file
VairanoRing | il blog di Carlo di Giusto

Adesso è ufficiale: anche la Porsche 911 Carrera abbandona il classico boxer a sei cilindri aspirato per passare a un'unità propulsiva turbo. La svolta è epocale, paragonabile a quella del passaggio dal raffreddamento ad aria a quello ad acqua di una ventina di anni fa. È un buon momento, quindi, per stimolare una discussione sull'argomento.

Il turbo a me piace. Mi piace soprattutto sulle auto normali, di piccola cilindrata, perché riesce a conferire consistenza e concretezza ai bassissimi e bassi giri, quelli che uso più di frequente: credetemi, con la Yeti 1.2 TSI di famiglia non superiamo mai i 3.000 giri. Da 1.500 a 3.000 c'è tutto quello che serve, complice anche un bel cambio a sei marce correttamente rapportato, per muoversi in scioltezza su ogni tipo di strada, anche e soprattutto in salita. Sono super soddisfatto, insomma.

Ma un'utilitaria è una cosa, una sportiva di razza un'altra: va detto che i modelli che sono passati al turbo - e me ne vengono in mente diversi, tipo la 488 GTB o la M4, non hanno perso un grammo della loro personalità, anzi, e sono altrettanto sicuro che alla Porsche abbiano fatto un lavoretto coi fiocchi. Eppure è innegabile che per l'appassionato, quello capace di cogliere e riconoscere le sfumature, il motore turbo appiattisce un po' le differenze, come se la ricerca della perfezione tecnica finisse per cancellare quelle sottili incongruenze che determinano la personalità di un'unità propulsiva.

C'è davvero il rischio che i motori turbo finiscano per assomigliarsi un po' tutti? Non lo so, ma il tema è stimolante. Vediamo come la pensate.

COMMENTI

  • Per quanto riguarda la Porsche 911 Carrera con il nuovo motore turbo ci sono già valutazioni favorevoli. E poi la maggior parte delle automobili che adottano i motori a benzina sovralimentati di ultima generazione non hanno certo le stesse priorità nelle caratteristiche di funzionamento ed erogazione.
  • Aspirato di grossa cilindrata ma che sale di giri... così so sempre che potenza ho sotto l'acceleratore. Al massimo compressore volumetrico. Per abbassare i consumi iniezione diretta e cylinder deactivation.
  • Aspirato per sempre. Anche perché il turbo senza le complicazioni dell'elettronica produce auto molto ... maschie ma buone solo per la pista.
  • Da possessore di un 1.2TSI, apprezzo il turbo per la coppia ai giri medio-bassi, però fino a quando il turbo non spinge, oltre i 5000RPM e per il turbo-lag, rimpiango l'aspirato. Credo che l'aspirato dia molto di più la sensazione della potenza erogata, e quindi ad esempio in uscita di curva sia molto più dosabile; il turbo ti spiattella un sacco di coppia, magari anche in ritardo, e poi ti trovi o a togliere il gas o con i controlli elettronici che lavorano. Magari quando abbineranno un turbo benzina ad un elettrico, magari riusciranno a compensare i difetti del motore termico con quello elettrico, allora forse.... ma fino ad allora sono per l'aspirato
  • Bello il turbo che mi dà coppia anche ai bassi. Bello finchè non mi crea problemi. Ma si sà che più accessori ci sono e più probabilità di malfunzionamenti e rotture ci saranno (perdita di tempo e di soldi). Quindi (visto che di soldi ne ho pochini) lascio il turbo a chi lo vuole e mi tengo un motore non turbato e povero di coppia ma più affidabile.
  • Né aspirato né turbo: ibrido. Affiancare un motore elettrico ad uno termico dà quella "spinta in più" che ti dà il turbo - con l'importante differenza che hai zero lag e coppia massima dell'elettrico fin dai bassi regimi.
