RC auto Ania: scendono a 2,8 milioni i veicoli non assicurati in Italia

Rosario Murgida Rosario Murgida
RC auto
Ania: scendono a 2,8 milioni i veicoli non assicurati in Italia
Chiudi
 

Nel 2017 i veicoli senza copertura assicurativa in movimento sulle strade italiane sono stati 2,8 milioni, pari al 6,3% del parco circolante. Il dato, secondo le stime elaborate dall'Ania (Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici) sulla base dei dati della Motorizzazione Civile, risulta in flessione rispetto al 2016: 2,9 milioni di veicoli non assicurati, pari al 6,7% del totale.

Forti differenze territoriali. L'Ania definisce "significativa" la differenza a livello regionale. Se la media nazionale si attesta al 6,3%, al Sud sale al 10%, al Nord scende al 4,1% e nel Centro è pressoché in linea. Ancor più forti le differenze all'interno delle tre macroaree. Al Nord, quasi tutte le regioni e i relativi capoluoghi mostrano un’incidenza di veicoli non assicurati simile o al di sotto della media nazionale (6,3%), nel Centro sono soprattutto il Lazio e Roma a presentare un’incidenza pari al doppio (rispettivamente al 9% e al 9,8%) di quella delle altre regioni della stessa area. Al Sud, invece, si passa da valori poco superiori alla media nazionale in regioni come la Basilicata, il Molise e la Sardegna, fino ad arrivare alla Calabria e, soprattutto, alla Campania dove l’incidenza di veicoli non assicurati è pari a oltre il doppio della media: a Napoli un veicolo su sei, ovvero il 17%, circola senza assicurazione, mentre a Reggio Calabria uno su sette (13,7%).  

Premi in calo. Come già evidenziato nei giorni scorsi dall'Ivass, l'Autorità di vigilanza del settore assicurativo, anche l'Ania mette in risalto un calo dei premi delle polizze, anche se i dati sono differenti. Per l'Ivass i premi medi delle polizze, al netto delle componenti fiscali e parafiscali, l'anno scorso sono scesi del 5%, mentre l'associazione fornisce un tasso percentuale pari alla metà. In particolare, secondo il presidente dell'Ania, Maria Bianca Farina, "i prezzi, grazie anche al contenimento dei sinistri e delle frodi, sono diminuiti nell’anno del 2,5%, per una riduzione complessiva del 27% in 5 anni. La differenza rispetto alla media dei principali Paesi europei si è così ridotta, nello stesso periodo, da 213 a 78 euro, di cui 40 euro dovuti al differenziale di imposta. Anche il divario territoriale tra le aree con prezzi più alti e quelle con prezzi più bassi è diminuito di quasi il 40%". 

Ancora elevata l'incidenza delle frodi. Per continuare ad assistere a un calo dei premi, è necessario proseguire innanzitutto con la lotta alle frodi. A tal proposito l'Ania rileva che l’incidenza media, a livello nazionale, dei sinistri esposti al rischio di frode sul totale del campione di incidenti denunciati nel 2017, dopo tre anni di continua crescita (dal 2014 al 2016) è tornata, seppur lievemente, a diminuire arrivando al 22,4% (era il 23,5% nel 2016, il 21,4% nel 2015 e il 19,3% nel 2014) grazie, probabilmente alla diffusione sempre più ampia di strumenti telematici come le scatole nere, che limitano la possibilità di frode da parte degli assicurati. A livello territoriale è il Nord a confermarsi l'area con meno sinistri a rischio frode, con una percentuale in calo dal 19,5% del 2016 al 18,2%, seguita dal Centro con un'incidenza in flessione dal 22,2% al 21% e dal Sud, dove quasi il 35% dei sinistri denunciati è risultato sospetto (in lieve calo rispetto al 35,4% del 2016). Tra l'altro l'associazione sottolinea anche come il fenomeno delle frodi assicurative sia strettamente correlato, a livello territoriale, con quello della circolazione dei veicoli non assicurati.

Una polizza legata allo stile di guida. La lotta alle frodi è dunque necessaria per continuare ad assistere a un calo dei premi, ma l'Ania evidenzia anche l'esigenza di procedere con una riforma dell'intero sistema che tenga conto, per esempio, delle nuove forme di mobilità e dello sviluppo delle tecnologie. "Si tratta ora di continuare a combattere le frodi, ancora a livelli ben superiori rispetto alla media europea, e di ridurre un contenzioso elevato ma concentrato in poche aree", ha affermato Farina. "L’attestato di rischio dinamico, entrato in vigore in queste settimane grazie alla collaborazione con l’Ivass, segna un grande passo nella lotta alle frodi. Ma non basta. Occorre anche e soprattutto riformare il sistema, partendo dalle scale bonus-malus, ormai del tutto superate, passando a criteri che premino i comportamenti di guida di ciascun conducente". A tal proposito l'associazione sta studiano polizze legate allo stile di guida degli automobilisti con l'obiettivo di premiare i più diligenti. L'Ania ha intenzione di avviare una fase di sperimentazione per preparare il segmento dell'Rc auto a un mondo in cui le assicurazioni non saranno legate solo ai veicoli, ma anche ai guidatori e ai tempi di utilizzo delle auto. In tal caso si parla di assicurazioni istantanee e del loro uso nei nuovi servizi per la mobilità. "È l'istant insurance e partiamo nella sperimentazione con il car sharing. Ci sarà un'assicurazione di base sull'auto e il conducente dell'auto noleggiata, collegata alla scatola nera, al termine del noleggio pagherà per il tempo dell'utilizzo e per come l'ha guidata", ha spiegato Farina. Il test vedrà il coinvolgimento di un gruppo di assicurazioni del ramo danni e di società di car sharing.

