Sei in: Home > Prove > Prove su strada > La prova della 488 GTB

FerrariLa prova della 488 GTB

Per augurarvi Buon Natale vi proponiamo una delle prove più apprezzate del 2016: quella della Ferrari 488 GTB (pubblicata su Quattroruote di maggio). Tanti auguri e buona lettura!

Con una Ferrari si può cominciare da dove si vuole. Persino dalla maniglia delle porte, che sulla 488 GTB non assolve soltanto la sua funzione di base: il suo profilo contribuisce a incanalare l'aria nelle due enormi bocche laterali, le quali, visivamente parlando, sono la più grande novità rispetto all'antenata. Già, la 458 Italia: i legami tra le due sono forti, intrinseci, ma ciò non toglie che la 488 sia un'altra macchina.

Turbolag? Non proprio. L'otto cilindri è sensazionale e forse (anzi, senza forse) è venuto il momento di farsi una ragione della presenza dei turbo. D’accordo, i 9.000 giri della 458 sono nell'album dei ricordi, ma vale comunque la pena di tentare un armistizio con la sovralimentazione, perché la 488 non provoca minor dipendenza della 458. E la colonna sonora non è né migliore né peggiore. Semplicemente, l’orchestra è un po’ diversa, con toni più bassi e baritonali in sostituzione delle note metalliche di un tempo. Se invece è il turbolag a preoccuparvi, mettete serenamente da parte ogni angoscia: a 2.000 giri, in terza, la risposta arriva in 0,8 secondi e lascio a voi l’impresa di percepire, in tutta la sua enormità, la differenza rispetto agli 0,7 del precedente V8. Inoltre, se anche sembra meno assetata di giri rispetto alla 458, la 488 a quota 8.000 arriva più in fretta. E questo è fuori di dubbio: lo dicono le sensazioni, lo confermano gli strumenti.

Agile e stabile. È inutile nasconderselo: con la 488 GTB ci vuole una pista. Solamente lì può mostrarsi per quella che è. Ovvero facile, intuitiva, disposta al perdono come pochissime altre sportive a motore centrale (o nessuna?). Per ottenere il rispetto che merita, non ha bisogno d'incutere alcunché a chi è al volante. Anzi, sembra sempre impegnarsi per mettere nella miglior luce le tue capacità di guida, anche se non nasci pilota. L'importante è scegliere con cura la posizione del Manettino: si tratta di un'autocertificazione e non è il caso di barare, perché altrimenti lei ti manda a stendere subito. Se invece hai scelto bene, ti si cuce addosso istantaneamente, con i suoi mille dispositivi elettronici (F1-Trac, E-Diff, Ssc 2 ecc), tutti propensi a farti fare bella figura. Dopo anni, dovremmo aver fatto l’abitudine a uno sterzo che sembra collegato con il pensiero. Però sono proprio le sensazioni che arrivano dalle ruote a rendere la 488 intrigante oltre ogni misura. Difficile immaginare qualcosa di più coinvolgente: la 911 Turbo S ha muscoli da vendere, ma rimane comunque lontana anni luce, ed è semmai la chirurgica McLaren 650S che può affacciarsi alla mente. Qui non ci sono le sempre più diffuse ruote posteriori sterzanti (che, sulle Rosse, hanno debuttato sulla F12 TdF), però stabilità e agilità non sembrano istanze opposte e inconciliabili. Basta decidere quel che si vuole e sapere come chiederlo: all'istante, delle due facce della medaglia, prevarrà quella che avete chiesto.

Alessio Viola

Velocità max Velocità max Accelerazione Accelerazione Consumi medi Consumi medi Ripresa a min/max carico Ripresa a min/max carico Frenata da 100 km/h Frenata da 100 km/h
FERRARI 488 GTB
330.830 km/h
(IN VII)
0-100 KM/H
2.9 s

400M DA FERMO
10.3 s

1KM DA FERMO
18.7 s
70-120 KM/H
6.4/2.9
(IN D)

1 KM DA 70 KM/H
18.1
(IN D)
37.5 m
auto pregi difetti
FERRARI 488 GTB

Comportamento stradale. Efficace come poche. Ma capace d'ispirare una confidenza che una supercar a motore centrale potrebbe pure non concedere.

Motore e cambio. Le qualità di sempre, con un'impetuosità fuori da ogni immaginazione. E, per gestire il V8, il doppia frizione è l'alleato perfetto.

Multimedia. L'impegno si vede e i passi avanti pure. Un contesto straordinario come questo meriterebbe, però, un impianto ancora più completo e raffinato.

Visibilità posteriore. Su macchine del genere è normale che dietro si veda poco. E proprio per questo la retrocamera dovrebbe essere di serie: questione di sicurezza.

FERRARI 488 GTB
5 stelle
Cambio Freni Posto guida Motore Accelerazione Ripresa Sterzo Su strada
4.5 stelle
Plancia e comandi Strumentazione Accessori
4 stelle
Abitabilità Climatizzazione Finitura
3.5 stelle
Bagagliaio Confort Audio e Navigatore
3 stelle
Consumo Visibilita Prezzo Garanzia Dotazioni sicurezza