file
VairanoRing | il blog di Carlo di Giusto

Archivio per 'July 2014'

    Sono appena tornato da un workshop organizzato dall'Audi sui suoi motori TDI, che proprio quest'anno celebrano il venticinquesimo anniversario dalla loro introduzione (sull'Audi 100 TDI del 1989, per l'esattezza). Ha aperto i lavori Ulrich Weiss, il capo dello sviluppo dei motori diesel, che ha subito iniziato a snocciolare numeri impressionanti: "Oggi - ha riportato Weiss durante il suo intervento - circola un miliardo di veicoli, del quale 750 milioni sono automobili. Entro il 2030 - riportando le stime della Vda, l'associazione tedesca dei costruttori d'auto - con l'aumento dell'urbanizzazione si stima che circoleranno circa tre miliardi di veicoli". Non avrà un tantino esagerato? Alla nostra osservazione, Weiss ha risposto che "C’è un margine di oscillazione, ma presumiamo che i tre miliardi siano un ordine di grandezza plausibile. L’Europa, più o meno, è un mercato saturo, ma i mercati asiatici e soprattutto quelli dell’America Latina sono in crescita".

    Sempre nel 2030, ci dice Weiss, circa il 40% dei veicoli circolanti sarà elettrico o ibrido. L'80% dei motori in circolazione pertanto sarà ancora a combustione interna. E sarà proprio dallo sviluppo e dal miglioramento dei propulsori tradizionali che si potrà operare un abbattimento della CO2 nell'ordine del 50% rispetto a oggi. Ed ecco che entra in gioco il motore diesel: "La convinzione dell'Audi - ha affermato Ulrich Weiss ai nostri microfoni - è che il motore diesel avrà un ruolo molto importante, perché sul piano termodinamico è il motore più efficiente che ci sia. E per poter abbassare i valori di CO2 della propria flotta circolante, si dovranno avere quote di diesel nell’ordine delle due cifre praticamente su tutti i mercati. Ovviamente a tappe e con differenziazioni per quanto riguarda lo sviluppo, ma certamente i veicoli a gasolio dovranno essere diffusi su scala mondiale".

    E come saranno i diesel del futuro? Un assaggio l'abbiamo avuto con i due prototipi equipaggiati con il turbo elettrico, che arriveranno relativamente a breve, ma Weiss guarda oltre: "Sarà decisivo perseguire il concetto di “rightsizing”, cioè il dimensionamento del motore giusto per ogni tipo di veicolo. Ecco perché siamo convinti che sia i motori V6 sia i V8 abbiano un futuro accanto al classico quattro cilindri. È difficile fare delle previsioni precise, ma sono sicuro che nel 2020-2030 il V6 TDI sarà certamente un motore ibridizzato".
    All'Audi, dunque, credono fermamente nelle potenzialità dei motori diesel. E i fatti, dalle vendite ai successi nel motorsport, sembrano dare loro ragione. Vuol dire che un domani andremo davvero tutti a gasolio?