Speciale F1 2021

Mercedes

-

1° posto - 460.50 punti (2021)

  • Sede: Brackley (UK)
  • Capo Scuderia:Toto Wolff
  • Monoposto:AMG F1 W12
  • Sito Internet:https://www.mercedesamgf1.com/en/
  • Esordio in f1:04/07/54 GP Francia 1954
  • Primo GP vinto:04/07/54 GP Francia 1954
  • collaudatori
  • La Mercedes-AMG è la squadra che prende parte al Mondiale di Formula 1 2021 affidando le sue monoposto al sette volte campione del mondo Lewis Hamilton e a Valtteri Bottas. La factory della squadra si trova a Brackley, mentre le power unit vengono sviluppate presso il Mercedes AMG High Performance Powertrain di Brixworth, entrambe aziende con sedi in Inghilterra. Molto spesso, le auto da corsa della Mercedes sono chiamate anche Frecce d’argento. L’origine di questo nome risale al 1934: la leggenda narra che, in occasione di una gara al Nürburgring, le Mercedes-Benz W25 si presentano in pista con un chilo in più rispetto al limite massimo di 751 kg previsto dal regolamento. Così, Alfred Neabauer - direttore sportivo della squadra - fa raschiare la vernice bianca dalla vettura per recuperare peso, lasciando a vista il colore argento dell'alluminio, ispirando la fantasia di tifosi e giornalisti. Nel 2020, il team schiera però due vetture totalmente nere, un gesto simbolico contro il razzism, a supporto dell'impegno di Hamilton al fianco del movimento Black Lives Matter. La storia d’amore tra la Mercedes e la Formula 1 comincia nel 1954. Per partecipare al Mondiale, la Mercedes-Benz schiera la W196 R, un gioiello equipaggiato con un motore 8 cilindri in linea capace di erogare 256 cavalli, che diventano 290 nella versione dell’anno successivo. A guidare la migliore monoposto del momento c’è il miglior pilota, Juan Manuel Fangio. L'argentino corre e vince le prime due gare con una Maserati, prima di passare alla Mercedes e conquistare altri quattro successi e altrettante pole position. Il binomio vincente si ripresenta anche nel 1955 con, accanto a Fangio, la stella nascente della F.1, Stirling Moss: il titolo, alla fine della stagione, è nuovamente dell'argentino che conquista quattro vittorie, contro una del suo compagno di squadra. Le Frecce d’Argento conquistano in totale cinque successi. In seguito alla tragedia del giugno ’55 alla 24 Ore di Le Mans – con l’uscita di pista della vettura di Levegh, che causa la morte di 82 persone e dello stesso pilota – la Mercedes si ritira dalle corse. In sole 12 gare in F.1, la Mercedes vince 9 volte e conquista in tutto 17 podi: numeri impressionanti. La Mercedes torna in Formula 1 nei primi anni 90 come motorista, conquistando due titoli mondiali con la McLaren a fine decennio, ma per vederla in pista in qualità di costruttore bisogna attendere il 2010, quando il marchio automobilistico acquista la Brawn GP (che ha vinto il Mondiale nel 2009 con il propulsore Mercedes, senza poterne utilizzare il marchio) e schiera due piloti tedeschi: il sette volte campione del mondo di Formula 1 Michael Schumacher e il giovane Nico Rosberg. I primi due anni della Mercedes nel Circus sono più difficili del previsto e la squadra è in grado di lottare solo per piazzamenti a punti. Per rivedere una Freccia d’argento davanti a tutti bisogna attendere il Gran Premio della Cina 2012, quando Nico Rosberg conquista la vittoria a Shanghai al volante della W03. Il 2013 è l’anno dei primi cambiamenti importanti: Schumacher abbandona per la seconda volta la F.1 e al suo posto arriva Lewis Hamilton che, ai tempi della McLaren, aveva già corso e vinto con i motori tedeschi. Hamilton riesce così a tornare alla vittoria, dopo un periodo di digiuno, e Rosberg conquista due successi che lo portano a ottenere la riconferma per gli anni successivi. I buoni risultati del binomio Hamilton-Rosberg consentono alla Mercedes di chiudere in seconda posizione il campionato Costruttori. Nel 2014, la Formula 1 introduce nuovi regolamenti e i motori ibridi. Il costruttore tedesco, fin dalle prime battute, domina la scena. Con numeri impressionanti, la Mercedes monopolizza le gare e consente ai suoi due piloti di fare il bello e cattivo tempo nella maggior parte degli eventi in calendario. Dal 2014 a oggi, la Mercedes ha conquistato ben 102 vittorie, segnando il nuovo record di 7 titoli Costruttori consecutivi e permettendo a Hamilton di eguagliare il record di titoli iridati di Schumacher. Nella totalità della sua esperienza in Formula 1, la Mercedes ha all’attivo numeri da capogiro: 115 vittorie, 126 pole position, 84 giri veloci, 236 piazzamenti sul podio e 58 doppiette.

Espandi

Stagione

Palmares

Punti Mondiali Podi Pole Giri veloci Vittorie GP Doppiette
5818 2014, 2015, 2016, 2017, 2018, 2019, 2020 236 126 84 115 58

Storia

Stagione Mondiali Vittorie GP Podi Pole Punti Giri veloci Doppiette
2020 13 25 15 573 9 5
BOTTAS V. 2 11 5 223 2
HAMILTON L. 11 14 10 347 6
RUSSELL G. 0 0 0 3 1
2019 15 32 10 739 9 9
BOTTAS V. 4 15 5 326 3
HAMILTON L. 11 17 5 413 6
2018 11 25 13 655 10 4
BOTTAS V. 0 8 2 247 7
HAMILTON L. 11 17 11 408 3
2017 12 26 15 668 9 4
BOTTAS V. 3 13 4 305 2
HAMILTON L. 9 13 11 363 7
2016 19 33 20 765 9 8
HAMILTON L. 10 17 12 380 3
ROSBERG N. 9 16 8 385 6
2015 16 32 18 703 13 12
HAMILTON L. 10 17 11 381 8
ROSBERG N. 6 15 7 322 5
2014 16 31 18 701 12 11
HAMILTON L. 11 16 7 384 7
ROSBERG N. 5 15 11 317 5
2013 3 9 8 360 1 0
HAMILTON L. 1 5 5 189 1
ROSBERG N. 2 4 3 171 0
2012 1 3 1 142 3 0
ROSBERG N. 1 2 1 93 2
SCHUMACHER M. 0 1 0 49 1
2011 0 0 0 165 0 0
ROSBERG N. 0 0 0 89 0
SCHUMACHER M. 0 0 0 76 0
2010 0 3 0 214 0 0
ROSBERG N. 0 3 0 142 0
SCHUMACHER M. 0 0 0 72 0
1955 5 10 4 75 5 4
FANGIO J. 4 5 3 40 3
MOSS S. 1 3 1 23 2
KLING K. 0 1 0 5 0
HERRMANN H. 0 0 0 1 0
SIMON A. 0 0 0 0 0
TARUFFI P. 0 1 0 9 0
1954 4 7 4 58 4 1
FANGIO J. 4 5 4 25 2
KLING K. 0 1 0 12 1
HERRMANN H. 0 1 0 8 1
LANG H. 0 0 0 0 0