ISCRIVITI GRATIS
Ricevi gratis la rivista Fleet&Business e la Newsletter
Quattroruote Fleet&Business è la nuova rivista firmata Quattroruote pensata per chi, all’interno delle società, si occupa della mobilità del loro personale e della gestione dei veicoli aziendali.

con il supporto di
Aziende

Mercato Europeo
Crescono le flotte elettrificate (ma grazie agli incentivi)

Mercato Europeo
Crescono le flotte elettrificate (ma grazie agli incentivi)
Chiudi

Durante un evento online organizzato dall’International Fleet Managers Institute (IFMI), organizzazione nata 19 anni fa per la formazione dei fleet manager, è intervenuto Marc Odinius, ceo di Dataforce, che ha parlato dell’andamento del mercato delle nuove immatricolazioni di nuove auto in tutta Europa. Paventando un 2022 ancora difficile, ma con diversi nuovi trend da sottolineare. L'adozione complessiva di veicoli a combustibili alternativi (Alternative Fuel Vehicle) ha raggiunto il 29%, in aumento del 10,3% rispetto all'anno precedente, con le flotte a fare ancora meglio, al 32%, con un +10,2% nel 2021 sul 2020. Flotte che in Germania, nel principale mercato auto del Continente, hanno raggiunto il 33% delle immatricolazioni "con un picco del 40% nel dicembre scorso", afferma Odinius. Che precisa: "Uno sviluppo che pochi avevano predetto, soprattutto nelle immatricolazioni dei privati, dove ben il 47% sono vetture a propulsione alternativa". 

Quando gli incentivi aiutano. L’adozione di veicoli elettrificati, e di quelli full electric in particolare, dipendono grandemente dagli incentivi statali e dall’azzeramento di alcune tasse, come dimostra la sempre citata Norvegia, dove il 92% delle nuovi immatricolazioni sono di veicoli elettrificati - elettrici in particolare -, ma anche i Paesi Bassi, dove i veicoli a propulsione alternativa sono ormai il 43% nelle flotte, di cui il 28% full electric, contro un misero 3% dei diesel. 

2022 picco per gli ibridi plug-in. Secondo Odinius i veicoli ibridi plug-in raggiungeranno il loro picco proprio quest’anno, per poi andare a calare perché le Case investiranno sempre di più sull’elettrico puro. Il "pareggio" modelli endotermici-modelli elettrificati, secondo il ceo della società tedesca di analisi specializzata nell’automotive, avverrà nel 2026, anche se necessariamente gli incentivi continueranno a diminuire. Tra il 2025 e il 2030, con la maggior adozione di auto elettrificate, i governi dovranno comunque trovare nuove entrate dal mondo auto - storicamente uno dei più "tartassati" dai vari sistemi fiscali dei paesi europei – e, sostiene Odinius, le troveranno mettendo imposte sui nuovi servizi e i download delle auto connesse. Ma non si dovrà attendere il 2030 - quando molti paesi metteranno al bando la vendita di auto a motore termico - per vedere un innalzamento dei costi di gestione di un’auto, in quanto già nei prossimi mesi gli esperti si attendono un Tco in crescita di almeno il 5%. 

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Mercato Europeo - Crescono le flotte elettrificate (ma grazie agli incentivi)

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it