MERCEDES Classe GLE Nuova, Usata, Offerte e Allestimenti - Quattroruote

MERCEDES Classe GLE

>

La Mercedes GLE è una Suv di grandi dimensioni. Nel 2018 è giunta alla seconda generazione, con una gamma piuttosto articolata di versioni e proposta anche nella variante Coupé con padiglione spiovente. 

Mercedes GLE: la storia del modello

Le Mercedes GLE è l’erede della ML, per molti la madre di tutte le Suv: quando viene lanciata sul mercato, nel 1997, anno in cui appare peraltro in anteprima nella pellicola “Jurassic Park – Il Mondo Perduto”, dà prova di un confort su asfalto analogo ai veicoli a baricentro più basso, mentre l’abitacolo non è dissimile da quello delle berline della Stella; inoltre, presenta un baule più grande e sfruttabile di una wagon di pari segmento. Il modello riscuote subito un certo un successo, tanto da richiedere tempi d’attesa di oltre 10 mesi per la consegna. Dopo la prima generazione (W163), debutta la seconda serie (W164) che adotta una carrozzeria autoportante al posto della struttura del telaio in profilati scatolati chiusi. La terza generazione (W166) viene presentata al Salone di Francoforte del 2011, per poi essere ristilizzata nel 2015, quando viene ribattezzata, appunto, GLE, con una novità in gamma: la variante Coupé, con padiglione spiovente, che appare nel film Jurassic World. La serie successiva, la W167, viene mostrata al Salone di Parigi del 2018, mentre la Coupé arriva nel 2019.

Corpo vettura

  • Anno modello: 2018 - 2021
  • Posti: 5
  • Porte: 5
  • Serbatoio: da 70l a 85l
  • Altezza Altezza: da 172 cm a 180 cm
  • Larghezza Larghezza: da 195 cm a 202 cm
  • Lunghezza Lunghezza: da 495 cm a 496 cm

Listino, allestimenti e motori

La Mercedes GLE è una Suv di segmento E, disponibile con la carrozzeria tradizionale, anche a sette posti, e nella variante Coupé con il padiglione dall’andatura spiovente. Le sue dimensioni sono di 4,92 metri, 1,95 metri e 1,80 metri sulla prima e di 4,90 metri, 2 metri e 1,73 metri sulla seconda. Erede della storica ML, ne riprende proporzioni e linee della vetratura sulla versione ordinaria, al pari del montante C, ispirato al modello del 1997 (W163). Non mancano, ovviamente, elementi di modernità, uniformati agli odierni canoni stilistici della Stella, come il frontale muscoloso e tondeggiante che supera i tratti tesi della prima GLE (W166). La fiancata scavata accoglie nella parte bassa una pedana per agevolare l’accesso a bordo, mentre al posteriore i fari appaiono più sottili e affilati rispetto alla precedente generazione, su entrambe le varianti di carrozzeria. Gli allestimenti sono denominati Executive, Sport e Premium, senza dimenticare le versioni AMG, che ovviamente caratterizzano le GLE più performanti. Come tutte le Mercedes di ultima generazione, sulla GLE non manca il sistema Mbux, qui dotato di due schermi da 12,3” per il quadro strumenti digitale e il sistema d’infotainment. A richiesta può essere implementato dai comandi gestuali, che si aggiungono ad alcune funzioni al debutto proprio su questa vettura. Il sistema di navigazione, inoltre, è arricchito dalla realtà aumentata, dai comandi vocali naturali e dall’head-up display, in grado di proiettare le informazioni a colori su un’area larga 45 cm. Quanto alle dotazioni dinamiche, la GLE può disporre dell’assetto E-Active Body Control, capace di regolare individualmente la rigidità delle molle, ed è anche in grado di recuperare energia elettrica dalle sconnessioni. Non manca una ricca dotazione di sistemi di assistenza alla guida, tra cui il Distronic, ovvero un cruise control adattivo di tipo evoluto che adegua la velocità analizzando il percorso sulle mappe e sulla base delle informazioni LiveTraffic. La gamma motori della Mercedes GLE comprende unità dotate di sistemi mild hybrid EQ Boost a 48 Volt, come quello della GLE 450 e 53 AMG, entrambe equipaggiate con un sei cilindri in linea di 3.0 litri turbobenzina, che eroga rispettivamente 389 CV e 500 Nm e 457 CV e 770 Nm. Tra le versioni a gasolio figurano quelle basate sul quattro cilindri di due litri, come la 300 d da 245 CV e 500 Nm e la plug-in 350 de EQ-Power, che eroga una potenza complessiva di sistema di 330 CV e 840 Nm. Non mancano poi le diesel a sei cilindri di tre litri, ovvero la 350 d 4Matic da 272 CV e 600 Nm e 400 d 4Matic da 330 CV e 700 Nm. Tutte le versioni dispongono della trazione integrale 4Matic e del cambio automatico a nove rapporti.

