Sei in: Home > Prove > Prove su strada > La prova della 2.2d DCT AWD Premium Tech

Infiniti QX30La prova della 2.2d DCT AWD Premium Tech


Tre centimetri. Il nocciolo della questione è questo. Tre centimetri separano l’altezza della Infiniti QX30 da quella della sorella Q30. Tre centimetri ottenuti rialzando l’assetto e rivedendo la geometria delle sospensioni. Cosicché già a un primo sguardo la QX si presenta in modo diverso. La luce maggiore tra ruote e passaruota, le barre sul tetto, le protezioni messe davanti e dietro a salvaguardare il fondo scocca, le danno un’aria importante, sottolineata dai grandi pneumatici da 18 pollici. La linea è caratterizzata da tratti forti, decisi, che partono dal frontale, scolpiscono la fiancata e si prolungano fino alla coda. 

Abitacolo elegante e curato. Le quattro porte danno accesso a un abitacolo molto elegante e curato fin nei dettagli. I sedili, di pelle nappa, sono davvero belli, oltre che comodi, fanno una gran figura in questo colore cioccolato con cuciture a vista e s'integrano benissimo con la plancia, anch’essa in parte rivestita con lo stesso materiale. I colori, tono su tono e ben calibrati tra loro, concorrono a creare un ambiente caldo e accogliente. Le regolazioni elettriche (millimetriche) del sedile permettono di accomodarsi al meglio. È un attimo trovare la posizione più indicata alla propria corporatura. L’impostazione è sportiveggiante, come sulla Q30, con la sola differenza che qui si sta seduti qualche centimetro più in alto rispetto al suolo.

2017-Infiniti-QX30-6a

Motore, prestazioni, consumi. Il turbodiesel di 2.2 litri non è potentissimo (170 CV), ma ha coppia in abbondanza e risponde bene fin dai regimi più bassi. È il motore giusto per la QX30, ancor più quando - come in questo caso - è abbinato al cambio automatico a doppia frizione a sette marce, l'unico, in realtà, disponibile su questo modello. Le prestazioni, nonostante una massa che in condizioni di prova sfiora i 1.800 chilogrammi, non sono affatto male. La QX30 riesce a toccare i 100 km/h partendo da ferma in 8,9 secondi. In sostanza, ce n’è a sufficienza per muoversi in scioltezza su tutti i percorsi e anche per divertirsi al volante. Tutto questo, poi, senza consumare più di tanto. In media si fanno 15 chilometri con un litro di gasolio, che scendono a poco meno di 14 nella guida cittadina.

2017-Infiniti-QX30-12

Comportamento dinamico. L’assetto è stato completamente rivisto in modo da adattarlo alla maggior altezza da terra. Le molle sono più rigide e dietro c'è una barra antirollio maggiormente dimensionata per contrastare i movimenti della scocca in curva. Così, su strada, la guida non è tanto dissimile da quella della Q30; si avverte, pero, una maggior lentezza a recepire i comandi dello sterzo, dovuta anche alla massa considerevole che grava sulle ruote anteriori. I limiti di tenuta non sono elevatissimi, il comportamento, tuttavia, non riserva sorprese, il retrotreno è sempre ben sostenuto e, se si esagera, c'è sempre un Esp attento e ben calibrato che interviene a rimettere a posto le cose.

2017-Infiniti-QX30-25

Se la cava anche fuori dall'asfalto. La QX30 è l'auto giusta per viaggiare. Le sospensioni non sono troppo morbide, dietro arriva anche qualche scossone di troppo, ma riescono comunque ad assorbire bene le diseguaglianze della strada e a isolare efficacemente l'abitacolo. Anche il rumore resta lontano, almeno davanti. Il quattro cilindri, a dire il vero, fa sentire la sua voce più al minimo e a passo d'uomo che in velocita, dove finisce per confondersi con i pochi fruscii aerodinamici e con la rombosità dei pneumatici. Ma non è tutto: con un'altezza da terra che, su questa versione, raggiunge i 20 centimetri, una prima marcia cortissima (da 25 km/h) e la trazione integrale (una frizione a controllo elettronico trasferisce, se necessario, fino al 50% della coppia sulle ruote dietro), neve, fango o un po' di sabbia non rappresentano certo un problema per la QX30. Così, si può pensare anche di abbandonare l'asfalto e godersi la natura un po' più da vicino.

Marco Perucca Orfei

(Prova ripresa da Quattroruote di ottobre 2016, n. 734)
Pregi e difetti
Pregi Difetti


INFINITI QX30 2.2d DCT AWD Premium Tech

Prestazioni. Grazie alla coppia e alla potenza del 2.2 turbodiesel, su strada si muove proprio bene. È veloce, vivace, divertente da guidare. E consuma poco.

Finitura. A bordo si respira una bella atmosfera. L'abitacolo è rifinito con materiali pregiati e curato fin nei minimi dettagli. Inoltre, il design è originale.            

Visibilità posteriore. In manovra bisogna fare i conti con la linea di cintura alta e il lunotto piccolo. I sensori e la telecamera a 360 gradi danno una bella mano.

Confort posteriore. Dietro c'è più rumore (la cancellazione elettronica funziona meglio davanti) e le sospensioni sono più rigide.

Dati rilevati
Velocità
MASSIMA 214.176 km/h (IN VI)
Accelerazione
0-100 KM/H 8.9 s
400M DA FERMO 16.5 s
1KM DA FERMO 30.2 s
RIPRESA A MIN/MAX CARICO
70-120 KM/H 8.6/9.5 (IN D)
FRENATA
100 KM/H
A MINIMO CARICO
41.5 m
CONSUMI MEDI
STATALE 17.5 km/l
AUTOSTRADA 14.4 km/l
CITTÀ 13.7 km/l
Pagelle
Abitabilità3.5
Accelerazione4
Accessori4.5
Audio e navigazione4
Bagagliaio3.5
Cambio4.5
Climatizzazione4.5
Confort3.5
Consumo4
Dotazioni sicurezza4.5
Finitura4.5
Freni3.5
Garanzia3
Motore4
Plancia e comandi4
Posto guida5
Prezzo2
Ripresa4
Sterzo4
Strumentazione4
Su strada3
Visibilità3
 

Listino