Alfa Romeo 75

Prima del recente avvento della moderna Giulia, l’Alfa Romeo 75 è stata l’ultima vettura di grande serie del Biscione ad adottare il motore longitudinale e la trazione posteriore. Altri segni distintivi del progetto della 75 sono lo schema transaxle con frizione e cambio al retrotreno, le sospensioni a ponte De Dion e i freni entrobordo, montati cioè sui semiassi all’uscita del differenziale e non sul mozzo della ruota. Anche grazie a queste sue caratteristiche, la 75 è rimasta nel cuore degli appassionati più nostalgici e oggi inizia ad avere un certo valore collezionistico, ricercata soprattutto dai cultori del genere youngtimer. Prodotta tra il 1985 e il 1992 in oltre 350.000 esemplari, questa Alfa Romeo ha un’originale carrozzeria a cuneo, spigolosa, che rappresenta un’evoluzione degli stilemi della precedente Giulietta. Alla fine del 1988 la 75 ha beneficiato di un restyling che ha toccato in particolare la calandra, le luci posteriori e alcuni dettagli dell’abitacolo ed è stato accompagnato anche da un profondo aggiornamento della gamma motori. Plancia e console sono invece rimaste immutate, con forme massicce e squadrate e alcune finiture un po’ economiche.

I MOTORI
La prima serie dell’Alfa 75 era equipaggiata con motori già ben noti alla clientela di Arese. Al lancio, la gamma sfruttava infatti i classici propulsori bialbero 1.6, 1.8 e 2.0 a carburatori. A completare l’offerta c’erano poi il leggendario V6 2.5 Busso e un turbodiesel di due litri sviluppato dalla VM. Successivamente entrarono in listino la 1.8 Turbo, prima auto di produzione sovralimentata dell’Alfa, e la V6 3.0, oltre che la 2.0 Twin Spark, dotata di iniezione e accensione a doppia a candela, destinata a diventare presto la bestseller della famiglia. Dopo il facelift del 1988 l’adozione dell’iniezione fu estesa a buona parte della gamma, che si arricchì anche delle più brillanti versioni 1.8 Turbo e 3.0 V6 Quadrifoglio Verde, oltre che della 2.4 TD. Alcuni esemplari battezzati Europa montano anche il catalizzatore, ma la vera rarità è la 75 1.8 Turbo Evoluzione, costruita in soli 500 pezzi, per correre, con vistose appendici aerodinamiche e oggi quasi introvabile.

PRO E CONTRO
Ciò che rende speciale l’Alfa Romeo 75 è in primis il suo fascino, attribuibile allo stile anni 80 che traspare da molti dettagli. Particolare è anche il sound dei motori a benzina, che regalano a ogni accelerata una colonna sonora d’altri tempi. Grazie alla loro elasticità, questi propulsori permettono di viaggiare sulle strade extraurbane senza fare un frequente ricorso al cambio, peraltro non particolarmente manovrabile. Promosso il comportamento stradale: la tenuta di strada è buona e le perdite d’aderenza sono sempre graduali e ben prevedibili, almeno sull’asfalto asciutto. Per portare la vettura al limite occorre sempre una certa perizia anche perché lo sterzo, su molti esemplari privo di servoassistenza, si rivela piuttosto lento. Anche il rendimento dei freni, poco modulabili e con spazi d’arresto solo discreti, infine, suggerisce una certa cautela.

Leggi Tutto
×

L'utente per definire il prezzo di quest'auto ha utilizzato il servizio Quotauto.

Questo è servito all'utente per migliorare la qualità dell'annuncio determinando il valore dell'auto secondo i criteri di Quattroruote.

Il prezzo finale definito dall'utente potrebbe scostarsi dall'effettiva Quotazione di Quattroruote, rimanendo però all'interno di un intervallo accettabile per una corretta valutazione dell'auto.


Clicca qui per effettuare una Quotazione Quattroruote >>

×

Cerca