Volkswagen Multivan

Il Volkswagen Multivan costituisce una tra le molte proposte della sconfinata gamma dei veicoli commerciali leggeri della casa di Wolfsburg e dei minivan che da essi derivano. Questo appellativo fu introdotto nella prima metà degli anni ottanta per identificare una versione del Transporter T3 per il trasporto dei passeggeri che offriva una particolare flessibilità d’impiego, grazie ai sedili posteriori trasformabili in un letto. Lo stesso mezzo poteva essere camperizzato con tetto a soffietto e un secondo letto. La denominazione è stata mantenuta anche con le serie successive, la T4, la T5 e la T6, che si sono avvicendate nel 1990, nel 2003 e nel 2015. L’ultimo aggiornamento consistente, datato 2019, ha riguardato lo stile esterno e le dotazioni, anche a livello di connettività e di assistenza alla guida. Nel catalogo VW Transporter, l’allestimento Multivan è quello concettualmente più simile all’idea di una monovolume di taglia extralarge, con arredi più lussuosi, dotazioni più ricche e una maggior libertà di configurare a piacere l’interno lo distinguono dalla variante Caravelle. Quest’ultima è più essenziale e appare pensata prevalentemente per un uso professionale per servizi di navetta, con tre file di sedili destinate ad accogliere fino a nove passeggeri. Sul Multivan le poltrone possono essere regolate, rimosse o montate in senso opposto a quello di marcia per creare una sorta di salotto o di ufficio su ruote, a seconda delle necessità. Il massimo della spaziosità e della praticità si ha con gli esemplari a passo lungo, che offrono un maggiore spazio per qualsiasi necessità. Volume utile a parte, tutti i Multivan hanno arredi raffinati, finiture solide e un ottimo comportamento su strada. Ciò vale soprattutto per gli esemplari equipaggiati delle sospensioni regolabili DCC, che permettono di adattare la taratura in base al carico o ai gusti del pilota.

I MOTORI
Il Volkswagen Multivan ha per tradizione la vocazione del globetrotter. È quindi scontato che per macinare chilometri su chilometri la quasi totalità delle unità in circolazione viaggi a gasolio, a prescindere dall’epoca di immatricolazione. Restando sugli esemplari più recenti, i Multivan T5 si trovano soprattutto con il turbodiesel 2.0 TDi con potenze di 102 o 140 CV, mentre i T6 possono arrivare a superare anche la soglia dei 200 CV. In generale, la coppia è comunque sempre sufficiente a muoversi bene in ogni situazione. Chi preferisce una guida rilassante può puntare su un veicolo con cambio robotizzato a doppia frizione DSG, mentre per gli habitué della montagna esistono esemplari con trazione integrale 4Motion.

PRO E CONTRO
La carrozzeria con taglio da furgone non deve trarre in inganno: all’interno del Multivan, infatti, si può trovare un abitacolo ricco e curato come quello di un’ammiraglia, con una silenziosità ai vertici del segmento. Certo, le dimensioni rilevanti penalizzano l’agilità, ma la posizione di guida rialzata e il taglio della carrozzeria aiutano ad avere una chiara idea degli ingombri in manovra. Questo Volkswagen è ottimo dunque per le famiglie numerose e per chi ha esigenze di trasportare oggetti voluminosi, per lavoro o nel tempo libero.

Leggi Tutto
×

L'utente per definire il prezzo di quest'auto ha utilizzato il servizio Quotauto.

Questo è servito all'utente per migliorare la qualità dell'annuncio determinando il valore dell'auto secondo i criteri di Quattroruote.

Il prezzo finale definito dall'utente potrebbe scostarsi dall'effettiva Quotazione di Quattroruote, rimanendo però all'interno di un intervallo accettabile per una corretta valutazione dell'auto.


Clicca qui per effettuare una Quotazione Quattroruote >>

×

Cerca