Sei in: Home > Sport > Sport news > Agag: “Il Gran Premio di Roma è praticamente certo”

Formula EAgag: “Il Gran Premio di Roma è praticamente certo”

 

Ormai è fatta: nel 2018, le strade di Roma ospiteranno un Gran Premio valido per il campionato mondiale di Formula E. A confermare le indiscrezioni trapelate negli ultimi mesi è Alejandro Agag in persona, il visionario fondatore del campionato dedicato alle monoposto 100% elettriche. 

Via libera al 90%. Abbiamo incontrato Agag in occasione dell’e-Prix di Parigi, in programma questo fine settimana. “Resta soltanto da finalizzare il rapporto con qualche sponsor, ma ormai è praticamente fatta - spiega il manager - Il mondiale di Formula E, a partire dal 2018, avrà una tappa italiana, a Roma”. Non c’è ancora la firma definitiva, è vero, ma ormai si tratta di pura formalità. “La percentuale di probabilità è veramente altissima, a questo punto mi sorprenderei del contrario”.

L’ok del Campidoglio. Portare la Formula E in Italia non sarebbe stato possibile senza il semaforo verde arrivato dal Comune. “Ho ottimi rapporti con il sindaco Raggi, il consiglio ha accettato la gara all’unanimità - conferma Agag - Mi sembra già un ottimo traguardo, considerate le tempistiche dell’amministrazione”. Come era facile immaginare, la gara non avrà il Colosseo a fare da sfondo: troppi i problemi logistici legati a un centro storico così delicato e particolare come quello della Capitale. “Correremo all’Eur - spiega il numero uno della categoria - un quartiere che offre comunque uno scenario davvero suggestivo”.  

Pochi giorni per l’ufficialità. La certezza definitiva è questione di giorni: “Annunceremo il Gran Premio di Roma alla prossima conferenza Fia, in programma nella seconda metà di giugno - aggiunge Agag - In quella occasione, comunicheremo anche le date definitive”. La scelta sarà tra un weekend di aprile e uno di giugno, ma l'ipotesi più probabile sembra la prima. “Preferirei avere Roma in aprile, quando il clima in Italia è più mite e lasciare la tappa di Berlino in estate”.

È solo l’inizio. Nel calendario del campionato elettrico, Roma è solto il primo tassello di un piano di espansione molto articolato. Dopo l’annuncio della tappa di New York - davvero un “colpaccio”, visto che per anni il management della F.1 aveva provato, senza risultati, a organizzare una gara nella Grande Mela - la Formula E sembra destinata ad arrivare anche in altri Paesi. “Stiamo valutando una tappa addirittura in Svizzera, a Zurigo, e un’altra a Vienna. Il nostro obiettivo rimane chiaro: vogliamo portare le gare elettriche nelle città più belle del mondo”.

In arrivo Mercedes e Maserati? Quella della Formula E sembra davvero un’espansione senza sosta, anche dal punto di vista dei costruttori. “Dal prossimo anno potremmo avere, oltre alla BMW e all’Audi, anche la Mercedes. I vertici a Stoccarda decideranno in autunno”. E quando gli chiediamo di Marchionne, che non ha nascosto le sue simpatie per la categoria, Agag risponde così: “Ho sentito che ha rilasciato diverse dichiarazioni, ma non ci siamo mai parlati di persona. Non nascondo però che sarei onorato di avere un marchio italiano nel mondiale”. Il brand su cui sono in tanti a scommettere è Maserati, al lavoro su una supercar 100% elettrica. Vedremo il Tridente in pista? “Può essere. Ma confesso che non mi dispiacerebbero nemmeno Alfa Romeo o Ferrari”.  

Il confronto con la F.1. Secondo qualcuno, l’ascesa della Formula E potrebbe infastidire il mondo dorato della Formula 1. Ma secondo l’imprenditore spagnolo, si tratta di uno scenario improbabile: “Non lo so, anche perché abbiamo lo stesso proprietario (John Malone, ndr). Siamo due categorie molto diverse. Io sono il primo fan della F.1, la adoro. Però noi siamo unici, perché siamo 100% elettrici. Questo ci permette di correre nel centro delle città, gli altri non potranno mai farlo”.

In futuro più potenza. Rimane il fatto che la Formula E, pur essendo in crescita, non riesce ad attirare ancora il volume di pubblico di altri campionati più consolidati. Eppure Agag sembra sereno: “Correndo nelle città non possiamo avere le tribune degli autodromi. Ai nostri eventi possiamo ospitare 20-30mila persone, non mi sembra affatto male”. E a chi obietta una mancanza di performance incisiva da parte delle monoposto elettriche, l’imprenditore risponde così: ”Il problema sono le batterie. Se volessimo correre per cinque minuti potremmo avere la stessa potenza di una F.1. Ma vogliamo fare gare più lunghe, quindi per ora dobbiamo limitarci. Ma in futuro continueremo a migliorare”.

Il rapporto con Ecclestone. Una cosa è certa, però. Agag un risultato lo ha già portato a casa. Nessuno era pronto a scommettere sulla Formula E, mentre oggi, dopo tre stagioni, il campionato è sulla bocca di tutti. Del resto, anche un pezzo di storia come Bernie Ecclestone non ci aveva visto giusto. “Con Bernie siamo grandi amici. Quando gli confessai per la prima volta la mia idea, mi disse che non sarei mai riuscito a organizzare nemmeno una gara. Ricordo che un giorno mi chiamò per dirmi che io avevo ragione e che lui si era sbagliato”.

Da Parigi, Matteo Valenti