Citroën C3

Si fa presto a dire Citroën C3: dietro questo nome si nascondono infatti tre generazioni del modello, l’ultima delle quali ha troncato i ponti con il passato seguendo un nuovo corso stilistico. Se la prima C3, prodotta tra il 2002 e il 2009, aveva infatti lasciato in dote alla seconda il taglio arrotondato del padiglione, nobilitato su molti esemplari dallo spettacolare parabrezza esteso Zenith, la terza ha voltato pagina. Nel 2016 la C3 si è infatti messa sulle orme della C4 Cactus, diventando meno leziosa e trovando un elemento caratterizzante nelle protezioni laterali Airbump. In generale, comunque, la C3 ha sempre rappresentato un prodotto originale e con ampie possibilità di personalizzazione a livello di colori e accessori. I vari accostamenti cromatici le danno di volta in volta un taglio più maschile o femminile, ferme restando la simpatia e la raffinatezza degli interni. Nel segno della continuità anche il confort, superiore alla media grazie ad assetti sempre piuttosto soffici, in grado di assorbire bene le sconnessioni. La capostipite fu proposta anche nel bizzarro allestimento cabriolet C3 Pluriel, non più replicato con le due generazioni successive.

I MOTORI
La gamma motori della Citroën C3 ha sempre creato l’imbarazzo della scelta tra diesel e benzina, con valide unità su entrambi i fronti. Per quanto riguarda la seconda generazione, molti esemplari montano i benzina entry level 1.0, 1.1, 1.2 e 1.4, che se la cavano bene nell’uso urbano pur senza essere molto brillanti. La comodità della C3 ha spinto tanti a impiegarla anche per coprire percorrenze annue importanti e ciò spiega la grande offerta di vetture a gasolio, con i motori 1.4 e 1.6 HDi e BlueHDI e con potenze comprese tra i 68 e i 112 CV. Con l’avvento della terza generazione molti utenti hanno preferito puntare sulle diverse varianti dell’1.2 PureTech da 68, 82 e 110 CV, quest’ultima turbo e abbinata talvolta al cambio automatico EAT6. Sempre valide anche le più recenti proposte a gasolio, spinte dal classico 1.6 HDi o dal più moderno 1.5 BlueHDi.

PRO E CONTRO
Ogni epoca ha avuto i suoi alti e suoi bassi in materia di abitabilità. Se in passato per esempio l’abitacolo era luminoso ma un po’ stretto, le C3 più fresche hanno sedili ampi e soffici ma un bagagliaio un po’ risicato e problemi di altezza utile quando montano il tetto panoramico. Il comportamento stradale è da sempre sicuro e piacevole, ma non va sottovalutata l’assenza del controllo elettronico della stabilità su alcuni esemplari datati.

Leggi Tutto
×

L'utente per definire il prezzo di quest'auto ha utilizzato il servizio Quotauto.

Questo è servito all'utente per migliorare la qualità dell'annuncio determinando il valore dell'auto secondo i criteri di Quattroruote.

Il prezzo finale definito dall'utente potrebbe scostarsi dall'effettiva Quotazione di Quattroruote, rimanendo però all'interno di un intervallo accettabile per una corretta valutazione dell'auto.


Clicca qui per effettuare una Quotazione Quattroruote >>

×

Cerca