file
AutoDifesa | il blog di Mario Rossi

L’ultimo bollettino statistico diffuso dall’Ivass qualche giorno fa mostra che la diffusione della scatola nera prosegue, lenta ma apparentemente inarrestabile. Nel secondo trimestre 2016, i contratti Rc auto con la “black box” hanno superato, in Italia, la soglia del 16%. Il dato è interessante in sé (la prevede una polizza su sei tra quelle stipulate tra aprile e giugno); ma è interessante la tendenza: il grafico che illustra la diffusione del “data recorder” nel tempo, infatti, mostra che la diffusione è aumentata di ben cinque punti percentuali in due anni e mezzo, in media due punti all’anno. Non poco.

 

L’altro dato che emerge dallo studio è la diversa distribuzione territoriale. Un apparecchio su tre è stato installato nelle regioni meridionali (isole escluse), con punte del 47,5% a Caserta e del 45,2% a Napoli. In queste due province, insomma, quasi una polizza sue due lo prevede (questo dato disggregato si riferisce al primo trimestre 2016). Spicca, soprattutto a Napoli, la crescita, 8,3 punti percentuali in più in un anno.

 

Nord-ovest

Nord-est

Centro

Sud

Isole

Totale

18,8%

12,7%

19,3%

34,4%

14,8%

100

 

 

Provincia

% contratti con scatola nera 2016

% contratti con scatola nera 2015

Premio medio

Caserta

47,5

42,8

562,60

Napoli

45,2

36,9

646,20

Catania

33,8

32,5

450,30

Reggio Calabria

32,2

30,2

548,10

Salerno

31,8

30,2

482,30

Foggia

29,8

26,1

485,20

Crotone

29,3

25,3

524,10

Barletta-Andria-Trani

29,1

27,9

441,70

Siracusa

28,4

25,6

389,90

Palermo

27,9

23,1

434,40

Bassissima, sul fronte opposto, la penetrazione in alcune province del Nord: 3,5% a Bolzano, 4,6% a Rovigo, 5,2% a Belluno. Da notare che sia a Bolzano sia a Rovigo (ma anche a Gorizia, Sondrio, Aosta e Verona, limitandosi ai dieci territori con la minore diffusione), i contratti con black box sono diminuiti, quasi ovunque di appena qualche frazione.

 

Provincia

% contratti con scatola nera 2016

% contratti con scatola nera 2015

Premio medio

Verona

7,5

6,3

373,60

Aosta

7,4

7,5

292,20

Sondrio

6,3

6,8

342,80

Oristano

6,0

5,5

304,10

Gorizia

5,7

7,2

326,80

Trento

5,6

5,2

328,80

Udine

5,4

5,3

318,30

Belluno

5,2

5,1

321,40

Rovigo

4,6

4,9

339,50

Bolzano

3,5

3,6

345,80

 

Da notare che nonostante la scatola nera, la forbice tra i “premi” (e chissà perché qualcosa che si paga si chiama così) resta elevata: a Napoli assicurarsi costa, in media, il 121% in più rispetto ad Aosta.

COMMENTI

  • Anche io vedrei più utile un sistema di telecamere. Si vede che al sud la scatola nera da accesso a sconti maggiori. Io, sinceramente, per pochi soldi di differenza preferisco tenermi la "libertà". Ho sempre la sensazione che arriverebbe la cosiddetta "inxulata" in caso di incidente, con ragione, ma magari 55 km/h invece di 50 (magari pure in extraurbano ed in pieno rettilineo).
  • Personalmente preferirei la cam, la scatola nera dimostra solo che stavi rispettando le norme del codice della strada, con la camera si ha una prova visiva e non ci sono dubbi, poi non so cosa dice la legge a riguardo (privacy e compagnia bella).