file
AutoDifesa | il blog di Mario Rossi

Archivio per 'December 2016'

    Alzi la mano chi non ha mai letto, in un annuncio di un’auto usata, la clausola “vista e piaciuta”. Ancor oggi non è infrequente, su internet, imbattersi in una formula che, nelle intenzioni del venditore, dovrebbe consentirgli di sfuggire alle responsabilità che gli pone in capo il Codice del consumo (e il Codice civile). Cioè l’applicazione della garanzia.

    In effetti “anche nei casi di vendita di beni usati (quale una autovettura usata) i contraenti, nell’ambito della loro autonomia contrattuale, possono derogare alla disciplina legale della garanzia per vizi della cosa venduta, con l’inserimento nel contratto di apposita clausola, ammessa dall’articolo 1490, comma 11 del Codice civile e debitamente approvata per iscritto ex articolo 1341 comma 2 del Codice civile”. Lo ricorda, in una recente sentenza, la Cassazione (sez. VI civile 2, sentenza 14 giugno-19 ottobre 2016 n. 21204), chiamata a esprimersi su una controversia attorno alla vendita di un’auto usata.

    Fin qui, in teoria, nulla di nuovo. La novità è che la suprema corte distingue, nella motivazione della sentenza, tra rinuncia in toto, e quindi anche per i vizi occulti, e rinuncia limitata “ai vizi agevolmente riscontrabili dall’acquirente”. Scrivono i giudici con l’ermellino che “la clausola non può riferirsi ai vizi occulti, che si manifestano cioè soltanto dopo l’uso del bene compravenduto. Né potrebbe essere diversamente, giacché la espressione “vista” inequivocabilmente allude solo ai vizi agevolmente riscontrabili dall’acquirente a primo esame”.

    Insomma, semplificando al massimo la clausola “vista e piaciuta” può “valere”, appunto, solo per ciò che si vede: “sarebbe incongruo”, sottolinea la suprema corte, “ritenere che quella clausola possa sollevare il venditore dalla garanzia per i vizi occulti”.

    La conseguenza? “Il venditore di vettura usata è tenuto alla garanzia per i vizi occulti anche se la vendita sia avvenuta “nello stato come vista e piaciuta” e, ciò, a prescindere dal fatto che la presenza di essi non sia imputabile al venditore". Più chiaro di così...