  • Credo che il pasaggio al turbo anche per le supercars sia di fatto inevitabile, per trovare la quadra tra prestazioni-monstre e contenimento di cilindrate, emissioni e di consumi. Penso inoltre che per il 90% dei fortunatissimi (e danarosissimi) proprietari la differenza a livello di guida sia praticamente inavvertibile o meglio, se avvertibile, sia a favore del turbo. Ovviamente un appassionato che sia un minimo competente non potrà che provare un filo di nostalgia per i vecchi potentissimi aspirati, ma penso che ormai siano destinati ad appartenere al passato nel giro di pochissimo tempo, così com'è accaduto per le auto prive di servosterzo e di abs ...
  • Io ho ordinato una delle ultime 991 carrera 4 gts non mi andava di essere uno dei primi ad acquistare la 991 mk2 magari fra qualche anno se ne riparla.
  • aspirato tutta la vita, se si parla di auto sportiva e, soprattutto, di sensazioni piu' che prestazioni, soprattutto nella guida di tutti i giorni, dove non ha alcun senso battere i primati di accelerazione e ripresa. Una bella donna ( un bel motore aspirato ) non ha alcun bisogno di trucco ( il turbo ) per essere affascinante. Anzi, ne diminuirebbe il fascino.....
     Leggi risposte
  • Di esperienza con il turbo ne ho poca, solo un'auto e per di più diesel, ma enorme con motori aspirati e di tutte le cilindrate dai 495 cc della 500 ai 6,7 litri dei grossi v8. Ne sono rimasto scontento tanto che non prenderò più una turbo. Per un motivo semplicissimo: il vuoto di potenza e coppia prima di raggiungere il regime dell'ingresso del turbo che mi dà un notevole fastidio nel traffico del centro di Roma. In pratica, visto anche il notevole peso dell'auto, se non si "attiva" il turbo non si muove, anzi si spegne il motore, quindi le lente "svivolate" nel traffico non sono consentite, se devo riprendere occorre far "partire" il turbo. Un'altra cosetta, francamente non amo molto il 6 marce, se non devo correre ma strisciare nel traffico cambiare in continuazione mi da fastidio, non arrivo ad amare il cambio automatico, ne ho avuta una con l'automatico e mi è bastata, però tra i due opposti c'è una via di mezzo. Dirò una cosa ho avuto anche un'auto a 3 marce con overdrive, (ciò dimostra la mia età) sarà stata per la cilindrata, per l'8v, per la potenza, ma nel traffico era ed è (l'ho ancora) un un piacere. Infine da vecchio tecnico, che ha studiato sui sacri testi del Giacosa, sono un tenace assertore che ciò che non c'è non si guasta e non dà problemi.
  • L'allungo a me piace tantissimo, ma ci sono anche dei turbo con l'allungo, tipo la Civic type R dell'ultimo numero di Quattroruote. In generale non saprei dire, per divertirmi mi piace una macchina che vada forte e tenga bene la strada, poi se ha il turbo o no, la TA o la TP diciamo che ha per me meno importanza. Non perché non riesca a cogliere le differenze, ma perché comunque ci sono sempre pro e contro. Però appunto, un turbo come quello della Civic di difetti ne ha pochi.... Inoltre il turbo non ha limiti fisici teorici nel fornire potenza, ma solo tecnologici. E a me già l'idea di non avere limiti piace molto.... Sull'auto di tutti i giorni invece guardo tutt'altro e queste cose passano assolutamente in secondo piano.
  • Honda S2000 e qui ho detto tutto.
     Leggi risposte
  • bè come scrive davide per l'uso normale e quotidiano i turbo attuali sono fantastici....definitivamente l'alternativa ai coppiosi diesel....in quanto cmq dispongono anche di un discreto allungo. Io uso il 35ibmw e devo dire che anche agli alti tira bene sino a5500 e poi arriva sino a 7000(regimi e comportamenti tipici cmq di un aspirato non supersportivo).....certo la sensazione di piattezza però è quasi totale. Secondo me cmq, a parte supersportive tipo la 488 o californaT, i turbo attuali "normali" in realtà danno già molto agli alti; il fatto che ai bassi spingano moltissimo ovviamente fa sembrare piu deludente il comportamento agli alti.....
