Speciale F1 2020

RED BULL

2005

2° posto - 113 punti (2020)

  • Sede: MILTON KEYNES, GRAN BRETAGNA
  • Capo Scuderia:CHRISTIAN HORNER
  • Monoposto: RB16
  • Sito Internet:https://redbullracing.redbull.com/
  • Esordio in f1: 06/03/05 GP Australia 2005
  • Primo GP vinto: 19/04/09 GP Cina 2009
  • Il team Red Bull Formula 1 prende parte al Mondiale 2020 con l’olandese Max Verstappen e il thailandese Alexander Albon. La squadra ha sede a Milton Keynes, nel Regno Unito. Per la seconda stagione consecutiva, le vetture della Red Bull scendono in pista equipaggiate dalle power unit Honda.

    La squadra è di proprietà di Dietrich Mateschitz. Il magnate austriaco delle bevande energetiche, alla fine del 2004, acquista il team Jaguar e lo ribattezza Red Bull Racing. Sceglie come team principal Christian Horner, ancora oggi al timone: l'ex pilota inglese, alla sua prima esperienza in Formula 1, giorno dopo giorno riesce a mettere insieme una struttura solida e ben organizzata. Il debutto nel Circus avviene al Gran Premio d'Australia del 2005. Al volante della RB1 c'è David Coulthard, pilota dalla lunga esperienza nella categoria, che durante le prime due stagioni si ritrova a correre con Christian Klien, Vitantonio Liuzzi e Robert Doornbos, che si alternano alla guida della seconda vettura.

    Il primo podio in F1 della Red Bull porta proprio la firma di David Coulthard, al Gran Premio di Monaco 2006: a bordo della RB2 motorizzata Ferrari, lo scozzese conquista il terzo posto alle spalle di Montoya e Alonso. Gara dopo gara, la Red Bull Racing diventa sempre più una realtà importante: l'approccio alle corse del team anglo-austriaco, pur inizialmente scanzonato, è vincente e attira nuovi talenti. Nel 2007, la formazione di piloti cambia ancora: accanto a Coulthard c'è Mark Webber. Grazie a diversi piazzamenti a punti - tra cui un podio per il nuovo arrivo australiano - il team chiude quinto nel mondiale Costruttori. Dopo un 2008 claudicante, nel 2009 la situazione cambia radicalmente.

    La formazione di piloti vede in pista Sebastian Vettel, reduce da una stagione entusiasmante con la Toro Rosso, team satellite della Red Bull racing. Il nuovo pupillo del programma giovani piloti della Red Bull ha al suo fianco il più esperto Mark Webber. In una stagione segnata da un netto cambio regolamentare, che dà modo ai progettisti di esprimersi al meglio tra le pieghe delle norme, il progettista Adrian Newey sforna una vettura veloce, l'unica in grado di battagliare con la dominante Brawn GP. Alla fine della stagione, la Red Bull Racing giunge seconda nel campionato costruttori, collezionando però 6 vittorie (2 per Webber e 4 per Vettel).

    Il 2010 segna l'inizio del ciclo dominante della Red Bull in Formula 1. La RB6 viene affidata nuovamente a Vettel e Webber: dopo le prime due gare incolore, l’auto dimostra di essere tra le migliori. La lotta per il titolo è molto serrata e tutto si decide nel GP di Abu Dhabi: in piena battaglia con la Ferrari, che sbaglia strategia dal muretto, e la McLaren, alla fine sono proprio Vettel e la Red Bull a laurearsi campioni del mondo. La squadra conquista il primo titolo Costruttori con ben 9 vittorie, quattro in più rispetto ai diretti rivali. Il 2011 inizia ancora meglio: la RB7, firmata ancora una volta da Adrian Newey, è una macchina da guerra: la squadra chiude l'anno con 13 vittorie in totale, di cui 9 consecutive. 11 di queste sono firmate da Sebastian Vettel che conquista anche il suo secondo titolo Piloti. La storia si ripete anche nel 2012 (con 7 vittorie e un finale rocambolesco in Brasile) e nel 2013, con ben 13 vittorie, tutte a opera di Sebastian Vettel.

