• player icon Ford Drug Driving Suit: test in esclusiva
    Mondo auto
    Ford Drug Driving Suit: test in esclusiva
  • player icon In pista a Vairano con Aleix Espargaro
    Mondo auto
    In pista a Vairano con Aleix Espargaro
  • player icon Dieselgate Volkswagen: cosa ne dice la gente?
    Mondo auto
    Dieselgate Volkswagen: cosa ne dice la gente?
  • player icon Alex Zanardi ci racconta la sua prima 24 Ore (video)
    Mondo auto
    Alex Zanardi ci racconta la sua prima 24 Ore (video)
  • player icon Indovina chi viene in pista?
    Mondo auto
    Indovina chi viene in pista?

Via Gregorio VIICorsie riaperte: ma sempre in silenzio…

 

Già sorpresi dalla repentina chiusura della corsia preferenziale, avvenuta addirittura il 6 gennaio senza uno straccio di comunicazione, stamani i residenti in via Gregorio VII e gli automobilisti che passano da quelle parti hanno trovato riaperto il tratto di strada compreso tra via Innocenzo XI e via San Damaso. Nella notte tra lunedì e martedì, nella corsia erano stati effettuati piccoli interventi per tappare buche e fessure nell'asfalto. Manutenzione di poco conto, in verità, giusto per coprire le reali criticità, evidenziate pure nei nostri report precedenti, quando tentavamo di capire i motivi di un divieto di transito tanto prolungato.

Interrogazione. Nulla si era mosso, a livello di risposte ufficiali ai residenti che ci avevano segnalato l‘imbarazzante rimpallo di responsabilità tra il Municipio XIII e il Dipartimento della Mobilità interpellati e che, stando a fonti del Municipio stesso, avrebbe competenza su via Gregorio VII. Nessuna risposta è stata data anche all'interrogazione "a risposta scritta" presentata il 10 marzo dal consigliere Alessandra Consorti. L'assessore competente, quello ai Lavori Pubblici, pare si sia limitato a inoltrare il quesito al Dipartimento Mobilità del Campidoglio. Da oggi, autobus e torpedoni hanno ripreso a sfilare sull'asfalto rappezzato, liberando le vie laterali, insufficienti a contenere tutto il traffico. A distanza di oltre due mesi e mezzo dalla chiusura, la montagna, come si suol dire, ha partorito il topolino. C'è da chiedersi, a questo punto, perché per un po’ di manutenzione sia stato necessario tanto tempo e altrettanto, ancora mantenuto, segreto.    E.M.