ISCRIVITI GRATIS
Ricevi gratis la rivista Fleet&Business e la Newsletter
Quattroruote Fleet&Business è la nuova rivista firmata Quattroruote pensata per chi, all’interno delle società, si occupa della mobilità del loro personale e della gestione dei veicoli aziendali.

con il supporto di
Aziende

Flotte aziendali
La nostra intervista ad Alberto Cestaro (Audi)

Flotte aziendali
La nostra intervista ad Alberto Cestaro (Audi)
Chiudi

Il 2017 è stato un anno positivo per l’Audi sul mercato italiano, con un totale di 67.084 immatricolazioni, pari a una crescita del 4,86% sul 2016 e a una quota di mercato del 3,4%. Sono tre, inoltre, i modelli del marchio che rientrano nella top 50 dei più venduti nel nostro Paese: l’A3 (con 14.156 unità), l’A4 (11.436) e la Q2 (11.042); tutti i dati sono di fonte Unrae). Ecco la nostra intervista ad Alberto Cestaro, responsabile flotte Audi.

Quali novità presenterete nel 2018 di particolare interesse per la clientela aziendale? Il 2018 sarà un anno di rinnovato interesse e attenzione per la marca Audi. L’anno si apre sulle note del recente lancio dell’ammiraglia di casa Audi, la nuova A8, avvenuto alla fine del 2017. La vettura rappresenta il vertice della gamma Audi e, al contempo, un vertice assoluto per quanto riguarda innovazione e tecnologia, fuse in un ambiente dal design elegante e raffinato e con un interno di grande impatto ed elevato confort che ne fanno un’auto ideale per i top manager e capi d’azienda. L’A8 sarà anche la prima Audi e la prima vettura nel mercato sviluppata per offrire sistemi di guida autonoma di livello 3, che permette alla vettura di muoversi senza intervento del driver in specifiche condizioni. Ma il 2018 continuerà a destare attenzione soprattutto nella seconda parte dell’anno, che vedrà il rinnovamento o il lancio di altri modelli significativi per il mondo aziende: A7, A6, A1, Q8, Q3 ed e-tron. Una parata di novità, non inedita per l’Audi ma di grande intensità, che ci porterà a offrire ai nuovi clienti modelli di riferimento nella loro categoria di appartenenza. Di particolare interesse è la gamma di A6 e A7, molto apprezzate nelle fasce alte delle policy aziendali che, con i nuovi modelli, avranno a disposizione quanto di più avanzato disponibile in tema di sistemi di assistenza alla guida e guida autonoma, nonché di connettività e infotainment.

Nel 2017 è cresciuta la domanda di sistemi automatici di ausilio alla guida (detti Adas)? È sicuramente cresciuto l’interesse per questi sistemi di ausilio alla guida: per arrivare a una maggiore diffusione, però, manca ancora una sviluppata conoscenza di come funzionano e dei benefici che possono portare al driver. L’Audi ha sviluppato un’offerta dei più attuali sistemi di assistenza alla guida con una proposta strutturata e definita di pacchetti, chiamati Audi innovative, di cui si possono dotare i modelli centrali della gamma (A4, A5 e Q5) con consistenti vantaggi economici e diverse combinazioni di equipaggiamenti che rispondono alle nuove esigenze di chi vive l’auto anche per lavoro. Quindi l’offerta è proprio rivolta alle aziende e alle società di noleggio affinché colgano i vantaggi di questa offerta strutturata per agevolare la diffusione di queste importanti dotazioni che incrementano la sicurezza di chi guida e di chi si muove attorno alla vettura.

Small business nelle concessionarie: state registrando segnali di crescita? Lo small business continua a rappresentare un’area del mercato di grande interesse: questo cliente, da sempre affezionato al rapporto con il concessionario, continua a esserlo, anche se sta cambiando la modalità di approccio all’acquisto. Lo small business, inteso come il cliente con partita Iva, il libero professionista, l’agente e o la piccola e media azienda, sta sempre più spesso passando da un acquisto diretto a una formula di noleggio attraverso le diverse proposte che si stanno sviluppando nel mercato. Il nostro compito, e soprattutto quello dei nostri concessionari, in particolare quelli specializzati per seguire il business flotte, è quello di offrire a questi clienti le soluzioni di acquisto, noleggio o di altro strumento finanziario, più adeguate per loro. I concessionari Audi sono preparati a questo e per questo registrano un forte legame con il cliente small.

C’è una crescita della domanda di modelli ibridi ed elettrici da parte della clientela business?
Il tema della sostenibilità ambientale e delle alimentazioni alternative è di estrema attualità: a mio avviso finalmente sta diventando un argomento concreto su cui dialogare con la clientela business. C’è una sempre più elevata conoscenza dell’offerta crescente di modelli che interpretano il tema ibrido in diversi modi, ma che convergono tutti in un tangibile supporto a una mobilità della flotta aziendale più coerente con le esigenze di sostenibilità e di riduzione delle emissioni. La domanda sta muovendo dei passi importanti, ma i tassi di crescita attesi nei prossimi anni sono molto confortanti. L’Audi è pronta già ora con la tecnologia “tron” che si declina con la gamma g-tron (alimentazione metano-benzina con nuovi modelli come A3 Sportback, A4 Avant e A5 Sportback) e con la gamma e-tron (ibrido elettrico-benzina per l’A3 Sportback ed elettrico-diesel per la Q7). Ma l’offerta non si esaurisce qui: il 2018 si concluderà con la più rilevante delle novità, ossia l’arrivo del nuovo modello Audi e-tron. La nuova Suv, dal carattere sportivo, rappresenterà il debutto del marchio dei quattro anelli nel mercato delle vetture a trazione completamente elettrica. Vanterà un’autonomia superiore ai 500 chilometri, senza rinunciare alle prestazioni tipiche del brand, e rappresenterà una soluzione di mobilità sostenibile e premium unica nel mercato. Da quel momento e per i successivi due anni, l’Audi lancerà nuovi modelli completamente elettrici, per arrivare al 2025 con un terzo della propria gamma ad alimentazione ibrida o elettrica.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Flotte aziendali - La nostra intervista ad Alberto Cestaro (Audi)

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it