BMW Serie 8

Quando si parla di BMW Serie 8 ci si può riferire a due modelli ben distinti, prodotti in epoche tra loro molto lontane, ma accomunati dalla medesima filosofia. In entrambi i casi, la Casa di Monaco ha infatti realizzato una gran turismo, con dimensioni importanti e tecnologie avanzate per i suoi tempi. Il lancio della prima generazione della BMW Serie 8, identificata tra gli appassionati con il nome in codice E31, risale al 1989. La vettura, rimasta in produzione una decina d’anni e oggi ricercata dai collezionisti delle youngtimer, ha ormai una diffusione molto ridotta sul mercato dell’usato. Le inserzioni riguardano invece per lo più la recente Serie 8 G15, introdotta alla fine del 2018 e declinata in tre varianti: Cabriolet, Coupé e Gran Coupé, ovvero con la particolare formula della coupé a quattro porte. Quale che sia la carrozzeria scelta, la Serie 8 unisce lusso e fruibilità quotidiana, grande personalità e un comportamento stradale che, a dispetto della stazza, soddisfa anche i piloti più esigenti nella guida sportiva. La zona anteriore dell’abitacolo è accogliente, spaziosa, ben accessibile e appagante sotto ogni punto di vista. Ai passeggeri posteriori delle versioni a due porte piacerebbe invece poter contare su qualche centimetro in più sia per le gambe sia per la testa. La Gran Coupé colma questa lacuna grazie al passo allungato e tratta in guanti bianchi anche chi siede dietro.

I MOTORI
La prima BMW Serie 8 è stata venduta solo ed esclusivamente con propulsori a benzina, che nelle versioni di punta adottavano il raffinato schema a dodici cilindri. La seconda serie è invece proposta con unità sia a benzina sia a gasolio. La quota relativa ai turbodiesel è alta soprattutto nel caso della Serie 8 Gran Coupé, che ha ottime doti da passista e si presenta come un’alternativa più dinamica e filante rispetto alle classiche ammiraglie. Nel caso invece delle Serie 8 Coupé e Cabriolet, la percentuale degli esemplari a benzina sale sensibilmente per assecondare i pruriti sportivi di tanti clienti. Al top della gamma c’è la M8, che arriva a toccare il traguardo dei 600 CV e a superarlo nel caso degli allestimenti più performanti. Quanto al reparto trasmissione, tutte le Serie 8 adottano la trazione integrale permanente xDrive e un cambio automatico con funzione sequenziale.

PRO E CONTRO
La BMW Serie 8 è un’auto dalle molte sfaccettature. La Gran Coupé è una straordinaria cruiser che all’occorrenza sa sfoderare una notevole incisività nella guida, un cocktail che la Coupé propone con un gusto ancora più deciso e che la Cabrio permette di assaporare anche con il vento tra i capelli. La meccanica sofisticata e l’elettronica di ultima generazione consentono di trovare un compromesso eccellente tra la qualità della vita a bordo e l’autentico piacere di guida. In questo senso, solo lo sterzo risulta perfettibile in fatto di prontezza e feeling di guida, mentre il confort risente in parte dei cerchi di grande diametro abbinati ai pneumatici ribassati. Promosse a pieni voti anche la qualità delle finiture, la climatizzazione e le dotazioni di sicurezza e di sistemi di assistenza alla guida, mentre l’impianto d’infotainment mostra qualche limite.

Leggi Tutto
×

L'utente per definire il prezzo di quest'auto ha utilizzato il servizio Quotauto.

Questo è servito all'utente per migliorare la qualità dell'annuncio determinando il valore dell'auto secondo i criteri di Quattroruote.

Il prezzo finale definito dall'utente potrebbe scostarsi dall'effettiva Quotazione di Quattroruote, rimanendo però all'interno di un intervallo accettabile per una corretta valutazione dell'auto.


Clicca qui per effettuare una Quotazione Quattroruote >>

×

Cerca