ANDREA P

la "notizia" è fuorviante 2 milioni e 800 mila veicoli immatricolati e senza copertura assicurativa, ok. quanti sono "in circolazione" (=su suolo pubblico/aperto al pubblico) e quanti no? Occorre togliere quelli parcheggiati nei piazzali dei rivenditori, quelli fermi in garage ecc... Di contro occorre modificare la norma secondo cui, stipulando una polizza RCA valida per 6 mesi, è possibile riprendersi una macchina beccata a circolare senza

COMMENTI

  • la "notizia" è fuorviante 2 milioni e 800 mila veicoli immatricolati e senza copertura assicurativa, ok. quanti sono "in circolazione" (=su suolo pubblico/aperto al pubblico) e quanti no? Occorre togliere quelli parcheggiati nei piazzali dei rivenditori, quelli fermi in garage ecc... Di contro occorre modificare la norma secondo cui, stipulando una polizza RCA valida per 6 mesi, è possibile riprendersi una macchina beccata a circolare senza
  • Semplificare ... sarebbe opportuno far pagare alla compagnia assicuratrice un bollo per ogni pagina oltre le quattro accettabili e leggibili. In questo modo si svilupperebbe una sana competizione fra quanti (non solo assicuratori) fanno contratti per piccole cose complicandoli con regole assurde ed improbabili ... accettare e firmare una sessantina di pagine illeggibili ed incomprensibili non è una buona cosa. Oggi si accettano anche con una firma elettronica in un secondo .... ma sempre senza una decisione consapevole.
  • Il primo commento pare non pubblicato. Assicurarsi è un obbligo ma perchè non posso assicurarmi con una compagnia estera? (europea). Qui si parla di assicurazione di veicoli, io vorrei assicurare un veicolo a guida autonoma con quattro ruote motrici. In Italia è impossibile, pare ..... ho chiesto ma ... finora niente. Ho trovato l'offerta assicurativa in italiano in un sito Svizzero ... che quasi subito mi risponde ... in Italia no. (ho chiesto anche ad una associazione di assicuratori forse proprio isvass ... che non risponde nemmeno.
  • Ti faccio una polizza lunga perchè non ho tempo di farla breve. Il problema delle assicurazioni in Italia non è il costo ma la complicazione burocratica inventata dagli assicuratori per rendere illeggibili le polizze. Una complicazione che qualche volta si subisce firmando un gran numero di fogli con regole incomprensibili in tempi normali regole che spesso non riguardano l'assicurazione fatta ma sono del tutto generiche. Altre volte di accettano con la firma elettronica .... una fregatura che ti fà accettare in un secondo una sessantina di pagine scritte piccole piccole. Ci sarebbe un sistema ... il bollo da apporre a carico dell'assicuratore su tutte le pagine oltre le quattro. Un bollo retroattivo agli ultimi cinque anni ... ed una parte del debito pubblico verrebbe pagata.
  • leggi tutto

    FOTO

    VIDEO
     -
     -

     -
     -

     -
     -

     -
     -

    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/19385/poster_f941db38-f451-4820-ab4b-184e431c7c79.jpg La storia della nuova Skoda Karoq http://tv.quattroruote.it/news/video/la-storia-della-nuova-skoda-karoq News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19456/poster_001.jpg Il record della Stelvio Quadrifoglio al Ring http://tv.quattroruote.it/news/video/il-record-della-stelvio-quadrifoglio-al-ring News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19477/poster_001.jpg Alfa Romeo Giulia: i crash test IIHS http://tv.quattroruote.it/news/video/alfa-romeo-giulia-i-crash-test-iihs News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19479/poster_001.jpg Il crash test Euro NCAP della Range Rover Velar http://tv.quattroruote.it/news/video/il-crash-test-euro-ncap-della-range-rover-velar News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19610/poster_001.jpg La Yamaha Sports Ride Concept diventa T40 http://tv.quattroruote.it/news/video/la-yamaha-sports-ride-concept-diventa-t40 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19600/poster_001.jpg LS+ Concept, l'autonoma secondo Lexus http://tv.quattroruote.it/news/video/lexus-ls-concept News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19665/poster_001.jpg Apre Garage Italia Milano, il nuovo atelier di Lapo Elkann http://tv.quattroruote.it/news/video/apre-garage-italia-milano-il-nuovo-atelier-di-lapo-elkann News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19688/poster_017.jpg Il making of del Calendario Pirelli 2018 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-making-of-del-calendario-pirelli-2018 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20579/poster_005.jpg Ferrari 488 Pista, primo test a Fiorano! http://tv.quattroruote.it/news/video/ferrari-488-pista-primo-test-a-fiorano- News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20600/poster_002.jpg Al volante della Porsche Mission E Cross Turismo http://tv.quattroruote.it/news/video/al-volante-della-porsche-mission-e-cross-turismo News

    RIVISTE E ABBONAMENTI

    Il nuovo numero di Quattroruote vi aspetta in edicola e in edizione digitaleUn appuntamento da non perdere, che vede il proprio punto di forza nelle prove su strada, impreziosite da analisi ancora più approfondite su prestazioni, dotazioni tecnologiche e confort delle auto e personalizzate per i diversi modelli.

    Quattroruote

    Abbonati a Quattroruote!

    Sconti fino al 41%!

    SCOPRI TUTTE LE OFFERTE

    UTILITÀ

    SERVIZI QUATTRORUOTE

    Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

    Non ricordi la tua targa? Clicca qui >
    Targa
    Cerca