BenzinaiPronti a dieci giorni di sciopero

Benzinai Pronti a dieci giorni di sciopero
 

A pochi giorni dal varo del decreto sulle liberalizzazioni che prevede una deregulation anche per il settore dei carburanti, i gestori degli impianti di rifornimento tornano sul piede di guerra minacciando "azioni clamorose". Le sigle sindacali di categoria Faib Confesercenti e Fegica Cisl, infatti, hanno annunciato "l'immediato stato di agitazione e la chiusura per sciopero d dieci giorni degli impianti stradali e autostradali". Una misura che rincara la dose rispetto alla settimana di stop proclamata nei giorni  scorsi fa dalle sigle Figisc e l'Anisa Confcommercio. I sindacati, poi, hanno sottolineato che "le date saranno indicate e rese note se e non appena le bozze del decreto circolate in queste ore dovessero trovare conferma ufficiale".

I privilegi della lobby. In una nota congiunta le due sigle sindacali bocciano completamente la nuova bozza del decreto: "Il Governo fa retromarcia su tutta la linea di fronte alla potente lobby dei petrolieri, i cui privilegi non vengono neanche scalfiti ma persino rafforzati dalle misure che sono in procinto di essere varate. Nessun impianto multimarca, così come anche l'Antitrust aveva recentemente chiesto. Nessuna libertà - ribadiscono - per i gestori di rifornirsi sul libero mercato alle condizioni più convenienti per poter dare agli automobilisti italiani prezzi più bassi dei carburanti. Automobilisti che, insieme ai gestori, sono i veri gabbati dalla solita politica degli annunci".

Prezzi più alti d'Europa. "Il Governo - aggiungono Faib e Fegica - si limita a gettare fumo negli occhi dell'opinione pubblica liberando solo chi è già libero, cioè i proprietari gli impianti: alla fine il provvedimento non riguarda più di 500 impianti su 25.000. Per il resto, il controllo dei petrolieri sull'intera filiera, dalla culla alla tomba, che consente loro di mantenere in Italia i prezzi più alti d'Europa, viene completato definitivamente con un regalo inaspettato: ogni compagnia potrà fissare le condizioni contrattuali che vuole, con ogni singolo benzinaio, senza nessuna tutela, nessuna contrattazione, nessuna mediazione collettiva". R.Bar.

avatar
Gianluca Delle Donne
19 gennaio 2012 17.19
Un mio amico gestore nonché proprietario al 50% dell'impianto, proprio l'altro giorno l'ho visto fare un doppio carpiato con avvitamento per la contentezza...
risposta >
avatar
giulio rollo
23 gennaio 2012 12.42
:-)
avatar
Luca Romano
19 gennaio 2012 17.33
La manovra di Monti per salvare l'Italia prevede un'aumento delle entrate a carico dei contribuenti suddivise in tasse, IMU, servizi, autostrade, luce, gas, e carburanti. Com'è che Tassisti e Benzinai possono scioperare mentre noi, cittadini, non possiamo muovere un dito? Poi vorrei capire come intende questo governo "tecnico" creare più occupazione se i costi vitali aumentano a dismisura....
ARTICOLI CORRELATI
Novità su Quattroruote