Nissan Pathfinder

Nella categoria delle Suv, che spazia dalle più specialistiche fuoristrada alle crossover più urbane, la Nissan Pathfinder si pone più sul versante off-road, come lasciano intuire la sagoma imponente e le linee massicce della carrozzeria, lunga attorno ai quattro metri e ottanta. Sotto le lamiere si nasconde non a caso un classico telaio a longheroni e traverse, abbinato a sospensioni a ruote indipendenti. L’abitacolo ha arredi dalle linee pulite, realizzati con materiali non sfarzosi ma robusti: le plastiche, in particolare, sono massicce e danno l’idea di essere fatte per durare. A bordo i centimetri abbondano in tutte le direzioni, altezza compresa. I posti possono essere cinque o sette, grazie a due eventuali sedili supplementari pronti a scomparire nel piano di carico. Il divano ha lo schienale regolabile, oltre che ribaltabile, e ciò permette di modulare a piacere lo spazio tra i passeggeri e gli oggetti trasportati. Il volume del bagagliaio va da 190 litri misurati con a bordo sette occupanti a 2.091 che si possono ricavare alle spalle del pilota e del passeggero anteriore. Comodo il lunotto che si apre separatamente dal portellone.

I MOTORI
Sebbene, per un certo periodo, la Nissan Pathfinder sia stata commercializzata anche con un V6 4.0 a benzina da 269 CV abbinato al cambio automatico, in Italia questa motorizzazione non ha avuto fortuna e gli annunci riguardano esclusivamente gli esemplari turbodiesel. A spingerli è nella maggior parte dei casi un quattro cilindri 2.5 dCi, che nelle sue varie evoluzioni ha erogato dai 170 ai 190 CV, mentre più rari sono gli esemplari dotati di un più raffinato V6 3.0. Pastoso e regolare, il motore bestseller ha un’erogazione piena soprattutto ai regimi intermedi. Abbinato al cambio manuale o a quello automatico, vede il reparto trasmissione completarsi con il sistema di trazione integrale inseribile All Mode 4x4. Di norma, la forza motrice viene scaricata sulle sole ruote posteriori, ma il pilota può inserire la funzione Auto e affidare full-time all’elettronica la ripartizione della coppia sui due assi. In condizioni critiche può in alternativa scegliere la trazione integrale part-time, con il differenziale centrale bloccato, e sfruttare anche le marce ridotte. A tutto ciò si aggiunge anche la presenza del differenziale posteriore autobloccante.

PRO E CONTRO
Le dimensioni importanti sono croce e delizia di chi acquista una Nissan Pathfinder. Se da una parte creano infatti un certo impaccio nelle manovre, mitigato in parte dalla posizione di guida rialzata, dall’altra regalano un’abitabilità e una versatilità d’impiego non comuni. Con un abitacolo che può essere configurato in 64 modi, si può chiudere un occhio sull’accessibilità difficoltosa alla terza di sedili. L’altro indiscutibile pregio della Pathfinder riguarda le notevoli doti fuoristradistiche, derivate da un’ottima motricità e da angoli di attacco e di uscita molto favorevoli. Questa impostazione non penalizza troppo la vettura su strada, grazie a un assetto piuttosto rigido, che limita il rollio, ma trasmette ai passeggeri le sconnessioni dell’asfalto.

Leggi Tutto
×

L'utente per definire il prezzo di quest'auto ha utilizzato il servizio Quotauto.

Questo è servito all'utente per migliorare la qualità dell'annuncio determinando il valore dell'auto secondo i criteri di Quattroruote.

Il prezzo finale definito dall'utente potrebbe scostarsi dall'effettiva Quotazione di Quattroruote, rimanendo però all'interno di un intervallo accettabile per una corretta valutazione dell'auto.


Clicca qui per effettuare una Quotazione Quattroruote >>

×

Cerca