Mitsubishi 3000 GT

La Mitsubishi 3000 GT è l’auto con cui la Casa giapponese entrò prepotentemente nel settore delle sportive all’inizio degli anni 90 e oggi desta l’interesse degli amanti delle youngtimer del Sol Levante. Lunga poco più di quattro metri e mezzo e alta meno di uno e trenta, questa coupé ha una linea molto filante ma non particolarmente personale, con una coda massiccia e un cofano allungato, completato da proiettori a scomparsa. Ben più originale è invece il quadro tecnico definito a suo tempo dagli ingegneri giapponesi, che sfrutta molte soluzioni all’avanguardia per quell’epoca. Nelle versioni più evolute, la Mitsubishi 3000 GT monta per esempio appendici aerodinamiche a incidenza variabile, capaci di cambiare posizione automaticamente in base alla velocità. Il vero pezzo forte è però un sistema di sterzata integrale con quattro ruote sterzanti, che rende l’auto particolarmente precisa nei curvoni più veloci, complice anche la presenza di raffinate sospensioni regolabili a controllo elettronico. Nel 1994 la Mitsubishi ha aggiornato questo modello e gli esemplari della seconda serie si riconoscono facilmente per la presenza di fari fissi. In quell’occasione sono stati modificati anche gli arredi dell’abitacolo. Che si parli di una generazione o dell’altra, la diffusione della 3000 GT è piuttosto limitata.

I MOTORI
Su alcuni mercati esteri, la Mitsubishi 3000 GT è stata venduta anche in versione aspirata, ma gli esemplari circolanti in Italia sono di norma spinti da un tre litri V6 sovralimentato da due turbocompressori, ciascuno dotato di un suo intercooler. La prima serie della 3000 GT ha una potenza massima inferiore ai 300 CV, quota superata invece agevolmente dalla seconda, dotata anche di un diverso cambio Getrag a sei marce. A proposito di trasmissione, la trazione è integrale. Va comunque ricordato che diversi esemplari di questa sportiva sono giunti in Italia attraverso importatori paralleli e può capitare di imbattersi in vetture destinate in origine ai mercati esteri e quindi con caratteristiche e specifiche particolari. La 3000 GT è stata venduta negli Stati Uniti anche come Dodge Stealth.

PRO E CONTRO
La Mitsubishi 3000 GT riesce ad abbinare una buona sportività a una certa versatilità d’impiego. Le sospensioni regolabili permettono di scegliere tra un settaggio relativamente comodo per l’impiego tranquillo e uno invece più sostenuto. Quest’ultimo riesce a tenere a bada la notevole massa nella guida più brillante, nella quale si apprezza molto anche il dinamismo assicurato dalle quattro ruote sterzanti. L’abitacolo 2+2, dal canto suo, offre una sistemazione confortevole considerato il segmento di riferimento, mentre a livello di finiture emerge qualche limite: la qualità delle plastiche e dei rivestimenti risulta infatti piuttosto lontana dagli standard dei marchi premium europei. Promossa invece a pieni voti la meccanica: il motore è vivace e regala intense emozioni in fase di spunto, grazie anche alla buona motricità assicurata dalle quattro ruote motrici e dal lavoro del differenziale posteriore. Per la cronaca, il tempo nella classica prova di accelerazione da 0 a 100 km/h è nell’ordine dei 5,5 secondi.

Leggi Tutto
×

L'utente per definire il prezzo di quest'auto ha utilizzato il servizio Quotauto.

Questo è servito all'utente per migliorare la qualità dell'annuncio determinando il valore dell'auto secondo i criteri di Quattroruote.

Il prezzo finale definito dall'utente potrebbe scostarsi dall'effettiva Quotazione di Quattroruote, rimanendo però all'interno di un intervallo accettabile per una corretta valutazione dell'auto.


Clicca qui per effettuare una Quotazione Quattroruote >>

×

Cerca