ISCRIVITI GRATIS
Ricevi gratis la rivista Fleet&Business e la Newsletter
Quattroruote Fleet&Business è la nuova rivista firmata Quattroruote pensata per chi, all’interno delle società, si occupa della mobilità del loro personale e della gestione dei veicoli aziendali.

con il supporto di
Aziende

LeasePlan Ipsos
Sempre più guidatori pronti a un’elettrica

LeasePlan Ipsos
Sempre più guidatori pronti a un’elettrica
Chiudi

Secondo il Mobility Insights Report di LeasePlan in collaborazione con Ipsos, edizione dedicata a “Veicoli elettrici e sostenibilità”, dalle oltre 5.000 interviste a guidatori di 22 Paesi (dall’Australia alla Turchia, passando ovviamente per l’Italia), emerge un forte miglioramento dell’attitudine nei confronti dell’auto elettrica. Lo dimostra la percentuale record del 65% dei partecipanti al sondaggio, che indica di considerare favorevolmente la guida elettrica a emissioni zero. Il 44%, circa la metà di tutti i partecipanti, ammette di aver cambiato opinione in senso positivo verso la guida elettrica nel corso degli ultimi tre anni. E la grande maggioranza di chi ha in programma di cambiare auto nei prossimi cinque anni, afferma che prenderà in considerazione un veicolo elettrico (con una percentuale del 61%). In poche parole, secondo il report, l’accettazione dei veicoli elettrici da parte degli automobilisti sembra davvero aver raggiunto un punto di svolta. Restano alcuni ostacoli, dal prezzo alla diffusione delle colonnine, ma la consapevolezza green si è insomma fatta largo anche nei sondaggi. Emerge la convinzione che la scelta di veicoli ecologici non debba costare di più di quella per una vettura diesel o a benzina: il 46% ritiene che i veicoli elettrici non solo contribuiscano a combattere il cambiamento climatico grazie alle minori emissioni di CO2, ma che abbiano anche un costo operativo complessivo inferiore (per il 47% degli intervistati).

Colonnine ancora insufficienti. Considerando gli aspetti meno positivi nella decisione di passare a un'auto alla spina, invece, il 51% di coloro che prevedono di acquistare un’auto nei prossimi 5 anni cita l’insufficienza delle infrastrutture di ricarica (a casa, al lavoro o nelle reti stradali pubbliche), mentre la cosiddetta ansia da autonomia (range anxiety) impedirebbe a un altro 34% di compiere il salto da benzina o gasolio verso le batterie. “Ancora una volta, constatiamo che i guidatori sono pronti al cambiamento e a svolgere il proprio ruolo nel combattere il cambiamento climatico, ma la mancanza di infrastrutture di ricarica per i veicoli elettrici costituisce un ostacolo”, ha commentato Tex Gunning, ceo di LeasePlan. Secondo il quale “i governanti dei 22 paesi oggetto del sondaggio devono intervenire e rispondere alla domanda proveniente dall’opinione pubblica, investendo in infrastrutture di ricarica universali, economiche e sostenibili”.

COMMENTI

  • La fiera delle belle intenzioni.