Sei in: Home > News > Sicurezza > Oggi 15 aprile stop all’obbligo, ma c'è un mese di tolleranza

Pneumatici invernaliOggi 15 aprile stop all’obbligo, ma c'è un mese di tolleranza

 

Il primo tepore primaverile ha già fatto capolino in tutta la penisola. E con esso arriva l'appuntamento con il cambio gomme. Oggi 15 aprile, infatti, scade il termine di legge che impone - sulle strade e autostrade che lo prevedono con apposite ordinanze - l'obbligo di dotazioni invernali (pneumatici invernali o catene a bordo). Calma, però, non fatevi prendere dal panico e aspettate a correre dal gommista.

Codice velocità inferiore. In questi giorni, circolano notizie allarmistiche (e in molti casi errate) sull'imminenza di tale operazione e sui rischi che si correrebbero in casi di ritardi. Due precisazioni: innanzitutto c'è tempo fino al 15 maggio, poiché la norma prevede una deroga di un mese alla "deadline"; in secondo luogo l'obbligo di montare le estive interessa solo le vetture equipaggiate con pneumatici invernali con codice velocità inferiore rispetto a quello indicato sulla carta di circolazione. A questo punto, per evitare falsi allarmismi, ricordiamo che cosa prevede il Codice della strada.

Non esiste alcun obbligo di montare gomme invernali, mai in nessun caso. Il proprietario della strada può stabilire unicamente l’obbligo di circolazione con dotazioni invernali (dispositivi antisdrucciolevoli omologati e idonei alla marcia su neve o ghiaccio) in certi periodi dell’anno, obbligo che deve essere bene evidenziato lungo la strada con gli appositi segnali previsti dal Codice della strada. Attenzione: dotazioni invernali vuol dire, in pratica, catene a bordo della vettura, da montare quando necessario, oppure pneumatici invernali montati.

Nessun obbligo di circolazione con pneumatici stagionali: si può circolare d’inverno con le gomme estive (con catene a bordo, evidentemente, lungo le strade che prevedono l’obbligo di dotazioni invernali) e si può circolare d’estate con gomme invernali. Le gomme devono avere obbligatoriamente le caratteristiche (misura, codice velocità e indice di carico) indicate sulla carta di circolazione.

Deroga per le invernali. La norma che prevede l’obbligo di circolare unicamente con gli pneumatici indicati sulla carta di circolazione prevede una deroga, ma solo per le gomme invernali. Quando si utilizza questo tipo di gomma, infatti, il codice velocità può anche essere inferiore a quello indicato a condizione che non sia mai inferiore a “Q” (160 km/h). Attenzione, però: nel caso in cui si utilizzino gomme invernali con codice velocità inferiore a quello indicato sulla Cdc tali pneumatici devono essere obbligatoriamente tolti entro il 15 maggio.

Calze da neve. Le cosiddette calze da neve Autosock sono considerate dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti non equivalenti alle gomme invernali o alle catene. Tale pronuncia, però, è stata impugnata e nel 2013 il Tar del Lazio l’ha annullata. In seguito a tale verdetto e in attesa della sentenza del Consiglio di stato a cui il Mit ha fatto ricorso, il ministero dell’Interno ha deciso di non sanzionare l’eventuale uso di calze Autosock sulle strade che prevedono l’obbligo di dotazioni invernali.

Attenzione all’usura. Fatte queste premesse, anche per chi non ha un codice di velocità più basso di quanto indicato nella carta di circolazione (che, ribadiamo, non è quindi obbligato a montare le estive) il nostro consiglio è di evitare di viaggiare d'estate con pneumatici invernali per non comprometterne lo stato. Sopra i 7° C, infatti, le invernali si usurano più velocemente, aumentando la frenata e riducendo la tenuta di strada.  

Mario Rossi