L’INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA RISPONDE ALLA CHIAMATA DELLA TRANSIZIONE ECOLOGICA:
L’EVOLUZIONE DEL MERCATO NEI DATI UNRAE

L’UNRAE, (Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri), con la sua annuale attività di monitoraggio, fotografa un settore automobilistico sempre più responsivo sul fronte della sostenibilità. La vasta gamma di alternative presenti sul mercato costituisce un’offerta integrata, capace di spingere l’automotive verso quella transizione ecologica tanto auspicata dalle autorità nazionali e sovranazionali.

TUTTI I NUMERI DI UNA RIVOLUZIONE IN ATTO

La transizione ecologica, restituita con grande precisione dai dati UNRAE, è in corso d’opera da almeno un decennio. Nel report annuale dell’associazione di categoria emerge un trend positivo già in movimento a partire dal 2011. Gli indicatori presi in considerazione parlano di una vera e propria corsa all’elettrificazione: se nel 2011 le immatricolazioni di veicoli full electric contavano poco più di 300 unità, nel 2015 queste erano 1.452, e nel 2020 più di 32.000. La quota di mercato nello stesso lasso di tempo è passata dallo 0,02 al 2,35%. Per accedere alla top ten delle immatricolazioni, nel 2011 a Tesla bastarono 4 vetture: nel 2020, per entrare nella graduatoria, ne servono quasi 1.200. Le performance dell’ibrido sono ancora più incoraggianti. Nel 2011 si immatricolarono 5.162 veicoli ibridi (HEV elettrico-benzina ed elettrico-diesel). Nel 2020 sono stati 221.898, a cui si aggiungono 27.445 ibride plug-in, che nel 2011 non erano ancora disponibili su larga scala.

UN’INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA SEMPRE PIÙ PRONTA

L’orizzonte di una mobilità a impatto ridotto passa per un’industria automobilistica sempre più equipaggiata e pronta a soddisfare la crescente domanda di veicoli ad alimentazione alternativa. La presenza sul mercato di differenti sistemi di trazione e la loro integrazione è la via più rapida alla piena realizzazione di un paradigma di mobilità verde. Misure di governance che agevolino ognuna di queste alternative sono necessarie per compiere il processo di transizione che l’Unione Europea indica come un traguardo vitale per l’industria automobilistica.

UNRAE: LO SGUARDO SUL MERCATO DELL’AUTO DAL 1950

L’UNRAE, Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri, è l’ente associativo delle case automobilistiche estere operanti in Italia. Fondata nel 1950 da dieci soci costituenti, annovera oggi ben 43 aziende associate, facenti parte di un indotto che genera direttamente o indirettamente un fatturato di oltre 50 miliardi di euro. Le imprese rappresentate coprono un’ampia gamma di segmenti del mercato: veicoli commerciali, veicoli industriali e rimorchi, autobus, ricambi e accessori. UNRAE è da sempre un valido interlocutore delle istituzioni, impegnato nel fornire statistiche e report aggiornati che siano di supporto alla gestione della mobilità stradale per il lavoro degli Enti ministeriali.