     Leggi risposte
  • Aspirato. Mi hanno viziato una Integra Type R e una S 2000. Tra i turbo, ricordo con piacere una Volvo 740 a benzina. Ma quella da 150 hp, poca sovrapressione e turbo lag ragionevole. Che noia la Giulietta 170 hp che guido adesso. 4500-5000 giri ed è tutto finito...
  • Il turbo va di moda per il fatto che, da piccoli, si associava ad elevate potenze. Escludendo l'elettrico, che si mangia tranquillamente qualunque altro motore, l'aspirato è il mio preferito, sia per uso stradale che corsaiolo.
     Leggi risposte
  • Ha detto bene Di Giusto....I moderni turbo moderni sono perfetti per le macchine tranquille, ignobili per le sportive. Io ho provato il Tsi 2.0 EA888 della nuova Gti in versione 220cv ed è addirittura peggiorato rispetto al già piatto 210cv della versione precedente. Questo non vuol dire ignorare i tempi attuali che richiedono un attenzione maggiore ai consumi....Ma porca miseria facciano dei turbo con un'anima! Magari con l'overboost in modo che solo e dico solo quando uno ha intenzione di affondare un pochino senta una spinta un po' più emozionante, un cambio di passo, salvaguardando i consumi quando si va a spasso. Mi sembra che finalmente i costruttori abbiano capito e stiano differenziando l' offerta, perché ripeto sulle macchine tranquille un motore con erogazione "elettrica" va benissimo, sulle auto un po' più briose sono mortificanti.
     Leggi risposte
  • Un 6000cc V8 deve essere assolutamente aspirato. Pero` visto che viviamo un'epoca di riduzione delle cilindrate, sono favorevole al turbo. Il mio sogno personale? un bel V6 2000 TB con 280cv.
     Leggi risposte
  • Sempre turbo perchè i cavalli non sono mai abbastanza ed è facile modificare le centraline.
  • Dipende sempre da che ci devi fare, prima o poi le turbine si piantano, e son soldi per recuperare i pezzi di ricambio ormai introvabili (ho una biturbobenzina vecchia maniera) mentre un onesto motore aspirato magari non ti pianterà mai in asso sul ciglio della strada, e chi va piano va sano e va lontano quindi ben vengano i biturbobenzina per divertirsi, chi può, e un onesto 5000 aspirato teutonico che ti dura una vita per tutto il resto. Dal punto di vista delle preferenze idem: pure io ho dovuto imparare come si guida una biturbobenzina, quindi dopo aver provato e capito mi sono abituato al calcio nella schiena tipica degli anni Ottanta, e non concepirei un turbo che entra in funzione senza neanche che tu te ne accorga, anche se capisco benissimo (e mi è stato spiegato abbondantemente) il motivo per cui le turbine servite col motore diesel sono la morte sua, dal punto di vista stechiometrico almeno.
  • io sono per l'aspirato. Mi piace l'allungo
  • Ammetto di non essere un esperto, per cui faccio fatica a concepire un commento "intelligente". Partendo dal presupposto che l'offerta di motori turbo benzina non fara' che aumentare nei prossimi anni (tanto che pare che FCA non montera' V8 sulle prossime Charger e 300), mi piacerebbe capire se la tecnologia bi-turbo o la sovralimentazione (vedi Hellcat) potranno essere impiegate in maniera piu' diffusa in futuro, anche su vetture di piccola cilindrata. Che ne pensate?
  • Aspirato! Non ho provato tutti i turbobenzina sul pianeta, quindi magari la mia visione è limitata, ma i più famosi come i TSI e gli Ecoboost li ho provati per bene e devo dire che non fanno per me. Per me l'effetto "Wow!" viene fuori dal fatto che, magari inconsciamente, uno si fa il paragone tra un 1.4 aspirato e un 1.4 turbo, e allora chiaramente vince il secondo, ma se paragonassi un 1.0 turbo a un 1.6 aspirato di pari potenza resto tutta la vita col secondo. Se dovessi scegliere un motore adesso, mi butterei ad occhi chiusi sui nuovi mazda Skyactiv-G. Sulle sportive credo che dipenda dal DNA della casa: nessuno si offende se una lancer o una subaru sono turbo, anzi, ma sulla Civic Type-R un po' mi dispiace il cambio di rotta.
