Formula 1Aldo Costa alla Mercedes GP

Formula 1 Aldo Costa alla Mercedes GP
 

Silurato dalla Ferrari dopo la deludente prima parte di stagione e, in particolare, dopo l'umiliazione del doppiaggio subita da Sebastian Vettel al Gran Premio di Spagna, Aldo Costa, ex direttore tecnico F.1 di Maranello, torna nel mondo della Formula 1 con un incarico in una squadra di primissimo piano: la Mercedes GP.

A volerlo è stato Ross Brawn, con il quale Costa ha già lavorato ai tempi del "dream team" di Brawn, Rory Byrne e Michael Schumacher. Parmense, cinquantenne, costa era arrivato alla Ferrari nel '95, dopo aver lavorato alla Minardi; ci è rimasto fino a quest'anno, assumendo via via responsabilità crescenti fino a diventare responsabile del telaio delle F.1 nel 2006. Finito il periodo di "quarantena" imposto ai tecnici per il patto di non concorrenza, dal 1° dicembre assumerà la responsabilità tecnica della Mercedes GP: a lui toccherà ritrovare quella competitività persa dopo il primo anno di successi(allora si chiamava ancora Brawn GP), con Jenson Button che conquistò il mondiale piloti. Al suo fianco ritroverà gli ex colleghi Brawn e Schumi.

avatar
Cutica Giuseppe
30 settembre 2011 18.36
Grazie Montezemlo. Continua così che vai bene.
avatar
vin leo
30 settembre 2011 20.49
Con tutto il rispetto, và detto che forse l'incarico di direttore tecnico globale, era un pò impegnativo, forse in settori ben delineati può dare il meglio di se. Con lui, la Ferrari ha fatto solo vetture convenzionali senza inventare nulla (l'ultima invenzione è stato il buco nel muso del 2005), e ha dovuto inseguire le invenzioni degli altri: F-duct, doppio diffusore, scarichi soffiati ecc.
avatar
Fabrizio Vimercati
1 ottobre 2011 5.16
E se invece se ne andasse Domenicali, che si sta rivelando bravissimo nello scaricare le responsabilità e silurare le persone? L'ultimo Mondiale lo abbiamo vinto nel 2007 con Raikkonen, ma il Responsabile della Gestione Sportiva era Jean Todt...
In bocca al lupo ad Aldo Costa
risposta >
avatar
Marco Pettenon
1 ottobre 2011 18.52
Fabrizio, se vogliamo essere precisi dobbiamo anche ammettere che nel 2008 è stato vinto il mondiale Costruttori e perso per un nulla quello piloti. E la rimonta del 2010? E' giusto criticare quando si perde ma anche parlare delle cose positive... Credo che la strategia possa ben poco quando la macchina non è all'altezza.
avatar
claudio pisicchio
1 ottobre 2011 10.41
In bocca al lupo ad Aldo Costa per questo nuovo impegno.Putroppo ha pagato lui anche per colpe non sue.Ok l'auto non è un fulmine di guerra, però gli errori di strategia non li ha certo fatti lui ma Domenicali.
Se la prossima stagione MB andrà bene non vorrei essere il ds della Ferrari...(sai ceh ridere se la MB del prossimo anno sarà sempre davanti alla SF?)
Novità su Quattroruote