Ford C-Max

La Ford C-Max è la vettura con cui la Casa dell’Ovale Blu ha cercato di farsi largo nel segmento delle monovolume compatte a partire dai primi anni 2000. Di questo modello sono state prodotte due generazioni. La prima, entrata in listino del 2003, ristilizzata nel 2007 e uscita di scena nel 2010, è ormai sempre meno diffusa sul mercato dell’usato. Navigando tra gli annunci ci si imbatte infatti soprattutto nelle C-Max più recenti, rimaste a catalogo per circa nove anni, a metà dei quali, nel 2015, è stato effettuato un restyling. Il facelift ha introdotto una nuova calandra trapezoidale in stile Aston Martin e luci diurne a Led. Inoltre, l’aggiornamento ha portato in dote una plancia rivisitata, un sistema d’infotainment più moderno e una dotazione più ricca di sistemi di assistenza alla guida. La seconda serie della Ford C-Max è stata declinata in due varianti di carrozzeria. Da una parte la versione standard, a cinque posti e lunga 438 cm, e dall’altra la C-Max 7, con il passo allungato di una quindicina di centimetri, con sette posti e una terza fila composta da due sedili a scomparsa nel piano di carico. Per favorire l’accesso a bordo, in questo caso le porte posteriori sono scorrevoli.

I MOTORI
Le Ford C-Max e C-Max 7 sono state commercializzate con motori a benzina, a doppia alimentazione, ovvero a benzina e a Gpl, e infine a gasolio. La maggior parte dei clienti ha scelto queste monovolume proprio con i propulsori turbodiesel, che oggi quasi monopolizzano l’offerta delle C-Max usate. Anche in questo caso, comunque, c’è un’ampia scelta, a partire dal best-seller di famiglia, il TDCi 1.6, proposto in diversi livelli di potenza e rimpiazzato sugli esemplari più recenti dal più moderno e pulito TDCi 1.5, disponibile con 95 o 120 CV. Per un uso più gravoso esistono anche le C-Max TDCi 2.0 dotate di 150 CV e di una coppia generosa, che assicura una notevole vivacità anche a pieno carico. Rare, ma non introvabili, sono le vetture equipaggiate con un pratico cambio automatico sequenziale.

PRO E CONTRO
Sono molti gli aspetti che rendono appetibile la Ford C-Max. Il più evidente è una notevole versatilità d’impiego che trova chiaramente la sua massima espressione nella C-Max 7. Se il posto di guida si fa apprezzare per la seduta alta, la comodità del sedile e le ampie regolazioni, la zona posteriore conquista con le sue dimensioni generose e la notevole flessibilità garantita da sedili, configurabili in tanti modi diversi. Il bagagliaio non è da meno e può essere ampliato facilmente, ripiegando i vari elementi che compongono il divano o addirittura rimuovendoli; peccato soltanto che le sedute non siano scorrevoli come su alcune concorrenti. Nonostante il baricentro alto e un certo rollio dovuto a un assetto più turistico che sportivo, la C-Max è poi piacevole e divertente su strada e si presta bene anche a una guida brillante, sotto l’occhio vigile dei controlli elettronici. Negli anni, la plancia è migliorata sensibilmente, diventando più curata e ordinata grazie all’eliminazione di diversi tasti fisici e all’accentramento di tante funzioni nello schermo centrale.

Leggi Tutto
×

L'utente per definire il prezzo di quest'auto ha utilizzato il servizio Quotauto.

Questo è servito all'utente per migliorare la qualità dell'annuncio determinando il valore dell'auto secondo i criteri di Quattroruote.

Il prezzo finale definito dall'utente potrebbe scostarsi dall'effettiva Quotazione di Quattroruote, rimanendo però all'interno di un intervallo accettabile per una corretta valutazione dell'auto.


Clicca qui per effettuare una Quotazione Quattroruote >>

×

Cerca