Allestimenti

Allestimenti   cm3 kW/CV euro Prezzo  
GLE 350 d 4Matic Coupé Sport
GLE 350 d 4Matic Coupé Premium
GLE 350 d 4Matic Coupé Premium Plus
GLE 350 d 4Matic Coupé Premium Pro
GLE 350 d 4Matic Coupé Ultimate
GLE 400 d 4Matic Coupé Premium
GLE 400 d 4Matic Coupé Premium Plus
GLE 400 d 4Matic Coupé Premium Pro
GLE 400 d 4Matic Coupé Ultimate
GLE 300 d 4Matic Premium
GLE 300 d 4Matic Premium Plus
GLE 300 d 4Matic Executive
GLE 300 d 4Matic Sport
GLE 350 d 4Matic Sport
GLE 350 d 4Matic Premium
GLE 350 d 4Matic Premium Plus
GLE 400 d 4Matic Sport
GLE 400 d 4Matic Premium
GLE 400 d 4Matic Premium Plus
GLE 53 AMG 4Matic+ EQ-Boost Coupé Prem.
GLE 53 AMG4Matic+ EQ-Boost Coupé Pr.Plus
GLE 53 AMG 4Matic+ EQ-Boost Cpé Prem.Pro
GLE 53 AMG 4Matic+ EQ-Boost Coupé Ultim.
GLE 63 S AMG 4Matic+ EQB. Coupé Ultim.
GLE 350 de 4Matic E-P Coupé Sport
GLE 350 de 4Matic E-P Coupé Premium
GLE 350 de 4Matic E-P Coupé Prm.Plus
GLE 350 de 4Matic E-P Coupé Premium Pro
GLE 350 de 4Matic E-P Coupé Ultimate
GLE 450 4Matic EQ-Boost Sport
GLE 450 4Matic EQ-Boost Premium
GLE 450 4Matic EQ-Boost Premium Plus
GLE 53 4Matic+ EQ-Boost AMG
GLE 63 4Matic+ EQ-Boost AMG S
GLE 350 de 4Matic EQ-Power Sport
GLE 350 de 4Matic EQ-Power Premium
GLE 350 de 4Matic EQ-Power Premium Plus

Proposte dall'usato

La Mercedes GLE e la sua progenitrice ML sono delle Suv che hanno finora riscontrato un ottimo successo nel nostro paese, tenuto conto della loro fascia di mercato. È pertanto piuttosto semplice individuarne esemplari di seconda mano, come dimostrano gli annunci dell’usato pubblicati sul nostro sito. 

Prove su strada

News correlate mercedes

Mercedes GLE: le opinioni

La Mercedes GLE è una Suv di grandi dimensioni, tra le poche che offrono la possibilità di trasportare fino a sette persone (esclusa la variante Coupé). Rispetto alla concorrenza di classe premium (Volvo XC90, Audi Q7 e BMW X5) si distingue per i notevoli contenuti del sistema Mbux, che annovera funzioni estremamente sofisticate e balza subito all’occhio formando un corpo unico con la strumentazione digitale. Il problema, semmai, è abituarsi all’utilizzo dello schermo centrale: al posto della grande rotella, trova oggi spazio un touchpad dalla particolare sensibilità, più complicato da manovrare in marcia. Il confort è notevole, anche grazie alle sospensioni Airmatic, che tuttavia sono un po’ in difficoltà quando si tratta di assorbire le asperità minori. Nelle prove dinamiche, l’auto ha mostrato una buona taratura dei controlli elettronici, capaci di intervenire con progressione e fluidità, tanto che, anche a 200 km/h, un repentino cambio di corsia non influisce particolarmente sulla stabilità del veicolo. Lo sterzo è preciso e progressivo, ma non particolarmente pronto.