    Il ciclo dominante della Red Bull Racing si interrompe nel 2014, con il cambio regolamentare che introduce le nuove power unit ibride. Nonostante le difficoltà e la superiorità della Mercedes, la Red Bull riesce però a firmare tre vittorie con l'australiano Daniel Ricciardo, che prende il posto del connazionale Webber. Il quattro volte campione del mondo Vettel rimane a bocca asciutta, ma aiuta la squadra a chiudere al secondo posto nel Mondiale. Per rivedere una Red Bull sul gradino più alto del podio bisogna aspettare quasi due anni, quando al GP di Spagna 2016, l'olandese Max Verstappen passa dalla Toro Rosso alla Red Bull e vince già all'esordio con il suo nuovo team.

    Nel 2017 cambiano nuovamente i regolamenti e la Red Bull rimane costantemente tra i protagonisti, con 3 vittorie e diversi piazzamenti che valgono il podio nel mondiale costruttori. Un risultato che viene replicato nel 2018, con 4 vittorie. Il 2019 è un anno importante per la squadra anglo-austriaca: dopo aver corso con Cosworth, Ferrari e Renault, inizia la nuova collaborazione con la Honda. La partnership è più proficua del previsto: al GP d'Austria, sul circuito di casa, Max Verstappen porta alla vittoria la Red Bull-Honda e si ripete poi nei GP di Germania e Brasile, aiutando così il team a piazzarsi nuovamente in terza posizione nel campionato. La Red Bull Racing Honda ha oggi all’attivo 62 vittorie, 62 pole position, 65 giri veloci, 170 piazzamenti sul podio e 17 doppiette.

Espandi

Stagione

Posizione Punti Podi Pole Giri veloci Vittorie GP Doppiette
2 113 4 0 1 1 0

Palmares

Punti Mondiali Podi Pole Giri veloci Vittorie GP Doppiette
4837,5 2010, 2011, 2012, 2013 174 62 65 63 17

Storia

Stagione Mondiali Vittorie GP Podi Pole Punti Giri veloci Doppiette
2020 1 4 0 113 1 0
ALBON A. 0 0 0 36 0
VERSTAPPEN M. 1 4 0 77 1
2019 3 9 2 417 5 0
VERSTAPPEN M. 3 9 2 278 3
GASLY P. 0 0 0 63 2
ALBON A. 0 0 0 76 0
2018 4 13 2 419 6 0
RICCIARDO D. 2 2 2 170 4
VERSTAPPEN M. 2 11 0 249 2
2017 3 13 0 368 2 0
RICCIARDO D. 1 9 0 200 1
VERSTAPPEN M. 2 4 0 168 1
2016 2 16 1 468 4 1
RICCIARDO D. 1 8 1 256 3
KVYAT D. 0 1 0 21 0
VERSTAPPEN M. 1 7 0 191 1
2015 0 3 0 187 3 0
RICCIARDO D. 0 2 0 92 3
KVYAT D. 0 1 0 95 0
2014 3 12 0 405 3 0
RICCIARDO D. 3 8 0 238 1
VETTEL S. 0 4 0 167 2
2013 13 24 11 596 12 4
VETTEL S. 13 16 9 397 7
WEBBER M. 0 8 2 199 5
2012 7 14 8 460 7 1
VETTEL S. 5 10 6 281 6
WEBBER M. 2 4 2 179 1
2011 12 27 18 650 10 3
VETTEL S. 11 17 15 392 3
WEBBER M. 1 10 3 258 7
2010 9 20 15 498 6 4
VETTEL S. 5 10 10 256 3
WEBBER M. 4 10 5 242 3
2009 6 16 5 153,5 6 4
VETTEL S. 4 8 4 84 3
WEBBER M. 2 8 1 69,5 3
2008 0 1 0 29 0 0
COULTHARD D. 0 1 0 8 0
WEBBER M. 0 0 0 21 0
2007 0 1 0 24 0 0
COULTHARD D. 0 0 0 14 0
WEBBER M. 0 1 0 10 0
2006 0 1 0 16 0 0
COULTHARD D. 0 1 0 14 0
KLIEN C. 0 0 0 2 0
DOORNBOS R. 0 0 0 0 0
2005 0 0 0 34 0 0
COULTHARD D. 0 0 0 24 0
KLIEN C. 0 0 0 9 0
LIUZZI V. 0 0 0 1 0