Maserati GranTurismo

Con le sue caratteristiche, la Maserati GranTurismo tiene fede al suo appellativo e si rivela una degna erede delle gran turismo che hanno reso celebre il Tridente. Si tratta infatti di una coupé capace di dimostrarsi una grande stradista, veloce e confortevole al tempo stesso. La linea è opera della Pininfarina ed esprime carattere e dinamismo, con un cofano allungato e passaruota muscolosi in bella evidenza. Le proporzioni fanno pensare che l’abitacolo sia più piccolo di quello che è in realtà. Anche i posti posteriori, per quanto non siano semplicissimi da raggiungere, offrono una sistemazione più che accettabile per gli spostamenti a medio raggio. L’ambiente ha un’aria raffinata, con rivestimenti e dettagli che danno l’idea di una costruzione artigianale, lontana - nel bene e nel male - dalla fredda perfezione della concorrenza teutonica. Della GranTurismo esistono diverse versioni che tendono a mettere l’accento sulla sportività, a partire dalla S per arrivare alla MC Stradale e alla Sport. Queste Maserati sono in grado di rivaleggiare con le supercar più blasonate sia nello spunto sia in ottica velocistica, con punte massime anche di oltre 300 km/h. È doveroso ricordare come alcuni esemplari della MC Stradale siano in configurazione biposto, spogliate di tutto il superfluo per contenere la massa.

I MOTORI
La Maserati GranTurismo è stata presente nel listino della Casa modenese dal 2007 al 2019 e in questi dodici anni la gamma si è sviluppata sostanzialmente attorno a due varianti di un V8 aspirato sviluppato dalla Ferrari: la versione 4.2 eroga 405 CV, mentre quelle 4.7 possono avere una potenza compresa tra i 440 e i 460 CV. La trazione è sempre sulle ruote posteriori mentre a livello di trasmissione si possono trovare due soluzioni: alcuni esemplari montano un automatico ZF a sei marce, mentre quelli con una più spiccata vocazione sportiva impiegano il cambio robotizzato elettroattuato MC-Shift.

PRO E CONTRO
La Maserati GranTurismo è un’auto a bordo della quale si viaggia sempre volentieri, da passeggeri e ancor più quando ci si deve mettere al volante. La coupé emiliana sa infatti offrire prima di tutto un confort di alto livello, frutto di un’ottima insonorizzazione e di un efficace lavoro da parte delle sospensioni, cui il controllo elettronico regala una capacità di adattamento non comune alle varie condizioni d’impiego. L’assetto digerisce con disinvoltura il tormentato pavé cittadino, così come le sequenze di curve dei passi alpini. Il peso non è forse tra i più contenuti, ma la sua perfetta ripartizione tra i due assi garantisce a questa Maserati un apprezzabile equilibrio e una grande incisività anche nella guida arrembante. La meccanica, dal canto suo, sfoggia un’erogazione generosa e un rombo gasante. Qualche nota stonata arriva invece dai comandi secondari. Alcuni non sono semplici da individuare e per azionarli occorre distrarsi dalla strada, mentre altri hanno una fattura piuttosto economica, non all’altezza del blasone del marchio e delle ambizioni della vettura.

Leggi Tutto
×

L'utente per definire il prezzo di quest'auto ha utilizzato il servizio Quotauto.

Questo è servito all'utente per migliorare la qualità dell'annuncio determinando il valore dell'auto secondo i criteri di Quattroruote.

Il prezzo finale definito dall'utente potrebbe scostarsi dall'effettiva Quotazione di Quattroruote, rimanendo però all'interno di un intervallo accettabile per una corretta valutazione dell'auto.


Clicca qui per effettuare una Quotazione Quattroruote >>

×

Cerca