Sei in: Home > Sport > Rally > Partenza con primo incidente

Dakar 2016Partenza con primo incidente

 

Parte male, la Dakar 2016: sono bastati pochi chilometri del prologo per far registrare il primo, grave incidente della gara. Per un'uscita di strada, la Mini All4 Racing guidata dall'equipaggio cinese composto dall'imprenditrice Guo Meiling e dal navigatore Min Liao, ha travolto e ferito quattro spettatori, subito soccorsi, anche con l'ausilio di elicotteri, dagli organizzatori: tre versano in gravi condizioni.

Da speciale a trasferimento (poi sospeso). La prova speciale, di soli 11 km (utile ai fini dell'ordine di partenza della prima, vera tappa) è stata trasformata in un trasferimento: il miglior tempo è stato comunque ottenuto dalla Toyota HiLux dell'olandese Ten Brike davanti alla Peugeot di Carlos Sainz. Tra le moto hanno spiccato Barreda e Faria, con tempi identici. Prima del passaggio dei "truck", anche il trasferimento è stato annullato dagli organizzatori, per permettere l'intervento dei mezzi di soccorso.

La partenza. La ceremonia del podio si era tenuta, quest'anno, presso il parco di Buenos Aires denominato Tecnopolis, certo meno affascinante della Plaza de Mayo e della Casa Rosada che aveva ospitato l'evento lo scorso anno, ma sempre molto seguita dal pubblico.

Prima tappa da quasi 700 km. Sul palco, in un'atmosfera da festa popolare, sono sfilati tutti i concorrenti, alcuni dei quali hanno raccolto una vera ovazione: gli alfieri del team Mini X-Raid, a partire dal vincitore dello scorso anno Al-Attiyah e dall'amato Nani Roma, per proseguire con il debuttante Hirvonen, e i moschettieri della Peugeot, dei quali ora fa parte anche il grande Loeb. Dopo il primo bivacco previsto a Rosario, la gara entra ora nel vivo: la prima tappa porterà i concorrenti a Villa Carlos Paz, con un percorso collinare di 662 km, 258 dei quali di prove speciali.

Da Buenos Aires, Emilio Deleidi