ISCRIVITI GRATIS
Ricevi gratis la rivista Fleet&Business e la Newsletter
Quattroruote Fleet&Business è la nuova rivista firmata Quattroruote pensata per chi, all’interno delle società, si occupa della mobilità del loro personale e della gestione dei veicoli aziendali.

con il supporto di
Aziende

Octo Telematics-Ambrosetti
Nel 2025 il mercato della telematica arriverà a quasi 10 miliardi di dollari

Octo Telematics-Ambrosetti
Nel 2025 il mercato della telematica arriverà a quasi 10 miliardi di dollari
Chiudi

Ormai non è più un mistero: le Case automobilistiche, per cogliere l’opportunità di diversificare le fonti reddituali, hanno messo nel mirino il mercato dei nuovi servizi per la mobilità e in particolare i servizi di connettività. D'altro canto, il potenziale è enorme e lo dimostrano le cifre elaborate dalla società di consulenza The European House-Ambrosetti in collaborazione con la società telematica Octo Telematics: entro il 2025 il valore dei servizi telematici legati alla mobilità potrà arrivare a 9,8 miliardi di dollari (+216% rispetto al 2019), mentre l'insieme dei servizi legati ai veicoli potrà raggiungere il trilione di dollari (+150%).

Boom di dati. Il fulcro della nuova mobilità connessa sarà comunque rappresentato dai dati. Anche in questo caso, le cifre non mentono: il trend, anche grazie alla guida autonoma, potrebbe subire un incremento "esponenziale". Oggi, una vettura moderna genera circa 25 Gigabyte di dati per ogni ora di utilizzo, ma in futuro un veicolo a guida completamente autonoma potrebbe arrivare a produrre fino a 40 Terabyte l'ora, l'equivalente di un iPhone utilizzato per 3 mila anni. Trend e numeri della nuova mobilità sono al centro della seconda edizione di Octo Connected Mobility 2025, l’appuntamento che troverà il suo culmine il 16 settembre con l’OCTO Connected Forum e la presentazione del secondo rapporto sulla mobilità connessa.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Octo Telematics-Ambrosetti - Nel 2025 il mercato della telematica arriverà a quasi 10 miliardi di dollari

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it