• player icon Ford Drug Driving Suit: test in esclusiva
    Mondo auto
    Ford Drug Driving Suit: test in esclusiva
  • player icon In pista a Vairano con Aleix Espargaro
    Mondo auto
    In pista a Vairano con Aleix Espargaro
  • player icon Dieselgate Volkswagen: cosa ne dice la gente?
    Mondo auto
    Dieselgate Volkswagen: cosa ne dice la gente?
  • player icon Alex Zanardi ci racconta la sua prima 24 Ore (video)
    Mondo auto
    Alex Zanardi ci racconta la sua prima 24 Ore (video)
  • player icon Indovina chi viene in pista?
    Mondo auto
    Indovina chi viene in pista?

Share'Ngo: sono 50 le ZD1 Ecco il car sharing tutto elettrico

 

Da piazzale Flaminio a via Nazionale, attraversando il centro storico grazie al libero accesso nelle aree Ztl di cui beneficiano le vetturette gialle, Tridente compreso. È stato questo il primo percorso registrato nella capitale dal servizio Share’NGo, primo car sharing totalmente elettrico e a flusso libero: si può abbandonare il mezzo e chiudere il noleggio anche sotto casa propria.

Prima Matera. Dopo Milano, Firenze e una piccola rappresentanza a Matera, da qualche giorno a Roma circolano 50 ZD1, i quadricicli cinesi a due posti prodotti dalla Xin Da Yang Electric Vehicles, sussidiaria del gruppo cinese Geely (proprietario di Volvo). Hanno un’autonomia di 120 km, più che sufficienti per muoversi in città e una velocità di crociera di tutto rispetto: “Ho guidato su strade del centro che non ricordo aver mai percorso in auto, non ho trovato difficoltà nell’utilizzo, sebbene fosse la prima volta. Parcheggiare, invece, è un vero piacere” ha dichiarato una signora fra le prime iscritte al servizio; dopo meno di una settimana le adesioni sarebbero già circa 1.000. Per ora il servizio copre l’intera area del centro storico, ma nei prossimi mesi potrebbe espandersi ai quartieri.

Democratiche. Per trovare le “Equomobili”, come vengono chiamate (il nome deriva dalla pulizia allo scarico come dalla possibilità di ottenere un prezzo cucito su misura alle necessità di mobilità sino al proprio stile di vita), basta installare l’app nello smartphone o visitare l’home page del sito; su entrambi i supporti si visualizza la posizione di ogni vettura disponibile e la si prenota, senza spese, per 30 minuti. La tariffa personale si spunta rispondendo al questionario proposto all’iscrizione che premia, per esempio, chi non ha l’auto di proprietà o si muove in zone poco servite dal trasporto pubblico.

Come va? A prima vista il quadriciclo ricorda tanto una macchinina che da bambini abbiamo “guidato” sulle giostrine del luna park tanto che, una volta a bordo, ci si chiede dove bisogna mettere il “gettone” che l’avvia… Tre pulsanti sono sufficienti per animare la ZD1: avanti si procede dopo avere pigiato il tasto “D”, “R” innesta la retromarcia mentre “N” mette il cambio in folle. La mini elettrica è dotata di un raggio di sterzo di soli 4 metri; il volante è regolabile e il servosterzo (una presenza non banale, visto che non c'è sempre sulle auto, più quotate, dei car sharing concorrenti) è piuttosto morbido e preciso fino a un certo punto. I quattro freni a disco bastano per la velocità massima, 80 km/h, che esprime, quando buche e pavé scuotono energicamente chi occupa i suoi due posti. Per quanto riguarda le prestazioni la coppia è istantanea e, da fermi, dona alla trazione anteriore una gradevole ripresa. Mancano gli airbag, che dovrebbero essere presenti sulla prossima fornitura, ma c’è il condizionatore. Parcheggiarla, viste le misure (2,76 x 1,54 x 1,52 m) è un piacere…

Francesco Baldi