesso. Il vano di carico si avvale poi dell’innovativo Luggage Board System della Nissan, che permette di organizzare ripiani e divisori in 18 configurazioni diverse. La sua capacità è generosa: ben 550 litri (445 nella versione a sette posti e 135 quando la terza fila di sedili è alzata), che diventano 1.982 con tutti i sedili abbattuti. Infine, degno di nota il pregevole posto guida: ampio e accogliente, con tutti i comandi a portata di mano e il display touch NissanConnect da 7” pollici ben visibile e facilmente gestibile. Il sistema di informazione e intrattenimento Nissan comprende tra l'altro radio digitale DAB, connettività Bluetooth e streaming audio. Prezzi del nuovo 2 litri a partire da 33.600 euro.

Marco Ghezzi