ISCRIVITI GRATIS
Ricevi gratis la rivista Fleet&Business e la Newsletter
Quattroruote Fleet&Business è la nuova rivista firmata Quattroruote pensata per chi, all’interno delle società, si occupa della mobilità del loro personale e della gestione dei veicoli aziendali.

con il supporto di
Aziende

MobilityHub On Track
A Vairano va in onda la digital transformation per il mondo retail

MobilityHub On Track
A Vairano va in onda la digital transformation per il mondo retail
Chiudi

Dopo 15 mesi di webinar e riunioni virtuali, i professionisti del settore automotive si sono finalmente ritrovati di presenza - naturalmente nel rispetto delle norme anti-Covid - all’Autodromo di Vairano, di proprietà di Quattroruote. Grazie ai contributi di BtheOne Automotive e di Quattroruote Professional e, per la parte contenuti, di Fleet&Business, si è svolta la prima edizione di MobilityHub On Track, il più importante evento B2B sulla Mobility Transformation. I 978 partecipanti all’evento hanno trascorso la giornata potendo passare dall’Area Business a cielo aperto dell’Autodromo, dove 28 aziende sponsor hanno presentato le loro proposte, all’area test, nella quale è stato possibile provare il quadriciclo full electric del marchio XEV YoYo, le e-bike Issimo di Fantic, e, in anteprima sulla pista, le Audi Q4 e Etron. Nell'area convegni, sviluppata su quattro sale, si sono alternate sul palco le voci più autorevoli del panorama automotive, oltre che figure provenienti da altri settori che hanno portato il proprio punto di vista e know how, condividendo con i partecipanti spunti, idee e best practice operative da poter mettere in pratica fin da subito nel processo di Mobility Transformation delle loro aziende. 

2021_Mohb_primo_tavolo

Un ricco palinsesto. L’evento è stato inaugurato da una tavola rotonda che potremmo definire atipica per un evento B2B nel settore automotive, dal titolo “il Futuro della mobilità”, durante il quale si è parlato senza remore delle città che verranno e come ci si sposterà nelle nuove metropoli e al di fuori di esse. Con l’esempio estremo dei Paesi del Nord Europa (Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia e Svezia) raccontato con un collegamento in streaming da Oslo (Norvegia) dalla senior di Nordic Innovation Nina Egeli. Un futuro possibile anche da noi? Forse tra diversi anni, come ha detto l’architetto Alessandro Benetti, chiamato sul palco a commentare i progetti innovativi dei Paesi nordici, fautore di un ripensamento del suolo dove tutti gli attori, quindi anche le auto, possano avere i loro spazi. La parola è poi passata ad Alberto Di Tanno, numero uno del gruppo Intergea, e a Emilio Deleidi, capo redattore sezione attualità, inchieste e mercato di Quattroruote, per calare la nuova mobilità sulla realtà nostrana. Dove, oltre alla sostenibilità ambientale, urge ritornare a pensare anche alla sostenibilità economica e sociale di alcune scelte. Si sono poi susseguiti seminari, che hanno indagato diversi temi cari al mondo dei concessionari e delle aziende della filiera, dai nuovi servizi complementari, alle nuove offerte di mobilità, dalle proposte elettrificate e al loro remarketing, da come comunicare questo nuovo mondo alle potenzialità del noleggio. In due diversi tavoli Salvatore Saladino, country manager di Dataforce Italia, insieme al managing director Europa di ArvalGrégoire Chové, e Giuseppe Benincasa, direttore generale Aniasa, in collegamento in streaming da Roma, insieme ad Angelo Salerno di Noleggiare e Dario Cerruti di LeasePlan, hanno snocciolato una serie di dati del settore che hanno positivamente impressionato i concessionari presenti. Così come gli interventi di Stefan Eckl, direttore commerciale e marketing di Adria Italia, e Roberto Savoldelli, di Auto Savoldelli, che hanno illustrato due nuovi possibili business ad alto margine per i concessionari, ovvero, rispettivamente, la vendita o il noleggio di camper, e la vendita di bici elettriche, sulle quali ormai il concessionario Mercedes di Brescia si è specializzato. 

2021_mohb_Zanetti

Il momento dei “capitani”. Sono stati due i momenti clou dell’evento: il primo, quando è salito sul palco l’ex-calciatore nonché vicepresidente dell’Inter Javier Zanetti, che ha raccontato, con molta semplicità, il suo percorso di atleta prima e di manager poi; il secondo alla chiusura dell'evento, quando il direttore di Quattroruote Gian Luca Pellegrini ha pungolato i tre rappresentanti di due associazioni di settore, il presidente e il vicepresidente di Federauto Adolfo De Stefani Cosentino e Plinio Vanini e il presidente Unrae Michele Crisci, sulla difficoltà di farsi ascoltare  in modo univoco dalla politica, da parte di un settore che vale comunque l’11% del Pil.  “Non abbiamo un senso di comunanza nel settore”, ha tuonato Vanini; “quando il governo giallo-verde ci chiamò per parlare di automotive ci presentammo un po’ disuniti”, ha confessato De Stefani. Che poi ha sottolineato come “forse noi ci siamo un po’ presentati come dilettanti, ma mai come quelli che ci avrebbero dovuto ascoltare”. Tutti d'accordo nel dire che il Governo passato, comunque, “ha fatto di più di questo, per il quale c’erano più aspettative. Ma forse c’è una maggioranza troppo variegata”, ha commentato Crisci, che ha rincarato la dose: “Nella stesura di piani di rilancio economici, come il PNRR, non so perché non si guardi ai pilastri dell’economia, come il nostro settore, ma anche ad altri come, ad esempio, il turismo. Anche perché con iniziative semplici, come quella con gli incentivi, si è ridato fiato al mercato, che ha fatto meglio rispetto ad altri paesi: migliorando l'ambiente, visto che si è iniziato a cambiare un parco tra i più vecchi d’Europa e quindi più inquinante e che, a questo ritmo, verrebbe sostituito in 27 anni… ma anche le casse dello Stato, visto che investendo in incentivi 1.500 euro lo Stato ne incassa 5.000 sulla vendita di un’auto che di media costa 20/22.000 euro”. E se i tentennamenti del Governo preoccupano il settore, anche le scelte delle Case, e di una in particolare, preoccupano la platea dei concessionari, come hanno sottolineato tutti i presenti sul palco. Sperando che, eventi come questo, possano tracciare un cammino futuro più positivo per il mondo del retail e delle aziende della filiera, gli organizzatori hanno deciso di ripetere questa manifestazione dando appuntamento a tutti, ancora a Vairano, nel maggio del 2022. Ma, prima, tutti all'autodromo di Imola, dove si terrà una tre giorni con l'obiettivo ben chiaro, a partire dal titolo, di far ripartire il settore: "Faremo Mission restart i prossimi 12,13 e 14 ottobre", hanno annunciato l'ad di Promotec, Renzo Servadei, e il Marketing, Services & Delivery director di Quattroruote Professional Fabio Uglietti

2021_Mohb_tavolo_finale

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

MobilityHub On Track - A Vairano va in onda la digital transformation per il mondo retail

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it