CITROEN C4 Cactus

>

La Citroën C4 Cactus è una proposta che porta una formula originale nel combattuto segmento delle compatte. Pur senza avere grandi pretese dal punto di vista fuoristradistico, ammicca al mondo delle crossover con gli AirBump, nome con cui sono battezzati ampi inserti di plastica nella carrozzeria. A completare un quadro dall’aria sbarazzina c’è una tavolozza di colori che consente innumerevoli possibilità di personalizzazione e accostamenti cromatici anche audaci.

Citroën C4 Cactus: la storia del modello

La prima apparizione della Citroën C4 Cactus risale al 2014, quando fu introdotta sul mercato con il compito di sostituire la C3 Picasso. Rispetto a quest’ultima il cambiamento di rotta è però evidente, con l’abbandono di un’impostazione da monovolume in favore di una da crossover. Anche le misure dei due modelli sono molto diverse, con la lunghezza che passa da 410 a 416 cm e l’altezza che scende da 167 a 154 cm. La vera rivoluzione è però di natura estetica: la C4 Cactus ha una sagoma piuttosto convenzionale a due volumi, ma la sua carrozzeria è movimentata da ampi rivestimenti di plastica chiamati AirBump. La loro funzione è assicurare una certa protezione dai piccoli urti, dando un tocco di stile che pare ispirarsi un po’ agli inserti di legno delle station wagon americane di una volta. L’abitacolo non è da meno quanto a personalità e concilia tratti rétro con soluzioni tecnologicamente all’avanguardia, dando vita a un ambiente accogliente e chic, seppur essenziale. Tra gli elementi più curiosi spiccano i sedili anteriori, insolitamente larghi e con le sedute ravvicinate, e la plancia, praticamente spogliata di tutti i pulsanti e con i comandi accentrati in un touch screen. Questa scelte audaci non sono state riconfermate in toto con il profondo aggiornamento della C4 Cactus lanciato nel 2018, che ha riportato questa Citroën più nel solco della tradizione.

Corpo vettura

  • Anno modello: 2019 - 2020
  • Posti: 5
  • Porte: 5
  • Serbatoio: da 45l a 50l
  • Altezza Altezza: 149 cm
  • Larghezza Larghezza: 173 cm
  • Lunghezza Lunghezza: 417 cm

Citroën C4 Cactus: il listino, gli allestimenti e i motori

Per molte auto il tipico restyling di metà ciclo di vita si traduce in una lieve rinfrescata al look. Questo non è stato però il caso della Citroën C4 Cactus, che nella primavera del 2018 si è rinnovata per ben il 90% della carrozzeria. La modifica più vistosa ha riguardato gli AirBump, gli inserti in plastica che permettevano di riconoscere da lontano le Cactus della prima ora. Il facelift li ha relegati nei sottoporta, rendendo la compatta francese un po’ meno eccentrica. L’abitacolo rimane semplice e accogliente, con l’aria rassicurante del salotto di casa, impreziosito da dettagli ricercati come le maniglie di pelle a cinghietta e la copertura del vano portaoggetti in stile bauletto. Tra i componenti più riusciti spiccano i sedili, molto ampi e proposti con variopinti rivestimenti di tessuto e Alcantara. Una menzione speciale va poi fatta per gli ammortizzatori, che sfruttano una tecnologia particolare con smorzatori idraulici progressivi in sostituzione dei normali tamponi di fine corsa. Questa soluzione ha permesso di adottare una taratura soffice per l’assetto, che filtra dunque bene le piccole sconnessioni, mentre il lavoro degli smorzatori assicura un irrigidimento progressivo a fronte delle sollecitazioni più intense. Il risultato è un comportamento che ricorda l’effetto “tappeto volante” delle leggendarie sospensioni idropneumatiche delle DS di una volta, senza avere però né i loro costi né la loro complessità. Uscito di scena l’allestimento base Live, il listino propone sostanzialmente due versioni principali, la Feel e la Shine. A queste si aggiungono sporadicamente varianti ed edizioni speciali, che offrono alternative ulteriori rispetto a un catalogo già molto articolato. Basti pensare che i vari ambienti interni possono essere abbinati a piacere con oltre 30 combinazioni di colore esterne. Quanto ai motori, il fronte a benzina ha come mattatore il 1.2 turbo PureTech, declinato in diversi livelli di potenza e ordinabile eventualmente anche con il cambio automatico Eat6 al posto del tradizionale cambio manuale. La stessa alternativa a livello di trasmissione si ha anche con il motore 1.5 turbodiesel BlueHDi, che ha rimpiazzato nel tempo l’unità 1.6 montata anche dalle Cactus più datate.

Modelli Precedenti

Proposte dall'usato

Sul mercato dell’usato ci sono numerose Citroën C4 Cactus spinte soprattutto da motori turbodiesel, che rendono l’auto ideale per chi compie percorrenze annue elevate. Gli esemplari a benzina vantano comunque una discreta diffusione e sono indicati per un utilizzo urbano. Chi cerca una Cactus d’occasione può consultare le inserzioni presenti sul nostro sito.

Prove su strada

News correlate citroen

Citroën C4 Cactus: le opinioni

La Citroën C4 Cactus è una tra le vetture più comode della sua fascia di mercato. L’assetto dotato di smorzatori idraulici progressivi assicura un confort degno quasi di un’ammiraglia, complici anche i sedili ben imbottiti. Promossi anche i motori, vivaci e tutto sommato poco assetati di carburante. Qualche perplessità la destano invece alcune mancanze a livello di sistemi di sicurezza e di assistenza alla guida oltre ai vetri posteriori, che non scendono ma si aprono solo a compasso.