ISCRIVITI GRATIS
Ricevi gratis la rivista Fleet&Business e la Newsletter
Quattroruote Fleet&Business è la nuova rivista firmata Quattroruote pensata per chi, all’interno delle società, si occupa della mobilità del loro personale e della gestione dei veicoli aziendali.

con il supporto di
Aziende

Berg Insight
Il car sharing verso un milione di veicoli

Berg Insight
Il car sharing verso un milione di veicoli
Chiudi

Malgrado la pandemia, che ha spinto per lunghi tratti gli utenti a utilizzare il car sharing con il contagocce, il numero degli iscritti a questo servizio, secondo la società di analisi Berg Insight, crescerà dai 71,9 milioni dello scorso anno ai 190,3 milioni nel 2025, con una crescita media annua del 21,5 per cento. Anche il numero dei veicoli aumenterà dai 463.000 del 2020, con una flotta comunque cresciuta lo scorso anno del 10%, a 971.000 unità entro la fine del 2025 (+16% di crescita annua di media). "Nel corso del 2020 diversi operatori di car sharing hanno messo in attesa i loro piani di espansione, ma nel 2021 sono invece ripartiti", spiega Martin Svegander, analista senior di Berg Insight. 

Si allunga il tempo di noleggio. Dai pochi minuti per spostarsi in città a noleggi plurigiornalieri, passando dall'utilizzo in sostituzione del trasporto pubblico o del taxi: le modalità d’uso del car sharing cambiano e allungano i tempi di noleggio, con diverse proposte che arrivano dai diversi settori della filiera automotive. Gli operatori principali di car sharing delle case automobilistiche sono Share Now (di proprietà di Daimler e BMW), che oggi opera solo in Europa con una flotta di 11.000 auto e 3 milioni di iscritti, Free2Move (di proprietà di Stellantis), WeShare (di proprietà di Volkswagen) e Volvo Car Mobility. Dal mondo del noleggio arriva Ubeeqo (di proprietà di Europcar Mobility Group), Sixt Share (di proprietà di Sixt), Zipcar (di proprietà di Avis Budget Group) e LeasysGO! (di proprietà della captive di FCA Bank), mentre sono diversi i soggetti specializzati quali Times Car Plus in Giappone, Socar in Corea del Sud, GoFun e EvCard in Cina, Enjoy in Italia, Mobility Carsharing in Svizzera, Stadtmobil e Cambio in Germania, Communauto in Canada e GoGet in Australia. "I primi 25 fornitori di servizi di car sharing rappresentano circa il 72% del mercato e gestiscono quasi il 58% della flotta di car sharing in tutto il mondo alla fine del 2020", illustra Svegander. Essenziale infine il ruolo delle società di telematica per il servizio del car sharing, tra cui Berg cita Invers, Convadis, Continental, Octo Telematics, Vulog, Mobility Tech Green, Targa Telematics e Wunder Mobility

COMMENTI