BMW Serie 1La prova della 116d Efficient Dynamics

 

La protagonista della nostra prova sprint è la BMW Serie 1 Efficient Dynamics in allestimento Advantage, che a livello estetico si riconosce per i cerchi di lega da 16 "(optional) con sfoghi per l'aria ridotti e assetto ribassato specifico. Inoltre, fanno parte dell'equipaggiamento con lo sterzo variabile sportivo (360 euro), le sospensioni adattive (1.130 euro) e una gommatura turistica runflat da 205/55.

Qualche vibrazione. Come sempre si guida a ridosso del pavimento, ma l'esemplare in prova può contare anche su un sedile sportivo completo di regolazioni elettriche e memorie (tutto in opzione), oltre che di sostegni laterali personalizzabili. Quasi come dal sarto. L'avviamento del tre cilindri montato longitudinalmente è accompagnato da uno scossone: al minimo si avvertono delle vibrazioni, soprattutto sulla leva del cambio. Ai bassissimi giri la risposta va un po' assimilata e, se si vuole riprendere in seconda, bisogna utilizzare la frizione; in caso contrario il motore si può spegnere, anche perché i rapporti del cambio sono molto lunghi.

Come va. Il "tre", comunque, si rifà alla svelta, con buona vivacità sin dai 1.500 giri e senza ruvidità (pure il rumore è contenuto). La progressione è interessante fin verso quota 4.000, ma, insistendo, si arriva anche a 5.000. Tornando al cambio, gli innesti sono un po' contrastati, ma precisi, e la manovrabilità è buona. La frizione ha una corsa abbastanza lunga e un carico corposo. Utile la funzione - presente su altre BMW - che fa salire il motore automaticamente di giri quando bisogna scalare. Le prestazioni sono più che adeguate alla massa e alla potenza (116 cavalli). Inutile pretendere riprese fulminee, ma si viaggia bene, grazie al motore che gira basso (a circa 100 orari si è a 1.500 giri in sesta). Ed eccoci infine ai consumi, l'aspetto più importante di questa versione a tre cilindri: la media è di 18 chilometri al litro, che in statale sale a 22. In città, però, per via della massa rilevante, la percorrenza scende a quota 15. In questo caso, forse, ci si poteva attendere un risultato più rotondo.

In sintesi. I tempi cambiano e, assieme al dilagante downsizing, si assiste alla diffusione del tre cilindri anche fra le compatte di pregio. Qualcuno potrebbe storcere il naso, visti i prezzi in gioco (si parte da 27.750 euro). Anche perché il "tre" longitudinale, in fase di avviamento, provoca qualche scossone. Le rilevazioni, comunque, dicono quanto segue: la 116d Efficient Dynamics è vivace e consuma poco. Non potrà vantare il sapore di un quattro cilindri, di sicuro, però, è una buona unità. Poi, per le emozioni forti, la gamma offre diverse alternative.

Andrea Stassano