Sei in: Home > Sport > Rally > Tragedia alla Targa Florio: incidente con 2 vittime

Italiano RallyTragedia alla Targa Florio: incidente con 2 vittime

 

Tragedia alla Targa Florio, terzo appuntamento del Campionato Italiano Rally. La Mini Cooper di Mauro Amendolia è uscita di strada nel corso della terza speciale (Piano Battaglia), al chilometro 10,500 in località Piano Torre. Il terribile incidente ha ucciso un commissario di gara - Giuseppe Laganà - di Lentini, travolto dall'auto, oltre allo stesso pilota. Gemma Amendolia, figlia del pilota deceduto e navigatore della Mini Cooper, è rimasta ferita ed è stata trasportata all'ospedale di Petralia Sottana.

Le possibili cause. Secondo le prime testimonianze, la Mini Cooper di Amendolia è uscita di strada in un tratto rettilineo, nei pressi del rifugio Oristano. Ancora da capire se la causa possa essere l'asfalto reso viscido dal nevischio, piuttosto che dalle sconnessioni o, comunque, da una serie di concause. La Mini si è intraversata di colpo, andando a travolgere il commissario di gara, sul ciglio della strada. Ai soccorritori non è rimasto altro che accertare la morte sul colpo del commissario e del pilota, per poi iniziare a estrarre dalle lamiere della vettura la ventisettenne Gemma.

Gara annullata. In un primo momento, era stato deciso di annullare la prova speciale Geraci-Castelbuono. Successivamente, la direzione gara ha deciso di chiudere qui questa sfortunata 101esima edizione della Targa Florio. L'ufficio stampa della manifestazione ha rilasciato un comunicato in cui si legge: La 101ª Targa Florio Rally Internazionale di Sicilia, terza prova del Campionato Italiano Rally, Campionato Italiano Rally Autostoriche e Campionato Regionale è stata annullata, in seguito all’incidente avvenuto sulla prova speciale numero 3 “Piano Battaglia 1”. È convocata una conferenza Stampa per le ore 15.30, presso la sala stampa della 101ª Targa Florio all’Acacia Resort di Campofelice di Roccella" Angelo Pizzuto, dell’AC Palermo, nel corso della conferenza stampa ha affermato: “Per noi oggi è un giorno molto triste. Abbiamo deciso, insieme ai vertici della Federazione, di annullare la competizione come segno rispetto nei confronti delle due vittime. I nostri pensieri vanno ai familiari del commissario di gara e alla mamma di Gemma, in apprensione per la figlia e addolorata per la scomparsa del marito”.

Gemma in condizioni critiche, ma stabili. “Se sia stato un malore, piuttosto che un’altra causa, sono supposizioni che non possiamo avallare ne escludere. In sede autoptica si stabiliranno le cause”,  ha affermato il medico di gara che, chiamato a dare aggiornamenti sulle condizioni di Gemma Amendolia, ha aggiunto: “Possiamo dire che è sempre stata cosciente. Presentava un trauma all’arto superiore e una ferita che è stata immediatamente suturata. Dagli accertamenti, comunque, sembrano siano state escluse emorragie cerebrali. Ora è stata trasferita a Palermo in elisoccorso e posta in coma farmacologico come ulteriore protezione”. D.R.