Ferrari 458

La Ferrari 458 Italia rappresenta uno dei modelli chiave nella genealogia delle berlinette sportive della Casa di Maranello. In pratica è la vettura che si pone storicamente tra la 430 e la 488 ed è rimasta in produzione tra il 2009 e il 2015. Rispetto alla progenitrice compie una piccola rivoluzione stilistica, con il passaggio a una linea molto più pulita. La semplificazione continua anche una volta all’interno dell’abitacolo, con la scomparsa delle classiche levette multifunzione ai lati del piantone dello sterzo, rimpiazzate da comandi tanti pratici quanto discreti. Per il resto la 458 Italia ripropone la tipica atmosfera Ferrari, lussuosa e corsaiola al tempo stesso, con il volante che ospita il celebre manettino per regolare in un attimo il set-up della vetture. Non occorre distrarsi per gestire il raffinato differenziale elettronico l'E-Diff e il controllo della trazione F1-Trac. Verso la fine del 2011 la 458 coupé è stata affiancata in listino dalla 458 Spider, mentre nel 2013 la gamma si ampliata ulteriormente con la 458 Speciale. Questa versione, proposta in tiratura limitata anche in variante scoperta, è alleggerita di quasi un quintale e risulta affinata a livello aerodinamico ed elettronico, oltre che leggermente potenziata.

I MOTORI
Come vuole una tradizione consolidata, il nome della Ferrari 458 dice già molto circa il motore, che in questo caso si trova in posizione posteriore centrale, alle spalle dell’abitacolo. 4,5 sono infatti i litri di cilindrata, mentre 8 è il numero dei cilindri, disposti su due bancate che formano una V di 90 gradi. Alimentata da un sistema a iniezione diretta, questa unità eroga 570 CV a 9.000 giri, portati alle ruote posteriori tramite un cambio robotizzato a sette marce e a doppia frizione. Nel caso della 458 Speciale, la potenza massima sale a 605 CV, valore che al momento del lancio permetteva a questa Ferrari di vantare la più alta potenza specifica mai registrata tra le vetture di serie aspirate.

PRO E CONTRO
Il fatto che una Ferrari sia potente e piacevole da guidare non fa notizia. Ciò che colpisce della 458 in tutte le sue decliazioni è piuttosto la facilità di guida. Tutto è relativo, è chiaro, quando si parla di un’auto da almeno 570 CV, ma è impressionante come questa vettura ispiri subito grande confidenza. Bastano pochi chilometri perché il pilota si senta la 458 cucita addosso. Il sedile sportivo calza a pennello e lo sterzo diretto ha una precisione istraordinaria che permette di tracciare le traiettorie in modo chirurgico. L’auto ha un assetto sorprendentemente neutro. La 458 non è però solo una sportiva con i fiocchi, ma si rivela adatta anche a un utilizzo quotidiano. Sopporta infatti bene le andature ridotte e gli stop & go del traffico, digerendo senza grandi problemi pure le buche, complici le sospensioni regolabili elettronicamente. Difficile parlare di veri difetti su un’auto di questo genere, dando per scontata per esempio una visibilità piuttosto limitata. Il motore, peraltro, ha un rumore molto deciso, ma la sua sonorità è splendida e rappresenta autentica musica per le orecchie degli appassionati.

Leggi Tutto
×

L'utente per definire il prezzo di quest'auto ha utilizzato il servizio Quotauto.

Questo è servito all'utente per migliorare la qualità dell'annuncio determinando il valore dell'auto secondo i criteri di Quattroruote.

Il prezzo finale definito dall'utente potrebbe scostarsi dall'effettiva Quotazione di Quattroruote, rimanendo però all'interno di un intervallo accettabile per una corretta valutazione dell'auto.


Clicca qui per effettuare una Quotazione Quattroruote >>

×

Cerca