Assicurazioni

Rc auto
Si torna a parlare di sconti e scatola nera

Rc auto
Si torna a parlare di sconti e scatola nera
Chiudi

I provvedimenti in materia di Rc auto del famigerato articolo 8 del decreto Destinazione Italia del governo Letta, stralciati dopo le proteste di automobilisti e autoriparatori, potrebbero tornare a essere tema di discussione nei prossimi giorni. Secondo alcune indiscrezioni, riportate dal Corriere della Sera, la materia potrebbe essere trattata già nel prossimo Consiglio dei ministri. Lo schema generale ripropone quello bocciato a suo tempo, ma non mancano le novità.

Ancora la scatola nera. In primo piano la questione della scatola nera. Nelle intenzioni dell’esecutivo, il dispositivo dovrebbe poter equipaggiare le vetture di chi ne fa richiesta senza costi aggiuntivi e dietro l’offerta di uno sconto sulla polizza. E i dati registrati possono diventare una prova in tribunale anche contro le compagnie stesse. Viene data alle assicurazioni la possibilità di chiedere l’ispezione preventiva dell’auto e di offrire il risarcimento in forma specifica, entrambi in cambio di una riduzione della tariffa e in modo non obbligatorio per l’assicurato. Tuttavia è rispuntata la contestata richiesta (anche questa non obbligatoria) di negare la cessione del credito, alla base delle proteste che avevano portato allo stralcio del provvedimento durante il Governo Letta.

I carrozzieri non si arrendono. Proprio questo punto rischia di riscaldare gli animi durante la discussione. Il primo ottobre scorso, Cna, Confartigianato e Casartigiani hanno messo nero sui bianco alcune proposte sia a tutela della propria categoria (quella degli autoriparatori) sia degli automobilisti loro clienti. L’articolato dei carrozzieri, in sostanza, ribadisce la necessità di lasciare al danneggiato la più ampia facoltà nel decidere a quale operatore affidarsi, con l’intento di evitare di fornire un vantaggio concorrenziale alle carrozzerie convenzionate direttamente con le assicurazioni. Inoltre, pone dei paletti ai riparatori obbligandoli a emettere una fattura dettagliata con la descrizione delle operazioni svolte e il tipo di ricambi utilizzato in funzione antifrode. Ma, al momento in cui scriviamo, questa proposta, sebbene abbia incontrato il favore di alcuni esponenti del maggiore partito di Governo, non sembra aver ricevuto ulteriori impulsi.

Cosimo Murianni

COMMENTI

  • Per Sig Zanetti.Diciamo che molti li hanno votati non tutti perché c'è molta stensione.Chi li vota,è azzardato dire che siano la "copia carbone"perchè non rubano come loro.Posso definirli degli sprovveduti perché credono alle promesse da decenni !
  • Per Sig Zanetti.Diciamo che molti li hanno votati non tutti perché c'è molta stensione.Chi li vota,è azzardato dire che siano la "copia carbone"perchè non rubano come loro.Posso definirli degli sprovveduti perché credono alle promesse da decenni !
  • Faresti prima a dirlo a Renzi
  • Allora, se vogliono che io metta una scatola nera in macchina, la cosa deve essere utilizzata come segue: 1)Quando l'auto sta ferma, l'RCA si spegne, non pago nulla, giacché se l'auto sta ferma danni non ne fa. 2)Quando si muove pago alla decina di metri ed in dipendenza dal tipo di strada che percorro e dalle condizioni di traffico: se sono in autostrada nell'ora di punta pago di più che alle 2 di notte, dato che le probabilità di fare un sinistro e quindi dover risarcire danni è molto inferiore. 3)Il premio lo calcoli esclusivamente in base al mio stile di guida ed in modo assolutamente indipendente dall'automobile che uso -volendola tirare per i capelli, possiamo ammettere una leggera dipendenza dal peso del veicolo, che è l'unica quantità che ha un effetto sull danno che posso creare. 4)Deve valere una forma di segreto professionale: dati riguardanti comportamenti "allegri" non possono venire né trasmessi alle forze dell'ordine né possono da queste essere richiesti, a meno che non siano direttamente collegati a casi di ferimento grave o omicidio. Mi concedi queste condizioni? Ben venga. No? Attaccati al tram. Se mi mettono un tracker GPS in auto voglio che venga utilizzato al massimo delle sue potenzialità ed abbia un senso dal punto di vista economico (mio, non loro). Ovviamente, anche le altre polizze che uno potrebbe voler accendere devono essere ripensate radicalmente in funzione del tracciatore.
     Leggi le risposte
  • A proposito di politici, questi ribrezzevoli personaggi da teatrino di avanspettacolo di periferia, Tu pensa che mentre sono al pc, qui a Genova stiamo letteralmente "galleggiando" in ogni dove, ed ultimamente da ben oltre 2 mesi. Nulla è stato fatto per salvaguardare territorio e persone da oltre 25 anni. Per cui condivido più che completamente il Tuo pensiero sulla logica, che costoro non hanno proprio per cultura personale e sociale. Un saluto, e speriamo, ripeto speriamo, che l'acqua non arrivi ad oltre 3metri, altrimenti mi sa che non ci sentiamo più. Un saluto.
  • La "scatola nera" sulle auto, su tutte le auto, dovrebbe diventare obbligatoria, e dunque valida per ogni assicurazione senza se e senza ma. La sicurezza ed i dati registrati devono avere valenza operativa come su aerei e navi. Dunque non serve l'optional di sigla assicurativa, più o meno valida e se una compagnia assicurativa vuole oppure no, con applicazione commerciale di bonus propagandistici. Questa sarebbe la logica.
     Leggi le risposte
  • La "scatola nera" sarà anche installata gratis ma..quando deciderai di cambiare compagnia perché hai trovato un prezzo più basso da un'altra assicurazione,quanto ti costerà toglierla?Se sarà come il risparmio che potrai ottenere cambiando compagnia,non ti converrà.E' su questo che "giocano".Devono combattere le frodi non costringerti ad avere un qualcosa che poi,ti terrà "legato"a loro !