  • Malgrado al momento guidi un’auto con motore aspirato benzina, il mio stile di guida si sposa meglio con i motori turbo. Ricordo con nostalgia il TDI 140 cv iniettore pompa VW, così come il MJ della mia vecchia cara 147. Motori belli pieni, potentissimi in ripresa, ti dimenticavi il cambio specie in autostrada quando, col traffico odierno, accade spesso di rallentare perché il mezzo che precede esegue un sorpasso a rilento sul filo dei 100 km/h e per riprendere in sesta marcia nessun problema. Non sono mai stato uno a cui piace far lavorare il motore vicino alla zona rossa e dell’allungo fino a 7000 giri non so che farmene. Siccome però dei diesel non apprezzo il rumore, le vibrazioni a freddo e il fumo allo scarico, forse per me l’uovo di colombo sarebbe uno dei nuovi turbo benzina. Non resta che provarlo! Della 911, Ferrari et similia non so che dirvi, purtroppo sono auto su cui non ho neppure la fortuna di salire come passeggero. Il mio giudizio si basa pertanto su auto “normali”, massimo 2 litri di cilindrata, quindi nulla posso dirvi di aspirati di grossa cubatura. Però, in ogni caso, per come vedo il motorismo attuale, la nostra epoca non è più da un pezzo per motori così, anche tralasciando il capitolo consumo, da quando è stato introdotto il catalizzatore,motori plurivalvole con iniezione elettronica e ci si è attestati su miscele aria-benzina più magre, si è fatta dura per i tradizionali aspirati. L’aumento delle dimensioni e dei pesi, l’allungamento dei rapporti del cambio hanno fatto il resto. Basta provare un 1.0-1.2 aspirato su un’utilitaria moderna: motori anche tecnologicamente avanzati – ricordo il 1.0 della Toyota Yaris – ma auto ferme che non tengono la 2° marcia in salita.
  • Io sono di parte: turbo tutta la vita. Quando passai ai diesel common rail dopo tanti anni di benzina aspirati dissi: mai più benzina, amo la coppia in basso. Però mancava sempre un qualcosa. La risposta ai bassissimi giri era smorta e poi non c'era allungo. Hanno cominciato a fioccare i turbo benzina moderni ed ho iniziato a testarli cambiando opinione sui motori a benzina. Ho cambiato opinione perchè mi sono anche reso conto che con un utilizzo intelligente si riusciva ad ottenere consumi accettabili (mai a livello del diesel, comunque). Poi alla fine ho acquistato una vettura turbo benzina. E' vero, la coppia è tanta ma piatta, sembra un motore elettrico, però sentire spingere dai 1500 ai 6500 giri è una soddisfazione. Accelerare in terza dai 30 ai 130 km/h con una spinta sempre piena è impagabile. E quanto guido tranquillo (cioè spesso) ho dei consumi accettabilissimi. E poi anche a 1000 giri, schiacci e il motore sale (il diesel moriva). Morale, ho un motivo in più per comprare una 911.... manca il denaro :P
  • Aspirato tutta la vita.
  • in passato i motori più raffinati erano considerati gli aspirati, perchè col turbo è troppo facile raggiungere certe potenze. Ricordo ad esempio l'Honda civic type R che raggiungeva la potenza record di 100 CV /litro. Ma, mi pare che ora sono passati tutti al turbo: un esempio per tutti la regina delle piccole bombe La Golf GTI. a proposito quel record dell'Honda è stato facilmente battuto da un utilitaria: mi riferisco al 1000 della Ford.Mah! chi ci capisce è bravo.
  • Io sono per il turbo.. di quelli però vecchia maniera.. turbina grossa che quando prende giri ti spara via.. :)